‘Era Roma’, torna in sala il documentario di Mario Canale

Il racconto di una stagione irripetibile per la cultura nella capitale


In attesa delle consuete anteprime dei film provenienti da Venezia, dopo i sold out delle prime proiezioni, il Cinema Farnese propone una nuova visione di Era Roma, il film documentario diretto da Mario Canale, presentato nel 2022 alle Giornate degli Autori della laguna, che racconta la scena artistica e politica nella Capitale tra il 1963 e il ’79. Una stagione dorata in cui la città fu un autentico centro del mondo culturale.

Il film di Canale viene proposto al Farnese (Piazza Campo de’ Fiori, 56), mercoledì 20 settembre alle 19.00 con una speciale proiezione introdotta dal regista. Prodotto da Archivio Orme, Surf Film e Luce Cinecittà – che lo distribuisce – Era Roma regala un immenso caleidoscopio di una stagione irripetibile: la pittura di Schifano, Festa, Mambor; il teatro delle cantine con Carmelo Bene, Roberto Benigni, il Beat ’72, la neonata Societas Raffaello Sanzio, la Gaia Scienza; il cinema, dalla Dolce vita e Flaiano alla generazione di Bertolucci, Bellocchio, Ferreri, Petri, Agosti, il profeta dell’underground Alberto Grifi. La musica sperimentale di Alvin Curran e Ennio Morricone. Il Gruppo ’63 di Angelo Guglielmi e Nanni Balestrini, il Festival dei Poeti di Castelporziano con Allen Ginsberg e William Borroughs, l’esperimento di effimera permanenza della Massenzio di Renato Nicolini… Con meravigliosi materiali d’archivio, ricchissimo di testimonianze, un film divertente e commovente per chi ha vissuto quel tempo, e rivelatorio per chi è venuto dopo.

Con Fulvio Abbate, Silvano Agosti, Otello Angeli, Giulio Andreotti, Adriano Aprà, Nanni Balestrini,  Marco Bellocchio, Ulisse Benedetti, Franco Berardi (Bifo), Bernardo Bertolucci, Achille Bonito Oliva, Franco Brocani, Lou Castel, Luciana Castellina, Marina Cicogna, Alvin Curran, Massimo D’Alessandro, Plinio De Martiis, Alberto Dentice, Bruno di Marino,  Roberto Faenza, Matteo Garrone, Alberto Grifi, Angelo Guglielmi, Manuela Kustermann, Sergio Lombardo, Uliano Lucas, Luigi Magni, Memmo Mancini, Citto Maselli, Titina Maselli, Giuliano Montaldo, Alberto Moravia, Ennio Morricone, Italo Moscati, Giancarlo Nanni, Renato Nicolini, Valentino Orfeo, Roxana Palma Tacchi, Adriano Panatta, Stefania Parigi, Aurelio Picca, Franco Piersanti, Franco Piperno, Paola Pitagora, Maurizio Ponzi, Enzo Porcelli, Marilù Prati, Marina Ripa di Meana, Gianni Romoli, Ettore Rosboch, Renzo Rossellini, Alfonso Sansone, Furio Scarpelli, Mario Schifano, Ettore Scola, Marco Solari, Rodolfo Sonego, Paolo e Vittorio Taviani, Aldo Tortorella, Augusto Tretti, Alessandra Vanzi, Enrico Vanzina, