Francesco Nuti, a Firenze il saluto commosso di amici e parenti

Nella basilica di San Miniato al Monte di Firenze si sono svolti i funerali dell'attore e regista Francesco Nuti. Tra i presenti storici amici come Leonardo Pieraccioni, Sandro e Giovanni Veronesi


Nella basilica di San Miniato al Monte di Firenze si sono svolti i funerali dell’attore e regista Francesco Nuti, morto a 68 anni lo scorso 12 giugno. Molta commozione e tanti abbracci alla ex compagna Annamaria Malipiero, alla figlia Ginevra, al fratello Giovanni e alla nipote Margherita. Nella basilica, sulla collina che domina Firenze, ci sono storici amici come Carlo Conti, Leonardo Pieraccioni, Sandro e Giovanni Veronesi, Giorgio Panariello, Marco Masini, Gianfranco Monti, Valeria Solarino, Nicola Pecci. Tra i presenti anche Matteo Biffoni, il sindaco di Prato, la città di Nuti e Dario Nardella, primo cittadino di Firenze dove era nato. A dare l’ultimo saluto anche diversi tifosi della Fiorentina, squadra di cui l’attore e regista era tifoso: una sciarpa della curva Fiesole è stata appoggiata accanto al feretro, a fianco di un cappellino.

Durante l’omelia padre Bernardo Gianni, abate della basilica, ha citato anche frasi dei film dell’attore e regista, tra cui quella da Madonna che silenzio c’è stasera “O vinci al Totocalcio, o tu sposti la chiesa, o tu vai in Perù”. Ma, ha aggiunto padre Bernardo “oggi le campane danzano e non occorre fare alcuno sforzo”.  Ha anche ripetuto le parole di Sarà per te, la canzone presentata da Nuti a Sanremo nel 1988. “È molto importante vivere questa liturgia non come un funerale. È un gesto di mistero ed è importante chiudere gli occhi, sprigionare la fantasia dei nostri cuori – ha detto l’abate -. Da 12 ore sto vedendo YouTube per dire qualcosa di decente. Ginevra e Annamaria sanno che io non ho alcuna competenza cinematografica per poter rendere giustizia della sua arte. Io parlo col cuore in mano. Il volo di Francesco sia reso perfettamente limpido e trasparente, senza alcuna opacità”.

“Nuti è figlio di questa città, ne è stato un ambasciatore e un simbolo, con la sua delicata comicità, la sua voce inconfondibile e i suoi occhi profondi – ha ricordato il sindaco Biffoni -. È stato capace di portare sul grande schermo la Prato del lavoro, della spola che batte e della lupa, con quella poesia che solo lui aveva. Un campione vero, un uomo e un attore mai caduto nell’oblio anche nei momenti più difficili e che Prato e la Toscana ricorderanno così, dedicando a lui uno dei luoghi più belli e significativi per il cinema e per la città”. Prato ricorderà Nuti attraverso l’intitolazione di uno dei luoghi più significativi, le Manifatture digitali cinema.

 

 

 

C.DA
15 Giugno 2023

farewell

farewell

È morto Adriano Aprà, critico cinematografico, attore e regista

Ex direttore dei festival di Salsomaggiore e Pesaro, nonché della Cineteca Nazionale, Aprà aveva 83 anni

farewell

È morto Richard Horowitz, compositore de ‘Il tè nel deserto’

Per la colonna sonora del film di Bertolucci, realizzata insieme a Ryuichi Sakamoto, il musicista vinse un Golden Globe

farewell

Addio alla regista Eleanor Coppola, moglie di Francis

La regista e sceneggiatrice aveva 87 anni. La figlia Sofia Coppola le ha dedicato il suo ultimo film, Priscilla

farewell

È morto O.J. Simpson, il divo più controverso di sempre

La star della NFL ed attore 76enne, protagonista di uno dei più celebri processi della storia statunitense, combatteva da anni una battaglia contro il cancro


Ultimi aggiornamenti