‘Piove’ vietato ai minori di 18 anni. La produzione fa ricorso

En plein di bollini di contenuti sensibili per l'horror-fantasy di Paolo Strippoli


Piove sul cinema italiano già bagnato dalla crisi. Infatti Piove di Paolo Strippoli, classificato in autonomia dal distributore Fandango come “opera non adatta ai minori di 14 anni”, come prevede la Legge Franceschini ispirata al principio della responsabilizzazione degli operatori audiovisivi, è stato invece bocciato dalla commissione ministeriale preposta al controllo del Ministero della Cultura, in particolare la sottocommissione 3 riunitasi l’11 ottobre, che ha ritenuto di alzare il divieto ai minori di 18 anni soprattutto per la violenza troppo “descrittiva” e forse anche per un nudo integrale. Anche i bollini per i contenuti sensibili sono aumentati, la produzione aveva proposto solo quello della ‘violenza’ mentre la commissione ha optato per l’en plein aggiungendo tutti gli altri cinque bollini previsti dall’ordinamento: ’sesso’, ‘uso di armi’, ‘linguaggio e turpiloquio’, ‘uso di sostanze stupefacenti o alcol’, ‘discriminazione e incitamento all’odio’.

Una decisione che ha colto di sorpresa tutti, distributore, produttori (Propaganda Italia, Polifemo e GapBusters) e soprattutto il regista: “Sono rimasto sorpreso dal divieto ai minori di diciotto anni. Il film rappresenta la violenza sempre attraverso un dispositivo horror sovrannaturale e allegorico. Non c’è alcuna istigazione o apologia del male, anzi, solo la crudezza che il genere richiede. Piove è una parabola che racconta del nostro lato oscuro e nel finale offre una soluzione per addomesticarlo”, dice a Cinecittà News Paolo Strippoli che ha scritto il film con Jacopo Del Giudice e Gustavo Hérnandez. 

Piove con Fabrizio Rongione, Cristiana Dell’Anna, Francesco Ghegi, Aurora Menenti e Leon De La Valléè, è previsto in uscita il 10 novembre al cinema mentre il 21 ottobre sarà in anteprima italiana ad Alice nella città, la sezione autonoma e parallela della Festa del cinema di Roma. Anche la produttrice Marina Marzotto di Propaganda Italia ritiene che «certamente in Italia non si fanno molti horror come Piove ma il film a nostro avviso non richiede un divieto ai minori di 18 anni. Ricorreremo subito sperando di poter spiegare le nostre ragioni».

Ora si attende l’esito del ricorso che verrà depositato lunedì 17 ottobre. La speranza è che tutto finisca come lo scorso anno con La scuola cattolica di Stefano Mordini che ebbe un iter molto simile, ricorderete le polemiche per il divieto ai minori di 18 anni, e alla fine tornò a essere vietato ‘solo’ ai minori di 14 anni.

Una corsa contro il tempo perché il lancio di Piove allo stato attuale è congelato dal momento che per le opere vietate ai minori di 18 anni non possono nemmeno essere mostrati i trailer. Un danno commerciale non da poco in un momento in cui il cinema italiano fatica pure ad arrivare al suo pubblico.

15 Ottobre 2022

Divieti

Divieti

‘Talk to Me’ vietato ai minori di 18 anni

Fresco di un ottimo primo weekend in sala, l'horror dell'anno Talk To Me, di Danny e Michael Philippou, è stato vietato ai minori di 18 anni dalla Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche. Plaion Pictures farà ricorso

Divieti

Cocainorso, balletto di divieti, dai 18 ai 14

Cocainorso proposto da Universal come vietato ai minori di 14 anni è stato portato ai 18 anni da una prima sottocommissione ministeriale. Dopo il ricorso della major il divieto è stato riportato definitivamente ai minori di 14 anni

Divieti

‘Piove’ vince il ricorso al Tar contro il divieto ai minori di 18 anni

Contro il VM18 della commissione ministeriale della classificazione delle opere, Piove di Paolo Strippoli ottiene dal Tar il ripristino del divieto ai minori di 14 anni

Divieti

Confermato il divieto ai minori di 18 anni per Piove di Paolo Strippoli

La commissione per la classificazione delle opere del Ministero della Cultura ha confermato il divieto ai minori di 18 anni.


Ultimi aggiornamenti