Annunciati i primi vincitori dei Nastri d’Argento Grandi Serie

Ferilli, Muccino, Borghi e Giannini saranno premiati e inaugureranno la serata di gala sabato 1 giugno alle Grandi Serie, un appuntamento che conclude al Palazzo Reale di Napoli la quarta edizione del Premio


Saranno i Nastri d’Argento per Sabrina Ferilli, quest’anno al suo grande ritorno in Rai con Gloria di Fausto Brizzi (Rai), per Alessandro Borghi e Adriano Giannini in  Supersex (Netflix) e straordinariamente per Gabriele Muccino, irresistibile guest star in Call my agent – Italia – Seconda stagione (Sky) e Vita da Carlo – Seconda stagione (Paramount+) ad inaugurare la serata di gala dedicata sabato 1 giugno alle Grandi Serie. Un appuntamento ancora una volta speciale, per la grande serialità, che conclude al Palazzo Reale di Napoli, la quarta edizione del Premio ideato e organizzato dai Giornalisti Cinematografici Italiani (SNGCI) in collaborazione con la Film Commission Regione Campania, con il supporto del MiC Direzione Generale Cinema e audiovisivo. Main sponsor SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori.

Con la sua appassionata interpretazione in Gloria Sabrina Ferilli è la protagonista dell’anno, tra le ‘icone’ che siglano una stagione particolarmente ricca di performance da segnalare:  perfetta e credibilissima nel suo stile, Gloria riassume in chiave umoristica le nevrosi di un mondo che il grande pubblico non conosce dietro le quinte e del quale, con un tocco di ironia, la serie racconta anche quelle fragilità e le vere e proprie ossessioni con le quali Sabrina ha costruito il personaggio di un’attrice cinica e divertente. Per Alessandro Borghi e Adriano Giannini il premio è un omaggio alla qualità ma anche alla ‘misura’ e al coraggio con il quale hanno affrontato in Supersex il personaggio di Rocco Siffredi e la sua storia. A Gabriele Muccino, infine, un riconoscimento per un’insospettabile capacità di mettersi in gioco, da attore, con sorprendente autoironia, divertendo e sicuramente divertendosi, sia nel cameo cult di Vita da Carlo che, ancora di più, come guest star di Call my agent – Italia.

Con i quattro premi ‘iconici’ di questa stagione ricca di interpretazioni interessanti e storie che hanno conquistato il pubblico, i Giornalisti annunciano anche i premi ai nuovi talenti: il prestigioso Premio Guglielmo Biraghi a Giacomo Giorgio, che in questo viaggio ad altissima velocità nel successo è stato simbolicamente scelto per un riconoscimento speciale anche da Italo. A poco più di trent’anni è tra i giovani attori emergenti quello che ha attraversato a tempo di record quattro titoli tra i più amati dal pubblico, da Mare fuori a Doc – Nelle tue mani passando per Noi siamo leggenda e Per Elisa – Il caso Claps.

E a proposito di giovani, i Nastri d’Argento lanciano quest’anno due giovanissime rivelazioni che hanno esordito dimostrando subito un talento speciale tra musica e serie: sono Leo Gassmann per la straordinaria interpretazione di Franco Califano nel film di Alessandro Angelini e Letizia Toni che, in Sei nell’anima di Cinzia TH Torrini, regala al pubblico una performance eccezionale di Gianna Nannini apprezzata anche dalla rockstar, toscana come lei, che rivive in questa storia gli anni difficili del suo esordio fino alla conquista del grande successo e anche della fiducia da parte di una famiglia che credeva poco all’esplosione del suo talento musicale.

La serata di sabato 1° Giugno a Palazzo Reale, un appuntamento ormai molto atteso nel panorama dei Premi istituzionali, celebrerà anche la Serie dell’anno, nella stagione 2023-24 La Storia di Francesca Archibugi (Rai) scritta da Giulia Calenda, Ilaria Macchia e Francesco Piccolo con una straordinaria Jasmine Trinca in un cast nel quale spiccano anche Elio Germano, Valerio Mastandrea, Asia Argento, Lorenzo Zurzolo e, anche qui, un esordiente già interessante come Francesco Zenga. I Nastri d’Argento Grandi Serie sono stati votati dalla stampa specializzata tra i titoli, quest’anno circa sessanta, gli autori e i protagonisti selezionati dai giornalisti che hanno poi scelto i vincitori con il voto di 70 iscritti.

La selezione dei Giornalisti Cinematografici, ha preso in considerazione le serie e i film tv della stagione 2023-24 andati in onda dal 1° maggio 2023 al 30 aprile 2024. I titoli candidati, anche su segnalazione degli iscritti al SNGCI, sono stati scelti quest’anno, come i premi speciali, dal Direttivo presieduto da Laura Delli Colli e composto da Fulvia Caprara (Vicepresidente), Oscar Cosulich, Maurizio di Rienzo, Susanna Rotunno, Paolo Sommaruga e Stefania Ulivi. Nel Direttivo anche Romano Milani, Segretario generale e Franco Mariotti (Sindaco)

A.C.
,
30 Maggio 2024

Nastri 2024

Nastri 2024

Nastri d’Argento, ‘Io Capitano’ il film più candidato

In cinquina finalista con il film di Matteo Garrone ci sono Comandante di Edoardo De Angelis, La Chimera di Alice Rohrwacher, Confidenza di Daniele Luchetti e I Dannati di Roberto Minervini. C’è ancora domani di Paola Cortellesi è il ‘Film dell’anno’

Nastri 2024

Animazione made in Napoli, dal debutto di Saviano alla coppia di produttori Ranieri-Zingaretti

"L'animazione in Campania tra creatività e industria". Un incontro con i due attori, produttori di Food Wizards: la seconda stagione in lavorazione, con Mad Entertainment. L'anteprima del mood trailer del film di Alessandro Rak: Il principe di Shangri-là e l'intervento di Enzo D'Alò

Nastri 2024

Leo Gassmann: “Califano, un biglietto da visita per la recitazione”

La nostra intervista all’attore, 25 anni, nipote di Vittorio, figlio di Alessandro: per il suo ruolo di debutto sullo schermo, i Nastri d’argento – Grandi Serie lo premiano come Rivelazione dell’Anno, il primo riconoscimento cinematografico della sua carriera, premio ricevuto anche da Letizia Toni, nel ruolo di Gianna Nannini

Nastri 2024

Nastri d’argento – Grandi Serie: premi da ‘Napoli Milionaria’ a ‘Supersex’ e ‘Antonia’

I premi della IV edizione: i commenti dei premiati – tra cui Asia Argento, Letizia Toni, Marco Pontecorvo, Leo Gassmann - con maestra di cerimonia Laura Delli Colli, presidente del SNGCI che promuove il riconoscimento, sul palco accanto a Titta Fiore, presidente della Film Commission Regione Campania


Ultimi aggiornamenti