Il delitto di Via Poma diventa una serie targata Cattleya

La serie sull'omicidio di Simonetta Cesaroni, prodotta da Cattleya, sarà scritta da Flaminia Gressi e Bernardo Pellegrini


Una storia oscura. Oltre trent’anni di indagini, processi e piste alternative. Il delitto di via Poma – avvenuto il 7 agosto 1990 – diventerà ora una serie tv prodotta da Cattleya (parte di Itv Studios) che dopo Circeo, recentemente premiata ai Nastri d’argento, torna a cimentarsi con un fatto di cronaca che ha segnato profondamente il nostro Paese.

La casa di produzione, con la piena collaborazione degli eredi della vittima e dei loro legali, ricostruirà la vicenda a partire dalle molte verità che sono emerse attorno al delitto, sommandole e abbracciando un arco narrativo che sappia restituire giustizia a Simonetta Cesaroni, raccontandola ben oltre il ruolo di vittima inerme.

Anche grazie al supporto della famiglia Cesaroni e dei suoi legali, Cattleya avrà il privilegio di accedere agli atti processuali, alle fonti giuridiche e alla cospicua documentazione custodita nei vari archivi di ieri e di oggi, per portare alla luce elementi inediti e trascurati di questa storia.

L’omicidio di Simonetta Cesaroni racconta un pezzo importante di storia della società italiana: non è solo la brutalità di un delitto ancora senza un colpevole, ma l’accumularsi di ipotesi e possibili depistaggi, l’ambiguo intreccio tra potere e cronaca nera e la frenetica attenzione mediatica di cui è stato oggetto durante tutti questi anni.

Riccardo Tozzi, fondatore di Cattleya, a tale proposito dichiara: “questo è un progetto a cui teniamo moltissimo. Ci suggestiona l’immagine di questo palazzo abitato da uomini, amici di uomini potenti di poliziotti e magistrati. Con un’unica donna: una ragazzina uccisa. C’è molto da raccontare su quegli anni, ma anche sull’oggi”.

La serie sarà scritta da Flaminia Gressi (Bella da morire, Vite in fuga e Circeo, di cui ha anche firmato il soggetto vincitore del premio Solinas) e Bernardo Pellegrini (Il re, Unwanted, Everybody loves diamonds), che aggiungono: “Via Poma non è solo un caso di cronaca nera, ma racconta la storia di due ragazze. Due sorelle. Simonetta, coi sogni, gli amori, i piccoli dispiaceri e i desideri dei vent’anni. Sua sorella Paola con la sua forza nel tenere insieme la famiglia contro il dolore e con la sua sete di giustizia che per trent’anni la porterà a battersi contro un muro di silenzio per arrivare alla verità. L’Italia di Via Poma è l’Italia di oggi. Fragile e precaria. L’immagine di un paese bugiardo e spaventato che, in quell’ufficio al terzo piano di Via Poma, fa i conti con se stesso”.

Via Poma, attualmente in fase di scrittura, è un progetto molto ambizioso su cui diversi committenti hanno già espresso un forte interesse.

Sul caso è già stato realizzato un film tv nel 2011. 

redazione
19 Luglio 2023

Serie

Serie

Debutto esplosivo per ‘Fallout’, annunciata la seconda stagione

Nei primi quattro giorni dall’arrivo su Prime Video, l'adrenalinica serie è diventata un successo globale, classificandosi tra i primi tre titoli più visti di sempre

Serie

‘Cent’anni di solitudine’, il teaser trailer della serie Netflix

Nel giorno del decennale della morte di Gabriel Garcia Marquez è stato rivelato il teaser del primo adattamento ufficiale del suo celebre capolavoro

Serie

‘Knuckles’, il trailer italiano della serie spin-off di Sonic

I sei episodi della serie evento saranno disponibili in Italia su Paramount+ dal 27 aprile

Serie

‘Bande Criminali Italiane’, docu-serie su Sky: al via con Renato Vallanzasca

Tra gli Anni ’70 e i ’90 hanno terrorizzato il Paese: dal 17 aprile – con la Banda della Comasina - le storie di quattro organizzazioni criminali tra violenza, disprezzo per la società, idee folli, e i deliri di onnipotenza


Ultimi aggiornamenti