Gigi Proietti: a me gli occhi, please

Con il documentario Luigi Proietti detto Gigi, presentato alla Festa di Roma, il regista e attore Edoardo Leo racconta “le gesta artistiche di un autentico eroe dello spettacolo"


Con il documentario Luigi Proietti detto Gigi, presentato alla Festa di Roma e prossimamente in sala, il regista e attore Edoardo Leo mette in evidenza “le gesta artistiche e le avventure sceniche di un autentico eroe dello spettacolo che per più di mezzo secolo ha unito comicità e poesia, alto e basso, pancia e sperimentazione. Ho provato a raccontare un grande maestro che ha conquistato più generazioni in generi diversi”. Tutto ha inizio da uno studio su “A me gli occhi, please” di Proietti, Leo decide di girare un documentario sullo spettacolo che, nel 1976, ha rivoluzionato la scena teatrale italiana.

Un lavoro che comincia nel 2018 insieme al protagonista. Poi, con la sua scomparsa nel novembre 2020, il documentario subisce un cambio di prospettiva: il racconto di quello straordinario spettacolo non basta più. Leo decide, indagando nella vita e nella carriera dell’attore, di scoprire il suo ‘segreto’ che ha cambiato le regole del teatro italiano. “Ho a lungo chiacchierato nel suo studio, l’ho ripreso ovunque, negli spettacoli, nei camerini, alle prove – racconta il regista – Poi al Globe Theatre una lunga intervista, che non sapevo sarebbe stata la sua ultima. Ho posato lo sguardo su una carriera infinita, piena di fatti artistici diversissimi tra loro e tutti di enorme importanza, non trascurando anche le cadute”.

Leo intervista i familiari, la sorella Anna Maria e le due figlie Susanna e Carlotta, gli amici e i colleghi: Arbore, Fiorello, Goggi, Cortellesi, Alessandro Gassmann, Giallini, Piovani. Grazie a materiali inediti, repertori introvabili e cavalli di battaglia il documentario Luigi Proietti detto Gigi, prodotto da Italian International Film-Gruppo Lucisano e Alea Film con Rai Cinema ci mostra l’inesauribile estro artistico di questo attore, regista e autore. Il palcoscenico decreta il suo successo mettendo in risalto la sua grande capacità di comunicare con il pubblico, di improvvisare e il suo ventaglio di interpretazioni, spaziando dal teatro d’avanguardia alla commedia musicale. Anche la televisione gli porta fortuna, soprattutto riprendendo i suoi spettacoli più riusciti, e con la serie “Il maresciallo Rocca”. Il cinema non gli riserva lo stesso trattamento – anche se indimenticabile rimane il personaggio di Mandrake in Febbre da cavallo – e lavora con registi come Altman, Monicelli, Magni, Bolognini, Garrone e Vanzina.

In Luigi Proietti detto Gigi ripercorriamo le tappe più significative della sua carriera artistica. Gli inizi musicali come cantante in night club, la scuola del Centro Universitario Teatrale diretta da Giancarlo Cobelli, il teatro sperimentale con Quartucci e Calenda, il doppiaggio di Dustin Hoffman, Marlon Brando Donald Sutherland, il cinema d’avanguardia di Tinto Brass, l’ingresso nel teatro di intrattenimento quando è chiamato da Garinei e Giovannini a sostituire Domenico Modugno in “Alleluja brava gente” accanto a Renato Rascel. “E’ allora che Proietti mostra la sua capacità di parlare a tutti, al pubblico colto e a quello popolare, ai realisti e ai surrealisti”, dice Leo.

Vengono poi l’incontro con Roberto Lerici e il varietà tv rinnovato “Fatti e fattacci”, e quello con Carmelo Bene sul palcoscenico de “La cena delle beffe”, il rapporto con Vittorio Gassman che lo definisce “una macchina teatrale  perfetta”, la conduzione del Teatro Brancaccio e del laboratorio aperto ai giovani, la nascita e la direzione del Globe Theatre, la regia dell’opera lirica “Don Giovanni” di Mozart. Insomma una carriera infinita, piena di fatti artistici diversi tra loro e tutti di enorme importanza, quella di chi ha saputo tenere insieme il comico e il tragico, passando dal divertente racconto esilarante di barzellette alla regia di opere liriche.

Credits: foto di Anna Camerlingo

23 Ottobre 2021

Roma 2021

Roma 2021

‘Open Arms – La legge del mare’, Premio del Pubblico alla Festa

Il film di Marcel Barrena insignito del riconoscimento assegnato dagli spettatori dei film della Selezione Ufficiale, che hanno votato attraverso l’app ufficiale e il sito della manifestazione: le parole di ringraziamento del regista dell'opera, che sarà distribuita nelle sale

Roma 2021

Chloé Zhao e gli Eterni nella Città Eterna

Gli Eterni dei fumetti arrivano sul grande schermo: la regista premio Oscar ha diretto Eternals, 26° film del Marvel Cinamatic Universe, Chiusura della Festa del Cinema di Roma e Alice nella Città. Nel cast anche Salma Hayek, Angelina Jolie, Richard Madden, oltre al personaggio di Makkari, prima supereroina sordomuta del MCU. In sala dal 3 novembre

Roma 2021

Tim Burton, Premio alla Carriera dalle mani di 3 Oscar italiani

Il regista statunitense alla Festa di Roma riceve il riconoscimento alla Carriera – consegnato da Ferretti, Lo Schiavo e Pescucci -, tra perenne sogno ad occhi aperti, critiche alla Disney e celebrazione del cinema di Bava, Argento e Fellini

Roma 2021

Monda & Delli Colli: “Da qui il rilancio delle sale”

Riempimento all'89% per le sale della Festa, un volano per gli esercenti, secondo la presidente Laura Delli Colli. E il direttore Antonio Monda sul suo futuro: "Lascio parlare i fatti"


Ultimi aggiornamenti