Giornate del Cinema Muto, 42ma edizione nel nome di Dudivier, Chaplin e Keaton

Al Teatro Verdi di Pordenone dal 7 al 14 ottobre 2023


Tornano al Teatro Verdi di Pordenone dal 7 al 14 ottobre 2023 le Giornate del Cinema Muto, con eventi speciali, retrospettive, i seminari del Collegium, presentazioni di libri e dvd, conferenze e incontri. Non mancherà una selezione di film e presentazioni on line.

Il programma del direttore del festival Jay Weissberg punta sulle riscoperte e gli accostamenti originali di temi, opere, filoni, anche con riferimenti alla contemporaneità. Ma anche sulla spettacolarità delle proiezioni con la musica dal vivo.

GLI EVENTI SPECIALI

A precedere la serata inaugurale al Verdi sarà la tradizionale pre-apertura al Teatro Zancanaro di Sacile, dove venerdì 6 ottobre i musicisti della Zerorchestra accompagneranno Poker Faces (1926) di Harry A. Pollard, divertente commedia americana piena di equivoci, inganni e colpi di scena, con Edward Everett Horton e Laura La Plante.

La Francia, quest’anno molto presente nel programma del festival, lo inaugura ufficialmente sabato 7 ottobre al Teatro Verdi di Pordenone con La Divine croisière (La crociera divina, 1929) di Julien Duvivier, accompagnato dalla partitura composta e diretta da Antonio Coppolaed eseguita dall’Octuor de France. Regista ammirato, fra gli altri, da Ingmar Bergman, Orson Welles e Michael Powell, Duvivier è più conosciuto per i suoi film sonori (tra cui Pepé le Moko, del 1937, e Don Camillo, del 1952) ma girò anche numerosi film muti. Uno degli ultimi è La Divine croisière, sulla rischiosa spedizione in mare di un mercantile. Uscito all’epoca in una versione gravemente mutilata, grazie al lavoro di ricostruzione della Lobster Films di Parigi, il film ha riacquistato il respiro e la forza originali ritrovando, accanto all’elemento religioso (la protezione della Stella Maris) mantenuto nella versione tagliata, l’importante componente sociale di presa di coscienza e di ribellione dei marinai contro la logica dello sfruttamento.

L’evento musicale di metà settimana (mercoledì 11 ottobre) è Hindle Wakes (1927) del regista britannico Maurice Elvey. Con magnifiche riprese in esterni, il film mostra le attività ricreative della working class durante la “Wakes Week” (una settimana di chiusura di fabbriche e scuole che ancora oggi si osserva in alcune parti del Lancashire e dello Yorkshire) ed è stato definito, come la pièce teatrale da cui è tratto, proto-femminista nel tono: il messaggio che trasmette, estremamente moderno, è che le donne, incluse quelle di estrazione popolare, possano al pari degli uomini concedersi un’avventura senza che questo implichi degli obblighi e decidere della propria vita ignorando le convenzioni famigliari e sociali. Il film è accompagnato dalla partitura di Maud Nelissen.

Per l’evento finale di sabato 14 ottobre (in replica domenica 15) si scommette sui due fuoriclasse della comicità muta:Charles Chaplin e Buster Keaton. Del primo si vedrà The Pilgrim, del 1923, nel nuovo restauro commissionato dal Chaplin Office che viene presentato a Pordenone in prima mondiale. Qui Charlot è un detenuto evaso, che dovendo indossare il primo abito civile che gli capita, incappa in quello di un pastore della chiesa evangelica, con tutto ciò che ne consegue. La partitura originale composta da Chaplin, arrangiata da Timothy Brock, sarà eseguita dall’Orchestra da Camera di Pordenone diretta da Ben Palmer.

A rendere indimenticabile la serata, l’abbinamento con un altro capolavoro, Sherlock Jr(Calma, signori miei o La palla n° 13), realizzato l’anno seguente e considerato, oltre che una delle cento commedie più belle di sempre, la summa del cinema di Keaton (che qui è un proiezionista che sogna di diventare un grande detective) quale sperimentatore assoluto del linguaggio cinematografico degli anni Venti. Incredibilmente, il film non era mai stato presentato a Pordenone, dove arriva quest’anno nel nuovo restauro Lobster e con la nuova partitura di Daan van den Hurk, anch’essa eseguita dall’Orchestra da Camera di Pordenone diretta da Ben Palmer.

