Paramount, nuova offerta da oltre 2 miliardi di dollari

Mentre si attende la decisione in merito alla proposta di Skydance, il Ceo di Warner Music si fa avanti con il fondo di private equity Bain Capital


Dopo l’offerta di Skydance Media, Paramount attende la decisione di Shari Redstone, azionista di controllo con il 77% delle azioni della casa di produzione.

Secondo il The Wall Street Journal, però, ci sarebbe un altro acquirente interessato allo studio: Edgar Bronfman Jr., ex CEO di Vivendi Universal e Warner Music, e attualmente presidente esecutivo della piattaforma di streaming Fubo

L’offerta di Bronfman jr., presentata con il fondo di private equity Bain Capital, si attesterebbe intorno ai 2 miliardi di dollari e riguarderebbe nel suo complesso la National Amusements, la società di Shari Redstone che controlla la maggioranza di Paramount. Alla proposta di Skydance, pari a 8 miliardi di dollari, aveva fatto seguito l’annuncio di un piano di riassetto di Paramount, pari a 500 milioni di dollari di tagli su base annuale, vendita di asset e una partnership per la gestione del servizio streaming Paramount+. (A.C.)

11 Giugno 2024

Hollywood

Hollywood

Sony, offerta da 26 miliardi per acquisire Paramount

Al fianco della società giapponese ci sarebbe, come socio di minoranza, la Apollo Global Management, colosso del private equity

Hollywood

‘Rust’, l’armiera Gutierrez-Reed condannata a 18 mesi

La responsabile delle armi sul set del western è stata ritenuta colpevole per l'omicidio involontario di Halyna Hutchins. Il processo che riguarda Alec Baldwin si svolgerà a luglio

Hollywood

Hollywood, un altro sciopero all’orizzonte?

Al grido di “tanti mestieri, una sola lotta”, in 2000 sono già scesi in piazza domenica 3 marzo a Los Angeles. I sindacati dei tecnici chiedono ai produttori di rinegoziare il loro contratto che scade il 31 luglio.

Picchetto di attori in sciopero
Hollywood

Sciopero, attori di Hollywood ratificano accordo con gli Studios

Il documento sancisce ufficialmente la fine della più lunga battaglia sindacale della storia di Hollywood. Aumentati i compensi minimi e "arginata" l'AI


Ultimi aggiornamenti