‘Espectáculo a diario’, a Locarno una retrospettiva sul cinema messicano

La 76ma edizione del Locarno Film Festival propone una panoramica sulla produzione cinematografica messicana tra gli anni '40 e '60: 36 film, molti dei quali inediti in Europa, che hanno ispirato regi


La 76esima edizione del Locarno Film Festival – in programma dal 2 al 12 agosto 2023 – proporrà un’inedita panoramica della produzione cinematografica messicana tra gli anni Quaranta e Sessanta, con 36 film, molti mai visti e tutti da scoprire.

Guillermo Del Toro, Alfonso Cuarón e Alejandro González Iñárritu sono solo alcuni dei nomi che oggi fanno del Messico uno dei Paesi più rilevanti del cinema contemporaneo. Lo sguardo visionario di questa generazione di cineasti è profondamente radicato in una ricca tradizione di cinema popolare, tanto amato in patria quanto sconosciuto o poco studiato all’estero, e a cui il Locarno Film Festival renderà omaggio durante la sua prossima edizione.

Espectáculo a diario – Las distintas temporadas del cine popular mexicano” (“Ogni giorno uno spettacolo – Le molte stagioni del cinema popolare messicano”) sarà un’intensa ricognizione della produzione messicana dagli anni Quaranta fino alla fine degli anni Sessanta, decenni di eccezionale creatività, popolati da divi, dive e autori straordinari, che hanno ispirato intere generazioni. La seconda Retrospettiva del Locarno Film Festival dedicata al cinema messicano – dopo la prima del 1957 – è curata da Olaf Möller con la collaborazione di Roberto Turigliatto e mostrerà, fra le altre, opere di Emilio Fernández, Alejandro Galindo, Chano Urueta, Ramón Peón, Fernando de Fuentes, René Cardona Sr e Jr e di molti altri, presentando 36 film rari, alcuni dei quali mai visti sinora, tutti da scoprire.

“Il desiderio è di provare a cambiare la percezione di una produzione cinematografica e culturale così ricca e importante. – dichiara Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival – Sulla scia di una nuova e più forte consapevolezza postcoloniale, questi film, che finora sono sfuggiti all’attenzione dei cinefili, meritano di essere scoperti e valorizzati come un movimento cruciale di indipendenza culturale e creativa, di originalità linguistica e formale. C’è un intero mondo che merita ancora di essere scoperto: musical, commedie, luchadores, vampiri, detective e mostri, melodrammi rivoluzionari, noir e film di toreri. Dalla fantascienza all’horror, dai gialli ai film religiosi. Tutti i colori del cinema messicano in un’unica Retrospettiva.”

Olaf Möller, co-curatore della Retrospettiva, si occuperà anche di una raccolta di saggi che approfondiranno dal punto di vista storico e critico il valore di questa produzione: “Presenteremo le opere di tutti i maggiori maestri del periodo, ma anche di molti dei minori, attraverso gemme di tutti i generi. – dichiara – Soprattutto, mostreremo come l’alto e il basso abbiano bisogno l’uno dell’altro e come una cultura cinematografica fiduciosa nel suo pubblico sia arrivata a osare essere tutto e a provare qualsiasi cosa desiderasse fare.”

C.DA
19 Gennaio 2023

Locarno 2023

Locarno 2023

Locarno: eletto nuovo cda, Maja Hoffmann presidente

Hoffmann è stata ufficialmente confermata presidente del Locarno Film Festival, mediante il voto dell’Assemblea sociale straordinaria e del nuovo Consiglio di amministrazione

Locarno 2023

Locarno, i numeri eccezionali della 76ma edizione

La 76ma edizione del Locarno Film Festival ha visto 146.930 spettatori totali nelle proiezioni proposte, con un incremento del 14.3% rispetto al 2022

Locarno 2023

Tra ‘Procida’, ‘Patagonia’ e ‘Z.O.’, l’Italia premiata a Locarno

Alla scoperta dei tre film che tornano da Locarno con la soddisfazione di un premio o una menzione: Procida, film collettivo sotto la supervisione di Leonardo Di Costanzo, Patagonia di Simone Bozzelli e il corto Z.O. di Loris G. Nese

Locarno 2023

Locarno76, Pardo d’oro all’iraniano ‘Critical Zone’

Il film di Ali Ahmadzadeh, realizzato clandestinamente tra le strade di Teheran, ha vinto la 76ma edizione del Locarno Film Festival. Premiati anche tre italiani: il film collettivo Procida, Patagonia di Simone Bozzelli e il corto Z.O. di Loris G. Nese


Ultimi aggiornamenti