Chaplin e Keaton, gran finale alle Giornate del Cinema muto

'The Pilgrim e 'Sherlock Jr.', i due capolavori al Festival di Pordenone


Due capolavori per i due giganti del muto.

Sono solo l’ultimo asso nella manica del Festival di Pordenone: è impossibile, infatti, pensare al cinema muto senza collegarlo a Charlie Chaplin e Buster Keaton. Così l’ultima giornata della storica kermesse, sabato 14 ottobre alle 21 al Teatro Verdi, manda in campo i due fuoriclasse, accompagnati dall’Orchestra da Camera di Pordenone, in un programma che unisce due capolavori quasi coevi: di quello di Chaplin ricorre proprio quest’anno il centenario, mentre quello di Keaton è del 1924.

The Pilgrim, Il pellegrino, (l’ultimo film di Chaplin girato per la First National, che dopo il successo di The Kid, Il monello, voleva rivedere a suo vantaggio il contratto con l’artista) ed è anche l’ultimo film con Edna Purviance, fino a quel momento partner fissa di Chaplin, con cui peraltro rimase in amicizia tutta la vita. Il film racconta di un evaso che scambia la sua divisa da carcerato con l’abito di un ecclesiastico che era andato a farsi un bagno. Le varie situazioni comiche che ne conseguono non mancarono di suscitare l’indignazione di parecchi esponenti della chiesa evangelica ma per fortuna The Pilgrim sfuggì alla censura e a ogni tentativo di boicottaggio. L’accompagnamento musicale è sulla partitura originale di Chaplin con l’arrangiamento di Timothy Brock e la direzione di Ben Palmer alla guida dell’Orchestra da Camera di Pordenone.

Sherlock Jr. (Calma, signori miei) non solo è unanimemente considerato tra i più grandi film di Keaton, ma una delle vette del cinema di sempre. In un’epoca in cui gli effetti speciali non erano certo sviluppati come oggi, ci si chiede come Keaton avesse fatto a realizzare certe scene e la risposta può venire solo considerando le sue doti atletiche e acrobatiche sviluppate sul palcoscenico sin dalla più giovane età. In questo film Keaton è un proiezionista aspirante detective che sogna di entrare e uscire dallo schermo cinematografico in un susseguirsi di gag surreali e irresistibili. La musica per Sherlock Jr. è stata composta da Daan van den Hurk e sarà diretta da Ben Palmer con l’Orchestra da Camera di Pordenone.

 

Nel programma odierno spiccano anche due nuovi restauri presentati in prima mondiale: dalla Cinémathèque française, Vent Debout (1923) di René Leprince, che fu uno dei registi più prolifici della Pathé negli anni ’10; e dalla Library of Congress Conrad in Quest of His Youth (US 1920) di William de Mille, il fratello maggiore del più celebre Cecil. Tratto dal romanzo di Leonard Merrick, è la storia di un uomo alla ricerca impossibile della gioia e della spontaneità della sua giovinezza.

 

Si segnalano infine Ma l’amor mio non muore! (IT 1913) di Mario Caserini, con Lyda Borelli e Mario Bonnard; e Sein Groster Bluff (Il mio più grande bluff) (DE 1927) di e con Harry Piel, a cui le Giornate hanno dedicato una retrospettiva di riscoperta e che qui interpreta un doppio ruolo affiancato, fra gli altri, da una Marlene Dietrich già prossima alla consacrazione di diva assoluta.

Qui il sito web delle Giornate del Cinema Muto

redazione
13 Ottobre 2023

Giornate del muto 2023

Giornate del muto 2023

Giornate del muto, il successo di “una comunità che si riunisce”

Con oltre mille accreditati, 4mila presenze online e 350 abbonati, le 42° Giornate del Cinema Muto di Pordenone sono tornate agli standard pre-pandemia. Nel 2024 appuntamento dal 5 al 12 ottobre

Giornate del muto 2023

Pordenone, premiate Natalia Noussinova e Heide Schlüpmann

Il Premio internazionale Jean Mitry quest'anno è stato assegnato dalle Giornate del Cinema Muto di Pordenone alle storiche del cinema Natalia Noussinova e Heide Schlüpmann

Giornate del muto 2023

Magia e Amazzonia alle giornate del muto di Pordenone

È difficile immaginare oggi l’aura che circondava i divi del cinema all’epoca del muto. Se sommiamo la popolarità del calciatore più conosciuto, del cantante più ammirato, dell’influencer più seguita, il risultato sarà comunque un millesimo della fama delle star del cinema muto.

Giornate del muto 2023

Giornate del Cinema Muto, 42ma edizione nel nome di Dudivier, Chaplin e Keaton

Con eventi speciali, retrospettive, seminari, presentazioni di libri e dvd, conferenze e incontri. Al Teatro Verdi di Pordenone dal 7 al 14 ottobre 2023


Ultimi aggiornamenti