Morta Angela Ricci Lucchi, sguardo dell’avanguardia

In coppia con il compagno Yervant Gianikian, l'artista aveva decostruito le immagini della prima guerra mondiale e del colonialismo riscrivendo la storia dell'Europa del Novecento


E’ morta a Milano Angela Ricci Lucchi , artista, pittrice e cineasta, figura di culto del cinema d’avanguardia, sempre in coppia con il compagno Yervant Gianikian (leggi la nostra intervista). Era nata a Lugo di Romagna nel 1942. Dopo aver studiato pittura in Austria con Oskar Kokoschka, si trasferì a Milano con Yervant, architetto di origini armene. Dagli anni ’70 iniziò a realizzare lavori di ricerca come i cosiddetti “film profumati” (Alice profumata di rosa, 1975) la cui proiezione è accompagnata dalla diffusione di essenze aromatiche che interagiscono con lo spettatore. In seguito, negli anni ’80, si dedica al documentario manipolando filmati già esistenti, secondo l’estetica del found footage, con particolare attenzione a immagini di guerra e del periodo coloniale. Una ricerca apprezzata nel mondo dei festival e dell’arte contemporanea: ai lavori della coppia vengono dedicate retrospettive e rassegne dal Museum of Modern Art di New York, dalla Cinémathèque française, dal Jeu de Paume e dal Centre Pompidou di Parigi, dalla Biennale di Venezia.

I film, sia lungometraggi che cortometraggi, vincono premi al Bellaria Film Festival (Su tutte le vette è pace, 1999), Asiatica Film Mediale (Frammenti Elettrici N. 4 Asia – N. 5 Africa, 2005), IBAFF – Festival Internacional de Cine (Pays barbare, 2013). Al centro di questi lavori la prima guerra mondiale, l’età dei totalitarismi contrapposti, la tragedia del colonialismo, i genocidi. La tecnica è quella di riutilizzare pellicole d’archivio i cui fotogrammi vengono ingranditi, reinquadrati, rallentati nel loro scorrimento, rimontati secondo logiche inedite, colorati. Riaffiorano storie che la storia ufficiale censurava e occultava. Per saperne di più il volume di Robert Lumley “Dentro al fotogramma”, Feltrinelli 2013. 

28 Febbraio 2018

farewell

farewell

Borgonzoni: “Addio a Donald Sutherland, interprete indimenticabile”

"I lavori al fianco di registi italiani come Federico Fellini o Bernardo Bertolucci saranno per sempre impressi nella nostra memoria" ha dichiarato il Sottosegretario alla Cultura

farewell

Addio a Donald Sutherland, da ‘Casanova’ di Fellini a ‘Novecento’ di Bertolucci

Il leggendario attore Oscar onorario che ha recitato in decine e decine di film, da Quella sporca dozzina a Mash, fino alla saga Hunger Games, è morto a Miami all’età di 88 anni

farewell

Chiara Sbarigia: “Anouk Aimée, memorabile il suo rapporto con l’Italia”

La presidente di Cinecittà Chiara Sbarigia sulla scomparsa dell'attrice Anouk Aimée. "Memorabile il suo rapporto con il nostro Paese e con Cinecittà, dove ha avuto più volte la possibilità di recitare e ha lasciato un'impronta indimenticabile"

farewell

Borgonzoni: “Anouk Aimée un faro di ispirazione per le generazioni future”

"Un esempio di come sia possibile coniugare grazia e profondità nell'arte dell'interpretazione cinematografica" ha dichiarato il Sottosegretario alla Cultura


Ultimi aggiornamenti