‘Il Monaco che vinse l’Apocalisse’, a dicembre in sala con TVCO International

C’è l’accordo per la distribuzione del film di Jordan River dedicato alla figura di Gioacchino da Fiore, un viaggio poetico e fantastico tra gli archetipi dell’esistenza e il viaggio dantesco ultraterreno.

‘Il Monaco che vinse l’Apocalisse’, a dicembre in sala con TVCO International

Un accordo distributivo è stato recentemente siglato tra Delta Star Pictures e TVCO – International Distribution per le vendite estere del film Il Monaco che vinse l’Apocalisse, diretto da Jordan River.

TVCO è una società indipendente di vendita internazionale, fondata nel 2006 da Vincenzo Mosca. L’azienda è impegnata a portare sul mercato internazionale le novità del cinema indipendente italiano e mondiale, con un ampio catalogo e una line-up di oltre 100 titoli.

TVCO si occuperà della distribuzione internazionale del film, con il titolo Joachim and the Apocalypse, che sarà inserito nel suo catalogo dedicato “TVCO Faith“.

Il film è evocativo e susciterà sicuramente interrogativi, non tanto perché riapre l’interesse per la figura di Gioacchino da Fiore, ma perché pone l’attenzione sul pensiero del riformatore monastico e fondatore dell’ordine florense, piuttosto che essere un biopic in senso stretto. Il cinema, infatti, è anche e soprattutto questo: emozionare ed elevare la coscienza verso interrogativi sulla vita e sul mondo in cui viviamo.

Il grande pubblico conosce poco questa figura, se non per la sua citazione nella Divina Commedia di Dante Alighieri. Dante, padre della lingua italiana e pilastro della letteratura mondiale, lo canonizza secoli prima della Chiesa ufficiale, collocandolo nel Paradiso (Canto XII, vv. 139-141) e definendolo «…di spirito profetico dotato». Numerosi artisti e pensatori internazionali, tra cui Montaigne, Hegel, Joyce e Michelangelo per il Giudizio Universale, si sono ispirati al suo pensiero figurativo.

Il film è frutto di anni di ricerca che hanno coinvolto numerosi studiosi e centri di ricerca, fornendo materiale interessante che farà certamente riflettere su molti temi, inclusi quelli legati all’Apocalisse di Giovanni, raramente trattati dal mondo religioso. Ma la pellicola è anche un viaggio poetico e fantastico tra gli archetipi dell’esistenza e il viaggio dantesco ultraterreno.

Pochi sanno del ‘debito’ culturale di Dante Alighieri verso Gioacchino da Fiore: diverse terzine della Divina Commedia si ispirano al pensiero della Terza Età dello Spirito. La Divina Commedia stessa è ispirata al poema “De Gloria Paradisi“, scritto da Gioacchino da Fiore un secolo prima di Dante.

L’uscita del film per il pubblico è prevista per dicembre 2024, in concomitanza con l’avvio dell’Anno Santo. Sono previsti numerosi eventi sia in Italia che all’estero, durante i quali il pubblico potrà incontrare il cast e la troupe del film e scoprire varie curiosità. Entro fine estate, il film sarà disponibile in inglese, seguito dal francese, e dal prossimo anno in tutte le lingue. (gp)

autore
02 Luglio 2024

Distribuzione

Distribuzione

Stefano Accorsi: “Il mio villain Maxime, un portatore involontario di valori sani”

L’attore per la prima volta doppia un cartoon e si racconta nel ruolo dell’antagonista di Gru, protagonista di Cattivissimo Me 4, dal 21 agosto 2024 al cinema con Universal Pictures

Distribuzione

‘Stella è innamorata’, il film di Sylvie Verheyde nelle sale il 19 settembre

Presentato al Locarno Film Festival, è un racconto di formazione che racconta con leggerezza i terremoti emotivi dell’adolescenza. Con Flavie Delangle, Marina Fois e Benjamin Biolay

Dune 2
Distribuzione

‘Dune 3’ uscirà lo stesso giorno del prossimo film di Star Wars?

Il nuovo film di Denis Villeneuve, che con ogni probabilità sarà Dune: Messiah, uscirà il 18 dicembre 2026, la stessa data in cui è fissato un atteso nuovo titolo del franchise di Star Wars

Distribuzione

‘The Apprentice’, il film su Trump senza distribuzione in USA

"La lezione è che quando critichi una persona potente devi avere un’altra persona potente che ti protegge", ha dichiarato il regista Ali Abbasi al Washington Post. Secondo la testata USA, dietro la mancata distribuzione si celerebbe un importante grande elettore dell'ex Presidente


Ultimi aggiornamenti