Nastri d’Argento, successo per i documentari di Luce Cinecittà

Premiati 'MUR' di Kasia Smutniak, 'Io, noi e Gaber' di Riccardo Milani ed 'Enigma Rol' di Anselma Dell’Olio


Luce Cinecittà imprime il suo marchio produttivo ai Nastri d’Argento per il Documentario, annunciati oggi dal Sindacato Giornalisti Cinematografici – SNGCI, con ben tre premi principali:

il Nastro per il Miglior Documentario – Cinema del Reale a MUR di Kasia Smutniak, coprodotto e distribuito nelle sale da Luce Cinecittà, il Nastro per il miglior documentario su Cinema, Spettacolo, Cultura a Io, noi e Gaber di Riccardo Milani; e il Nastro al Miglior Docufilm assegnato a Enigma Rol di Anselma Dell’Olio, entrambi coprodotti dal Luce.

Una grande affermazione dal premio più antico del nostro cinema, conferito dai giornalisti cinematografici per la factory creativa di Luce Cinecittà. Un’attenzione particolarmente significativa in una stagione di profondi cambiamenti per l’industria e il pubblico anche del cinema documentario.

‘Siamo felici dell’attenzione che i Nastri hanno voluto tributare a tre film che ci stanno a cuore – commenta Enrico Bufalini, Direttore Cinema e Documentaristica di Luce Cinecittà – che sintetizzano bene la varietà e la ricerca della nostra produzione. Un cinema d’autore che sa emozionare il pubblico, con racconti di storia, attualità, spettacolo, cultura. Un’attenzione che premia un progetto editoriale aperto, che coinvolge autori, alleanze produttive, creativi, che ci sta portando soddisfazioni, in un anno in cui abbiamo coprodotto il docu-evento più visto nei cinema, Io, noi e Gaber, abbiamo portato tanti titoli in festival, in sala e in tv, e ci apprestiamo a festeggiare il centenario del Luce con nuove avvincenti scommesse’.

MUR, vincitore del Nastro d’argento per il Miglior documentario di Cinema del Reale, prodotto da Fandango in associazione con Luce Cinecittà, che lo ha portato in sala, segna l’esordio alla regia di Kasia Smutniak, una delle attrici più popolari e apprezzate del nostro schermo. Protagonista del film un muro, in costruzione in Polonia, eretto per dissuadere l’ingresso di migranti in cerca di rifugio. Un’opera che è insieme un toccante diario personale e una denuncia contro una politica sorda all’accoglienza.

A vent’anni dalla scomparsa, Riccardo Milani ha dedicato a Giorgio Gaber, uno dei maggiori protagonisti della musica italiana Io, noi e Gaber, autentico caso di pubblico e vincitore del Nastro per il Miglior docu su Cinema Spettacolo e Cultura.  Il film racconta da un lato la parte privata, dall’altro riunisce un coro di grandi personaggi e artisti che lo hanno amato. Prodotto da Atomic, Rai Documentari, Luce Cinecittà, il film è distribuito da Lucky Red.

A Gustavo Rol, una delle più controverse figure del novecento italiano, è dedicato Enigma Rol di Anselma Dell’Olio, Miglior Docufilm ai nastri 2024, una produzione La Casa Rossa con Rai Cinema in coproduzione con RS Productions e Pepito Produzioni in associazione con Luce Cinecittà.

Il sensitivo torinese è raccontato attraverso testimonianze, materiale di repertorio, video d’archivio e ricostruzioni sceniche, per fare luce su una figura dibattuta e di intatto fascino.

Con questi tre titoli vincitori, Luce Cinecittà era presente nella selezione ufficiale dei Nastri documentari con ben altri 8 titoli di coproduzione e distribuzione.

Una rappresentanza forte e prestigiosa, che Luce Cinecittà condivide con gli altri produttori partner, e per la quale ringrazia il Sindacato Giornalisti Cinematografici, costantemente attento a illuminare il cinema documentario. Un settore che porta sempre più importanti risultati alla nostra industria, in termini di pubblico e di qualità e libertà creativa.

 

redazione
26 Febbraio 2024

Nastri 2024

Nastri 2024

Nastri d’Argento Documentari 2024. Milani, Smutniak, Martone i grandi vincitori

Premiazione Nastri d'Argento Documentari 2024. Grande affermazione di Cinecittà con 'Mur' di Kasia Smutniak, 'Io, noi e Gaber' di Riccardo Milani e 'Enigma Rol' di Anselma Dell’Olio

Nastri 2024

A Monica Bellucci il Nastro d’Argento per la ‘protagonista dell’anno’ nei documentari

L’attrice premiata per la sua interpretazione ‘intensa e toccante’ in 'Maria Callas: lettere e memorie'

Kasia Smutniak in Mur
Nastri 2024

Nastri d’Argento DOC, annunciate le cinquine finaliste

Due regie al femminile selezionate per il riconoscimento dedicato al 'Cinema del Reale'. Annunciati anche due nuovi Premi speciali a Roma, santa e dannata e a Un altro domani

Io, noi e Gaber
Nastri 2024

Luce Cinecittà ai Nastri Doc con ‘Mur’, ‘Io, noi e Gaber’ e ‘Profondo Argento’

Uno spaccato socio-politico e i ritratti di un grande cantautore e di un regista iconico. Ecco i doc Luce che concorrono nella cinquina finalista


Ultimi aggiornamenti