Il “bollino rosso” del British Film Institute per lo 007 Sean Connery

'Goldfinger' tra i titoli della saga di James Bond indicati come propri di contenuti potenzialmente offensivi per la sensibilità contemporanea


“Si prega di notare che molti di questi film contengono linguaggio, immagini o altri contenuti che riflettono opinioni prevalenti al momento della loro realizzazione ma che oggi potrebbero risultare offensivi (come lo erano all’epoca). I titoli sono inclusi per ragioni storiche, culturali o estetiche e queste opinioni non sono in alcun modo avallate dal BFI o dai suoi partner“.

Si legge sul “Daily Telegraph” questo messaggio del BFI Southbank di Londra – il principale cinema di repertorio del Regno Unito, specializzato in stagioni di film classici, indipendenti e non in lingua inglese; gestito dal British Film Institute – che avvisa gli spettatori in riferimento ad alcuni titoli della saga 007, in particolare quelli interpretati da Sean Connery: insomma, dopo che lo scorso anno la Ian Flemings Publications aveva pubblicato versioni censurate dei romanzi originali di James Bond 007 – Casino Royale, nella ricorrenza del 70mo anniversario delle avventure cinematografiche, dopo le accuse da parte di alcun lettori e la variazione di altrettanti testi, additati come inappropriati per il pubblico contemporaneo, adesso tocca al cinema.

Scottish actor Sean Connery and English actress Honor Blackman on the set of the film ‘Goldfinger’, 2nd June 1964. (Photo by Larry Ellis/Daily Express/Hulton Archive/Getty Images)

I primi film su Bond sono stati indicati dal British Film Institute avere contenuti potenzialmente offensivi per la sensibilità corrente, e con loro altri classici del periodo ’60-’70. Tra i titoli, due capisaldi: Goldfinger e Si vive solo due volte. Il primo è incriminato perché contiene una scena in cui l’Agente 007 usa la propria forza su Pussy Galore (Honor Blackman). Nell’altro titolo, ambientato in Giappone, l’attore scozzese veste un travestimento “alla yellowface”, e sono “bollati” dialoghi che riflettono stereotipi razziali del periodo.

Sulla questione, anche il punto di vista critico verso la “stretta” – di una Bond Girl, Jenny Hanley, interprete del ruolo femminile in Al servizio segreto di Sua Maestà: “Penso sia offensivo darci un avviso. È babysitteraggio. Tutti sanno un po’ del film che stanno per vedere. I film di Bond sono stati fatti negli Anni ’60 e la sensibilità è cambiata. Adesso sembra che qualsiasi cosa ti infastidisca, permetta di affermare tu sia la parte innocente. Sei woke e tutti gli altri hanno torto … Vuoi cambiare Shakespeare e dire che adesso non puoi studiarlo a scuola perché Romeo e Giulietta erano minorenni e c’erano sesso, omicidio, avvelenamento e annegamento nelle sue opere? … Le persone sanno cosa stanno per vedere e se non lo sanno avrebbero dovuto fare i compiti. E se sono sconvolte è la loro percezione”.

 

08 Gennaio 2024

Cannes 2024

Totopalma, sarà un premio politico?

Il TotoPalma di questo 77° Festival di Cannes è più che mai complesso, anche per la presenza di film che rappresentano aree critiche del pianeta, come la Russia e l'Iran con gli autori dissidenti Mohammad Rasoulof e Kirill Serebrennikov

Cannes 2024

XXVII La Cinef, vince l’indiano ‘Sunflower’

Nella selezione anche l’italiano In spirito, che però non entra nella rosa dei premiati: la giuria, che ha visto impegnato anche Paolo Moretti, ha giudicato 18 film studenteschi, provenienti da 555 scuole di cinema del mondo

Cannes 2024

Dal red carpet di ‘L’amour ouf’

Film francese, tra gli ultimi in anteprima a Cannes 77. Un incredibile affresco d'amore

Cannes 2024

L'amore della musica che va oltre ogni tipo di confine


Ultimi aggiornamenti