Morto David McCallum, storico “Ducky” di NCIS

Il grande pubblico l'ha conosciuto con NCIS: "Un gentleman e un professionista" hanno scritto i produttori della serie ricordando l'attore scozzese


Nato a Glasgow in Scozia il 19 settembre 1933, David McCallum aveva da poco compiuto 90 anni. Il decesso è avvenuto la mattina del 25 settembre per cause naturali presso il New York Presbyterian Hospital. A darne notizia è stato il figlio Peter, che lo ha definito “un vero uomo rinascimentale, affascinato dalla scienza e dalla cultura”.

Dopo aver studiato musica e teatro alla Royal Academy of Dramatic Arts, negli anni ’60 si era trasferito negli USA in cerca di fortuna. Il successo di pubblico arriva con una serie, NCIS, grazie a cui per oltre venti anni ha vestito i panni dell’enigmatico Dottor Donald “Ducky” Mallard. 

“Per quanto i suoi fan possano averlo amato – hanno dichiarato i produttori di NCIS Steven D. Binder David North – chi ha lavorato al suo fianco lo amava ancora di più. Era uno studioso e un gentleman, sempre gentile, un professionista e una persona che non perdeva mai l’occasione per fare una battuta. Dal primo giorno è stato un onore lavorare con lui e non ci ha mai deluso. Era, semplicemente, una leggenda. Era inoltre famiglia e ci mancherà profondamente”.

Nel 2016 McCallum aveva firmato il suo primo romanzo, Once a Crooked Man

26 Settembre 2023

farewell

farewell

Borgonzoni: “Addio a Donald Sutherland, interprete indimenticabile”

"I lavori al fianco di registi italiani come Federico Fellini o Bernardo Bertolucci saranno per sempre impressi nella nostra memoria" ha dichiarato il Sottosegretario alla Cultura

farewell

Addio a Donald Sutherland, da ‘Casanova’ di Fellini a ‘Novecento’ di Bertolucci

Il leggendario attore Oscar onorario che ha recitato in decine e decine di film, da Quella sporca dozzina a Mash, fino alla saga Hunger Games, è morto a Miami all’età di 88 anni

farewell

Chiara Sbarigia: “Anouk Aimée, memorabile il suo rapporto con l’Italia”

La presidente di Cinecittà Chiara Sbarigia sulla scomparsa dell'attrice Anouk Aimée. "Memorabile il suo rapporto con il nostro Paese e con Cinecittà, dove ha avuto più volte la possibilità di recitare e ha lasciato un'impronta indimenticabile"

farewell

Borgonzoni: “Anouk Aimée un faro di ispirazione per le generazioni future”

"Un esempio di come sia possibile coniugare grazia e profondità nell'arte dell'interpretazione cinematografica" ha dichiarato il Sottosegretario alla Cultura


Ultimi aggiornamenti