Morto Filippo Ottoni, Sangiuliano: “un maestro del doppiaggio”

Scomparso ieri all'età di 84 anni, Ottoni ha tradotto e adattato alcune delle pellicole più amate della storia del cinema, da Clint Eastwood a Tim Burton


Filippo Ottoni, regista, sceneggiatore e storico direttore di doppiaggio, è morto ieri, domenica 7 maggio, a Roma. Il 17 maggio prossimo avrebbe compiuto 85 anni.

Ottoni ha diretto cinque film, il primo nel 1971 (La grande scrofa nera), mentre come direttore del doppiaggio ha tradotto e adattato centinaia di pellicole, cult senza tempo oggi citati in italiano grazie al suo lavoro.  Ha guidato l’Associazione Italiana Dialoghisti Adattori Cinematografici in qualità di Presidente. Numerosi e notevoli i riconoscimenti conquistati da Ottoni, tra cui il Miglior doppiaggio generale cinema al Festival del Doppiaggio Voci nell’Ombra, il Premio nazionale per la traduzione, dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, Miglior adattamento al Gran Premio Internazionale del Doppiaggio, Miglior direzione del doppiaggio – Premio della giuria al Gran Galà del Doppiaggio Romics DD e il Leggio d’oro alla carriera nel 2004.

“Un assoluto protagonista della storia del cinema italiano e un maestro del doppiaggio”, lo ha definito il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano apprendendo la notizia della scomparsa. “Da direttore del doppiaggio, Ottoni ha tradotto o adattato oltre 200 pellicole, da Clint Eastwood a Tim Burton, e ha rappresentato con grande successo la categoria da presidente dell’Associazione Italiana Dialoghisti Adattatori Cinematografici, un’eccellenza del cinema italiano”, ha concluso.

I funerali si terranno mercoledì 10 maggio alle 12 presso la Chiesa degli artisti di Piazza del Popolo a Roma.
A.C.
,
08 Maggio 2023

farewell

farewell

Borgonzoni: “Addio a Donald Sutherland, interprete indimenticabile”

"I lavori al fianco di registi italiani come Federico Fellini o Bernardo Bertolucci saranno per sempre impressi nella nostra memoria" ha dichiarato il Sottosegretario alla Cultura

farewell

Addio a Donald Sutherland, da ‘Casanova’ di Fellini a ‘Novecento’ di Bertolucci

Il leggendario attore Oscar onorario che ha recitato in decine e decine di film, da Quella sporca dozzina a Mash, fino alla saga Hunger Games, è morto a Miami all’età di 88 anni

farewell

Chiara Sbarigia: “Anouk Aimée, memorabile il suo rapporto con l’Italia”

La presidente di Cinecittà Chiara Sbarigia sulla scomparsa dell'attrice Anouk Aimée. "Memorabile il suo rapporto con il nostro Paese e con Cinecittà, dove ha avuto più volte la possibilità di recitare e ha lasciato un'impronta indimenticabile"

farewell

Borgonzoni: “Anouk Aimée un faro di ispirazione per le generazioni future”

"Un esempio di come sia possibile coniugare grazia e profondità nell'arte dell'interpretazione cinematografica" ha dichiarato il Sottosegretario alla Cultura


Ultimi aggiornamenti