Justine Triet: “Ho un debole per Alice Rohrwacher”

La regista premiata con il David al miglior film straniero per 'Anatomia di una caduta' ha ritirato il riconoscimento ricordando anche Antonioni e Monica Vitti


“Sono veramente commossa di ricevere questo premio da Isabella Rossellini, sono sconvolta in senso positivo” così ha esordito la regista francese Justine Triet premiata questa sera dal Teatro 5 di Cinecittà con il David al miglior film straniero, conquistato con Anatomia di una caduta. La regista ha poi voluto interrompere i propri ringraziamenti con “una piccola digressione”, prendendo del tempo sul palco “per parlare dell’ammirazione per Alice Rohrwacher, che amo follemente”.

“Ho una passione per lei – ha proseguito Triet – è una cineasta fantastica e ho amato La chimera“. Triet ha poi raccontato di essere da sempre una grande appassionata dei film di Michelangelo Antonioni. “C’era una frase che mi ossessionava di Monica Vitti: avrei voluto che tutti quelli che ci hanno amato fossero di fronte a me. Non capivo questa cosa, ma c’è qualcosa di bello nell’immagine di essere circondati da ciò che abbiamo amato. Mi rendo conto che il mio film non è un luogo confortevole in cui abitare, ma mi ha messo in contatto con delle persone di tutto il mondo, è la forza del cinema che crea legami”.

04 Maggio 2024

David 2024

David 2024

Pubblicati i voti dei Premi David di Donatello: i giurati compatti sui vincitori delle varie categorie

Non ci sono state grandi differenze tra la prima votazione dei candidati alle cinquine e quelli definitivi eccetto per gli attori, Mastandrea e Colangeli erano primi ma poi non hanno vinto

David 2024

Cinecittà oggi. Presente e passato, fascino e rinnovamento

La parola a Chiara Sbarigia, Nicola Maccanico, Piera Detassis, Antonio Albanese, Susanna Nicchiarelli, Michele Riondino e molti altri

David 2024

Gianni Pallotto: “Tanta emozione per il David, al Cinefonico è cambiata la mia vita”

Vincitore del Premio David di Donatello per il Miglior suono assieme ai colleghi del Cinefonico Maricetta Lombardo, Daniela Bassani e Mirko Perri, Pallotto ci ha raccontato il lavorato su Io, Capitano


Ultimi aggiornamenti