Genovese: ‘A un film serve la sala, ma ringrazio Netflix’

Il regista di Perfetti Sconosciuti, giurato a Venezia 75, rilascia un'intervista a 'La Repubblica' sulla 'questione Netflix'


“Sono stato io a porre il problema alla giuria. Ho chiesto agli altri: come vi ponete nei confronti di questi film? E’ uno spartiacque importante. Poi però ho saputo che uscirà anche in sala, e questo è stato importante per tutti noi. Netflix fa il suo, è un fenomeno da capire”.

Così Paolo Genovese, giurato a Venezia 75, intervistato da ‘La Repubblica’, risponde alle domande sulla polemica instauratasi dopo la premiazione di Roma di Cuaron con il Leone d’oro, trattandosi di un film prodotto dalla celebre piattaforma di streaming online. 

“la differenza la fa il passaggio in sala – continua Genovese – la Mostra del cinema è del cinema. Deve esserci almeno la possibilità di vedere il film in sala. Ma a Netflix bisogna essere riconoscenti: investe quantità importanti di denaro nell’audiovisivo”. 

10 Settembre 2018

Venezia 75

Venezia 75

L’esercizio spiega il suo no alle uscite simultanee

Anec, Anem, Fice e Acec ribadiscono l’urgenza di stabilire, senza preclusioni, procedure di consultazione all’interno di tutta la filiera industriale e con Anica, APT, MiBAC e Regioni

Venezia 75

Nazzaro: “L’assenza delle donne è un problema del cinema americano”

Terzo anno per il delegato generale della Settimana Internazionale della Critica, Giona A. Nazzaro, a cui abbiamo chiesto un bilancio di questa edizione. Tra protagonismo femminile sommerso e media poco attenti al cinema non mainstream. "Sic@Sic dà delle possibilità a giovani autori in tempo reale e spesso sono donne"

Venezia 75

Le Monde: “La rivincita di Netflix”

Definendo il film del messicano Alfonso Cuaron, vincitore del Leone d'oro, "molto bello", il quotidiano francese ricorda che un tale riconoscimento "farà storia"

Venezia 75

Bonisoli: “Quote di produzione per tv e piattaforme”

Il ministro dei Beni Culturali sul Leone d'oro andato a Netflix: "Le scelte artistiche spettano al direttore artistico. Comunque pensiamo a quote di produzione nazionale per le tv, cioè cosa debbano trasmettere o produrre, e a una cosa analoga per le piattaforme"


Ultimi aggiornamenti