‘Pamfir’: fino a che punto si è disposti a mettersi in gioco per un figlio?

L'opera prima del regista ucraino Dmytro Sukholytkyy-Sobchuk, presentata in selezione alla Quinzaine di Cannes: un carnevale tradizionale, la riunione con la famiglia, i compromessi; in sala dal 10/8


Un uomo, la famiglia, il passato e il compromesso

Un villaggio dell’Ucraina occidentale e la vigilia di un carnevale tradizionale: l’atmosfera della festa imminente, della leggerezza di un tempo spensierato parrebbe, perché invece il dramma si costruisce con l’immersione nell’anima di culture pervase da suggestione e mistero.

Il giuramento di Pamfir – già in selezione alla Quinzaine di Cannes 2023 – è una storia di confine, lì dove la pratica del contrabbando e la figura del contrabbandiere non sono aliene, tutt’altro: è la storia di un ritorno al paese d’origine da parte di Leonid, soprannominato Pamfir appunto, che si riavvolge sulle proprie radici dopo un periodo di emigrazione. Così, Pamfir, dopo un lungo tempo di assenza, e in fondo di scoperta di un altro mondo possibile ma senza mai la messa in discussione o il distacco dalla propria terra, quindi dalla mentalità medesima, fa ritorno a casa da buon padre di famiglia, ma… le circostanze lo costringono a mettersi in discussione e, per proteggere il suo nucleo familiare, si trova a venire a patti con il compromesso

Non si “gioca” pulito ne Il giuramento di Pamfir, perché questa storia immersa in un’atmosfera sospesa nel tempo e dentro costumi di una società ancorata a un passato tessuto tra eresia e Fede, fa ritrovare il protagonista stretto in una morsa a senso unico: quando Nazar, unico figlio di Pamfir, dà fuoco al municipio, il padre non ha altra scelta che ristabilire un contatto col travagliato vissuto pregresso, nel nome della “cura” del figlio, per ripararne l’errore commesso.

Fino a che punto si è disposti a mettersi in gioco per un figlio? Pamfir affronta dinamiche pericolose, una strada tracciata da decisioni che hanno già segnate conseguenze senza ritorno

Il giuramento di Pamfir è l’opera prima del regista ucraino Dmytro Sukholytkyy-Sobchuk, è un film che espira senso e consapevolezza della tradizione, che non la esalta ma altrettanto ne conosce luci e ombre e la rispetta nella sua essenza, così come mostra e non giudica l’operato di un essere umano, nel suo ruolo sociale e famigliare di padre, nonostante tutto, nonostante se stesso.  

Il film esce in sala il 10 agosto 2023. 

di Nicole Bianchi

Nicole Bianchi
08 Agosto 2023

Distribuzione

Distribuzione

Rivoluzione in casa Disney: a Sony l’appalto di DVD e Blu-ray

D'ora in poi, sarà Sony a farsi carico della produzione e distribuzione dei DVD, Ultra HD 4K e dei Blu-ray di casa Disney

Distribuzione

‘Confidenza’, Elio Germano nel trailer del film di Daniele Luchetti

Il film tratto dal romanzo di Domenico Starnone uscirà nelle sale il 24 aprile. Nel cast anche Federica Rossellini e Pilar Fogliati

Distribuzione

‘La natura dell’amore’: Monia Chokri, il desiderio femminile tra empatia e ironia

Il film è stato nella selezione di Un certain regard a Cannes: diretto e interpretato dall’autrice canadese, insieme a Magalie Lépine-Blondeau, Francis-William Rhéaume, Pierre-Yves Cardinal; al cinema per San Valentino, il 14 febbraio

Distribuzione

‘Drive-Away Dolls’, il film di Ethan Coen nelle sale in lingua originale

La commedia on the road con Margaret Qualley e Geraldine Viswanathan arriva nei cinema dal 7 marzo distribuito da Universal Pictures solo in edizione originale sottotitolata


Ultimi aggiornamenti