Oltre agli eventi speciali, si segnala uno di tre importanti ritrovamenti della Cineteca di Praga che avranno l’anteprima alle Giornate del Cinema Muto: Circe the Enchantress (1924) di Robert Z. Leonard, con la stella hollywoodiana Mae Murray, sulla vita e gli amori di una seduttrice.

LE RETROSPETTIVE

Fra le retrospettive, la seconda e ultima parte di Ruritania, dedicata alle storie di re, regine, principi e principesse di immaginari regni balcanici che alimentavano la fantasia delle platee internazionali. I film di quest’anno provengono da Spagna, Francia, Germania, Stati Uniti, e a questi si affiancano cinegiornali sulle autentiche famiglie reali dell’epoca, fra cui quello che include il matrimonio ad Assisi, nel 1930, della principessa Giovanna di Savoia, figlia di re Vittorio Emanuele III, con il re di Bulgaria Boris III.

Seconda parte anche per la rassegna curata da Ulrich Rüdel e Steve Massa sulle origini dello slapstick europeo e sui suoi legami con il cinema comico americano. Dopo Ellen Richter, riscoperta nell’edizione del 2021, sarà la volta di un’altra personalità del cinema tedesco un tempo popolarissima ma oggi dimenticata: il regista, sceneggiatore, produttore e attore Harry Piel, considerato il Douglas Fairbanks tedesco. Attivo dagli anni ’10 fino all’era del sonoro, era conosciuto soprattutto per i film d’azione e d’avventura che sbalordivano gli spettatori per le sequenze spettacolari e le innovazioni tecnologiche inserite nella trama (a Piel si deve, per esempio, la prima apparizione di un robot sullo schermo).

Non mancherà il western, con una delle prime star del genere, Harry Carey, diretto anche da John Ford, e si celebrerà nel centenario della morte lo scrittore francese Pierre Loti (pseudonimo di Louis Marie Julien Viaud), ufficiale di marina che dai suoi viaggi in tutto il mondo trasse ispirazione per romanzi che ebbero grande successo fino alla prima metà del secolo scorso. Fu in particolare affascinato dalla storia dell’impero ottomano e ancora oggi sono a lui dedicati un celebre caffè letterario e la collina su cui si trova a Istanbul.

Sarà reso omaggio anche all’artista e designer tessile Sonia Delaunay, a cui l’anno prossimo sarà dedicata una grande mostra alla galleria del Bard Graduate Center di New York.

Il Canone rivisitato, a cura di Paolo Cherchi Usai, riserverà quest’anno diverse sorprese, fra cui il nuovo restauro – ancora una volta targato Lobster – del leggendario film di Erich von Stroheime Rupert Julian (che sostituì Stroheim durante la lavorazione) Merry-Go-Round (Donne viennesi, 1923), e Vendémiaire di Louis Feuillade, che grazie al recente ritrovamento alla Gaumont del nitrato originale si vedrà in una copia di straordinaria bellezza.

Le Giornate del Cinema Muto sono realizzate grazie al sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, del Ministero della CulturaDirezione Generale Cinema e Audiovisivo, del Comune di Pordenone, della Camera di Commercio Pordenone-Udine e della Fondazione Friuli.

redazione
21 Agosto 2023

Giornate del muto 2023

Giornate del muto 2023

Giornate del muto, il successo di “una comunità che si riunisce”

Con oltre mille accreditati, 4mila presenze online e 350 abbonati, le 42° Giornate del Cinema Muto di Pordenone sono tornate agli standard pre-pandemia. Nel 2024 appuntamento dal 5 al 12 ottobre

Giornate del muto 2023

Chaplin e Keaton, gran finale alle Giornate del Cinema muto

The Pilgrim e Sherlock Jr., due capolavori quasi coevi di Charlie Chaplin e Buster Keaton, concludono scintillando le Giornate del Cinema muto, accompagnati dall'Orchestra da Camera di Pordenone.

Giornate del muto 2023

Pordenone, premiate Natalia Noussinova e Heide Schlüpmann

Il Premio internazionale Jean Mitry quest'anno è stato assegnato dalle Giornate del Cinema Muto di Pordenone alle storiche del cinema Natalia Noussinova e Heide Schlüpmann

Giornate del muto 2023

Magia e Amazzonia alle giornate del muto di Pordenone

È difficile immaginare oggi l’aura che circondava i divi del cinema all’epoca del muto. Se sommiamo la popolarità del calciatore più conosciuto, del cantante più ammirato, dell’influencer più seguita, il risultato sarà comunque un millesimo della fama delle star del cinema muto.


Ultimi aggiornamenti