Fabrizio Gifuni: Mastroianni e Volonté i miei maestri

L'attore, ospite di un campus a Taormina, è il protagonista, insieme a Emmanuelle Devos, di Dove non ho mai abitato di Paolo Franchi


TAORMINA. “E’ stata un’esperienza intensa e coinvolgente lavorare con Paolo Franchi nel suo nuovo film Dove non ho mai abitato al fianco di Emmanuelle Devos e Giulio Brogi. Forse il suo cinema può sembrare in qualche modo disturbante, invece è vivo”. Così Fabrizio Gifuni, a margine della Tao Class tenuta al Festival, che nel film di Franchi – premiato al Festival di Roma 2012 per E la chiamano estate – ricopre il ruolo di un 40enne, Massimo, il cui destino s’incrocia con quello di Francesca, una donna della sua età figlia di un famoso architetto, di cui Massimo è fidato collaboratore. Il loro rapporto si farà molto stretto perché si troveranno a lavorare insieme a un progetto di una villa da restaurare.

Nel corso della Tao Class Gifuni ha ricordato gli anni dell’Accademia nazionale di Arte Drammatica, frequentata insieme a Pier Francesco Favino, Alessio Boni e Luigi Lo Cascio. “Avevamo un grande maestro quale Orazio Costa che, dopo aver lasciato l’Accademia durante il ’68, era tornato a insegnare alla fine degli anni ’80. Ci sottoponeva a lunghissime sessioni di scene provate in coro, con le voci degli allievi suddivise in alte, medie e basse”.
Per Gifuni due giganti del cinema, ma anche del teatro, opposti per stile e metodo sono Marcello Mastroianni e Gian Maria Volonté. “Mastroianni faceva tutto con apparente naturalezza, senza sforzo, sembrava che arrivasse per caso davanti alla macchina da presa, e nei personaggi interpretati era sempre riconoscibile. Al contrario di Volonté che spiazzava lo spettatore, trasformandosi e calandosi ora ne panni di Aldo Moro o in quelli Enrico Mattei o Lucky Luciano, dopo ore di sistematica ed estrema preparazione”.

16 Giugno 2016

Taormina 2016

Taormina 2016

Jeremy Renner. Fare l’attore? Ve lo sconsiglio

In procinto di girare un biopic su Steve McQueen, oggi l'attore è al Taormina Film Fest per una masterclass non manca di parlare della tragedia di Orlando e dell'uso delle armi negli Usa. Nato a Modesto, in California, maggiore di cinque figli, origini irlandesi e tedesche, un fisico palestrato perfetto per il film d'azione (da The Bourne Legacy a Captain America: Civil War), Renner scoraggia chi aspira a fare l'attore: "Lo so che a vederlo da fuori sembra una cosa, ma vi consiglio di fare altro. E' un vero e proprio lavoro. Io sono stato fortunato, ma ci vogliono anche tanta fatica e passione. Fatelo solo se siete portati per entrambe le cose"

Taormina 2016

Oliver Stone: Clinton o Trump, per la guerra poco conta

Quanto ha pesato la politica estera americana sulla rivoluzione in Ucraina e sui fatti del febbraio 2014 conosciuti come Euromaiden? Come dimostra il documentario Ukraine on fire di Igor Lopatonok, film di cui Oliver Stone è coproduttore e autore delle interviste passato oggi al Taormina Film Fest, moltissimo. E così non a caso il regista di Platoon risponde alla domanda sul peso della politica estera sui fatti internazionali: "Quello che succederebbe se fosse eletto Clinton o Trump conta poco"

Taormina 2016

Maria Grazia Cucinotta produce una commedia cino-sicula

L'attrice è anche l'interprete di C’è sempre un perché di Dario Baldi, una coproduzione Italia Cina presentata fuori concorso a Taormina. In futuro tre nuovi progetti di coproduzione con la Cina

Taormina 2016

Massimo Martella: Duce c’è posta per voi

"Mussolini riceveva fino a 1500 missive al giorno dagli italiani di ogni ceto sociale ed età, soprattutto richieste di soldi, sussidi, elemosine e lettere di adorazione. Si tratta di lettere, cartoline postali e telegrammi contenuti in 3mila faldoni intestati ‘Segreteria particolare del Duce’ e conservati all’Archivio centrale dello Stato di Roma", dice l'autore che a questo materiale ha attinto per il suo documentario Mio Duce ti scrivo, prodotto da Luce Cinecittà, che anche lo distribuisce, con Rai3 e presentato a Taormina


Ultimi aggiornamenti