Rock Hudson, Laura Antonelli e WHAM! Tre icone per tre nuovi doc

Tre titoli per scoprire vite incredibili: dall'attrice e sex symbol italiana alla "Hollywood dei bigotti" attraversata da Rock Hudson, ma anche il dietro le quinte del rapporto tra gli WHAM!


Il documentario è uno dei generi che ha maggiormente giovato di diete audiovisive sempre più ricche. In forma di serie o nel classico racconto da 90 minuti, le storie di vita – personaggi o grandi eventi, specialmente se a sfondo thriller – piacciono sempre di più. Capita così che in un solo weekend siano addirittura tre i docu a rubarsi vicendevolmente le attenzioni, proponendo vicende e aneddoti di tre diversissime figure della storia del ‘900: Laura Antonelli, Rock Hudson e i WHAM!.

Senza maliziaLaura Antonelli

È andato in onda giovedì sera su Rai (3,3% di share con 526 mila spettatori) il documentario dedicato alla vita e alla carriera di Laura AntonelliSenza Malizia. Il titolo ora in streaming su RaiPlay è diretto da Bernard Bédarida e Nello Correale e racconta la figura dell’attrice e sex symbol italiana raccogliendo testimonianze e materiale d’archivio. “La storia era lì, per chi la ricorda”, ha scritto Antonio Dipollina commentando il docu su La Repubblica, “dentro una carrellata di vita e una carriera che nasce come un sogno, lo realizza – un sex symbol pressoché mondiale – e sul più bello cambia direzione e inizia a correre verso l’abisso”. La sensazione finale, conclude il giornalista, è quella di una vita che “somiglia tanto a un brutto film che nessuno avrebbe girato“. Scorrendo il feed twitter nella serata della messa in onda del documentario, sono in tanti a condividere ricordi e foto dell’attrice: “ho girato per caso su Rai3 e sono rimasto letteralmente rapito della bellezza di Laura Antonelli”, scrive un utente a metà serata.

La vita dell’attrice è stata segnata da un’infanzia che avrebbe poi definito “disperata ed infelice”. Nata da una famiglia di esuli istriani, è stata profuga e raggiunse Roma giovanissima, dando vita a una carriera di orizzonti sterminati e incredibili abissi.

WHAM!

Dietro le quinte di un’amicizia che ha portato due compagni di scuola a toccare le vette più alte grazie a hits mondiali entrate per sempre nell’immaginario: la storia degli WHAM! è la storia di George MichaelAndrew Ridgeley e degli anni ’80, raccontati nel documentario Netflix diretto da Chris Smith, dal 6 luglio sulla piattaforma. Al centro, la parabola della rockstar del ‘900, ascesa e discesa, euforia e disgregazione: perché gli WHAM! si sono divisi? Anche a questo risponde il documentario, riavvolgendo il tempo e l’amicizia dei due, raccontati dai banchi di scuola all’ultimo concerto al Wembley Stadium nel 1986.

In WHAM! vengono passate in rassegna le grandi hits del duo, da Club Tropicana a Wake Me Up Before You Go Go, osservando da vicino il rapporto tra Michael e Ridgeley come complesso e singoli. Il documentario racconta anche la presa di consapevolezza del cantante della propria omosessualità, che si confidò con l’amico prima di fare coming out nel 1998. Avendo deciso di tenere nascosto questo aspetto della propria vita, George Michael soffrì per anni di depressione (“mi ero intrappolato”). Il cantante è venuto a mancare nel 2016.

Andrew Ridgeley ha ora 60 anni. “Si tratta di un resoconto autentico della fulminea ascesa al successo di Wham! e di come abbiano trovato un posto così speciale nel cuore di molti”, ha scritto in un post su Instagram il cantante. “È stata una gioia guardare indietro a un capitolo così meraviglioso della vita dei giovani AJR e GM e spero che per molti di voi, allo stesso modo, riporterà in vita un’epoca d’oro e le gioie spensierate della gioventù”.

Rock Hudson: All that Heaven allowed 

È Antonio Monda su La Repubblica a richiamare l’attenzione su questo documentario HBO dedicato alla “vita amara di Rock Hudson nella Hollywood dei bigotti”. Il racconto diretto da Stephen Kijak si rifà all’omonimo libro di Mark Griffin. 

La star è stata simbolo di un’idea di mascolinità americana con cui gli States, dalla sua tragica morte in poi, mentre il mondo cambiava, ha dovuto fare i conti. A lungo Hudson riuscì a nascondere la propria omosessualità, fino a che non dovette arrendersi davanti all’incessante avanzare dell’AIDS, termine che all’epoca Ronald Raegen (suo amico) non aveva ancora mai pronunciato in pubblico. La sua morte cambiò per sempre l’approccio all’epidemia, svegliando la coscienza collettiva e responsabilizzando la politica, chiamata finalmente ad affrontare il dramma in corso. Fu Roy Harold Scherer, poi Roy Fitzgerald e infine Hudson, attraversando una Hollywood diversa, fatta di superfici splendenti, non detti e bigottismi specchio della società.

Alessandro Cavaggioni
09 Luglio 2023

Documentario

Documentario

Roger Federer, gli ultimi giorni di carriera nel doc di Asif Kapadia

Il regista premio Oscar dirigerà un documentario per Prime Video usando delle immagini inizialmente pensate per uso personale

Documentario

‘Chemsex’, in arrivo il doc Sky sulla droga dello stupro

Il docufilm-inchiesta partirà dalla vicenda di Alberto Genovese e dei suoi festini a luci rosse su Terrazza Sentimento

Documentario

Un documentario sul caso Abu Omar, l’imam milanese sequestrato dalla CIA

Nelle sale cinematografiche dal 5 febbraio, il film ripercorre la vicenda giudiziaria che per la prima volta ha portato a un'indagine della magistratura su un rapimento operato dall'agenzia di spionaggio statunitense su suolo italiano

Documentario

‘Ghost Detainee’, in sala il doc sul caso Abu Omar

È stato pubblicato il trailer del di Flavia Triggiani e Marina Loi - dal 5 febbraio al cinema - che racconta il primo caso al mondo in cui un sequestro di Stato operato dalla CIA finisce al centro di un’indagine della magistratura di un Paese alleato


Ultimi aggiornamenti