Premio Elio Petri 2023, svelata la cinquina della V edizione

'Piano Piano', 'Come pecore in mezzo ai lupi', 'La bella estate', 'Bassifondi' e 'Disco Boy' i cinque film candidati al Premio Petri 2023, annunciati nella suggestiva cornice di casa Petri, attraverso la voce di sua moglie Paola e degli altri giurati.


Un premio giovane per un grande maestro del cinema.

Anche quest’anno l’Associazione Porretta Cinema organizza l’unico Premio dedicato all’emblematica figura di Elio Petri, regista e pietra miliare del cinema italiano e internazionale.

L’idea del Premio Nazionale Elio Petri nasce dalla volontà di omaggiare l’opera di Petri – in considerazione del rapporto speciale che ha legato il regista alla Mostra del Cinema Libero di Porretta Terme, dove nel 1971 insieme a Gian Maria Volonté presentò in anteprima mondiale La classe operaia va in paradiso – attraverso la commemorazione e la memoria, ma soprattutto di valorizzare un’opera contemporanea che si distingua per le tematiche di denuncia sociale e politica in linea con il cinema di Petri.

A sposare il progetto, giunto alla sua quinta edizione, interlocutori prestigiosi del calibro della Fondazione Cineteca di Bologna, del sostegno e del patrocinio della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del MiC e della famiglia dell’autore, nella persona di Paola Pegoraro Petri.

Protagonista del festival sin dagli anni ’70, Petri è stato uno dei più originali autori del panorama cinematografico nazionale, capace come nessun altro di variare all’interno di generi e linguaggi, inanellando una serie memorabile di casi cinematografici che tanto hanno fatto discutere critica e pubblico.

 

La cinquina dell’edizione 2023 del Premio è stata svelata dalla suggestiva cornice di casa Petri, attraverso la voce di sua moglie Paola e degli altri giurati.

Concorreranno al Premio:

Piano Piano di Nicola Prosatore

Come pecore in mezzo ai lupi di Lyda Patitucci

La bella estate di Laura Luchetti

Bassifondi di Francesco Pividori

Disco boy di Giacomo Abbruzzese

 

La giuria del Premio si compone di personalità di alta professionalità:  Walter Veltroni (politico, giornalista, regista e scrittore), Steve della Casa (critico cinematografico, direttore di festival, autore e conduttore radiofonico), David Grieco (attore, scrittore, sceneggiatore, regista, produttore), Paola Pegoraro Petri (moglie di Elio Petri, produttrice), Giacomo Manzoli (scrittore e docente universitario), Alfredo Rossi (giornalista e critico cinematografico), Jean A. Gili (scrittore e docente Universitario), Boris Sollazzo (speaker radiofonico, scrittore, critico e giornalista), Cristiana Paternò (critico cinematografico, responsabile delle attività giornalistiche di Cinecittà SpA, presidente del Sindacato azionale Critici Cinematografici SNCCI), Silvia Napolitano (sceneggiatrice e docente).

Tutti e cinque i film selezionati saranno proiettati gratuitamente a Bologna, presso il Cinema Odeon, dal 30 ottobre (unico lunedì) e al mercoledì a partire dall’’8 novembre.

Il vincitore della quinta edizione del Premio Nazionale Elio Petri, insieme ad altri prestigiosi ospiti legati alla manifestazione vi aspettano alla 22esima edizione del Festival del Cinema di Porretta Terme che si terrà dal 2 al 10 dicembre 2023.

 

Il Premio Nazionale Elio Petri gode del contributo della Emilia Romagna Film Commission e della Regione Emilia Romagna, della Direzione Generale Cinema e Audiovisivo del MiC, del Comune Alto Reno; in collaborazione con: Cineteca di Bologna; il patrocinio di Città metropolitana, Unione appennino bolognese, AFIC, FICE, Museo nazionale della fotografia.

 

18 Ottobre 2023

Cannes 2024

Totopalma, sarà un premio politico?

Il TotoPalma di questo 77° Festival di Cannes è più che mai complesso, anche per la presenza di film che rappresentano aree critiche del pianeta, come la Russia e l'Iran con gli autori dissidenti Mohammad Rasoulof e Kirill Serebrennikov

Cannes 2024

XXVII La Cinef, vince l’indiano ‘Sunflower’

Nella selezione anche l’italiano In spirito, che però non entra nella rosa dei premiati: la giuria, che ha visto impegnato anche Paolo Moretti, ha giudicato 18 film studenteschi, provenienti da 555 scuole di cinema del mondo

Cannes 2024

Dal red carpet di ‘L’amour ouf’

Film francese, tra gli ultimi in anteprima a Cannes 77. Un incredibile affresco d'amore

Cannes 2024

L'amore della musica che va oltre ogni tipo di confine


Ultimi aggiornamenti