I fedeli di Tarantino a Milano: al cospetto di un dio muto

Quentin Tarantino accolto in festa all'evento speciale della XXIV edizione della Milanesiana alla Mondadori di Piazza Duomo. Applausi, grida e preghiere di selfie dalla fiumana presente, ma il regista


MILANO – Come in un film Horror: prima gli urli, poi il caos. Tutta piazza Duomo ha conosciuto l’attimo in cui Quentin Tarantino ha solcato il red carpet della nuovissima libreria Mondadori, dove una folla festante lo ha atteso ore per l’anteprima della XXIV edizione della Milanesiana, ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi.

Confusione e grida, tremori e suppliche. Una firma, una foto, “qualcosa!”: le urla al regista rivelano una rockstar. Forse l’unica tra i registi del cinema contemporaneo. E da tale si comporta: un’ora di ritardo, divieto di selfie e neanche una parola. Il mare di fedeli raccoltisi questa mattina all’alba per poterlo incontrare non sembra preoccuparsene. Ed è questa la notizia. Tarantino può, da buon Elvis del Post Moderno. Il firmacopie del suo ultimo libro, Cinema Speculation (La Nave di Teseo), riaccende le speranze della folla in una stretta di mano o uno sguardo complice.

“Pensavo di dover firmare, non di dover parlare”, ammette Tarantino in uno dei pochi scambi di battute che regala quasi di nascosto. Applausi senza interruzioni lo accompagnano dal Red Carpet all’arena Mondadori, dove  Elisabetta Sbarbi consegna il Premio ‘Omaggio al Maestro’ per aver creato “mondi impossibili che ci piacerebbe sostituissero la realtà che conosciamo”.

Le ragioni del riconoscimento le ha scritte Alberto Pezzotta, traduttore di Cinema Speculation, e sono molto varie e giuste, ma non sapremo mai se condivise dal regista. Tarantino alza il premio, si lascia festeggiare. L’applauso si innesca e riparte con semplicità, una liberazione da fedelissimi dietro l’altra. Da fuori, i postumi da red carpet e folla entusiasta si riversano in cori. Tarantino muto. Arriva un “Thank you”: applausi e sipario.

Dieci minuti di incontro l’hanno visto perlopiù annuire, forse sorridere. La mascherina che ha scelto a completare il suo

abituale outfit (camicia maniche corte aperta su una tshirt), già apparsa sul red carpet, poteva essere un avvertimento. Al suo posto parlano Elisabetta Sgarbi, che introduce l’incontro e l’edizione 2023 de La Milanesiana, e lo scrittore Antonio Monda. “Tarantino mi ha confermato un paio d’ore fa che il suo prossimo film sarà l’ultimo“, riferisce Monda, “e io non voglio sia così, faccio un appello affinché non sia così”. La reazione in libreria è immediata e l’applauso si fa preghiera.

In alcuni video Instagram e TikTok di giovanissimi giunti al cospetto del dio muto del Pulp c’è un’emozione genuina, travolgente. Qualcuno ha preso il treno, altri sono già stati al Teatro grande di Brescia giovedì 6 aprile, dove Tarantino ha preso parte a una prima presentazione italiana, ma sono tornati per chiedere alla rockstar un bis.

È questo il popolo di Tarantino, ampio e fedele, silente quando serve, e in festa un attimo dopo. Blu-ray, libri, magliette, l’armamentario da autografo è illimitato, e proprio come un Brad Pitt a Cannes non mancano caricature e ritratti. “Ho atteso 6 anni”, racconta una signora che si aggrappa a un poster arrotolato prima di accorgersi di averlo così leggermente rovinato: “apprezzerà la passione, speriamo!”. I bambini al firmacopie conoscono a memoria i personaggi de Le Iene, e aiutano le madri – accanite quanto loro – a ricordare l’ordine degli episodi di Pulp Fiction. Troppo piccoli? La risposta di Tarantino è in Cinema Speculation, ricordo del giovane Quentin nelle sale per adulti di Los Angeles. Come diceva sua madre, “peggio i telegiornali”. Purtroppo, delle molte parole che il suo libro regala, nessuna lascia l’inchiostro, e l‘apparizione milanese è cinema muto: attrazione dei gesti e speranza (dei fan) in una parola.

 

 

Alessandro Cavaggioni
07 Aprile 2023

Attori

‘Gloria!’, Sara Mafodda: “A 9 anni scrissi una lettera a Morricone”

Tra le protagoniste del debutto alla regia di Margherita Vicario, l'attrice ha raccontato a CinecittàNews l'incredibile avventura di 'Gloria!', dal set alla prima in Concorso a Berlino

Noir in Festival

Premio Giorgio Scerbanenco per il cinema 2024, vince ‘Il sale sulla ferita’

Il romanzo di Cristina Rava ha vinto il premio nato dal Noir in Festival e Lo Scrittoio, dedicato all'opera letteraria che più si presta all'adattamento cinematografico

A caccia del mito

MGM, 100 anni dopo il leone ruggisce ancora

L’avventurosa storia della Metro Goldwyn Mayer, una fabbrica di sogni nata il 17 aprile 1924

Attori

Ludovica Bizzaglia: “Sul set provo un senso di appartenenza che mi fa stare bene”

L'attrice romana, 27 anni, ci parla del suo ruolo in Flaminia, opera prima di Michela Giraud, attualmente nelle sale, e dell'importanza per lei di fare questo mestiere, nonostante le complessità


Ultimi aggiornamenti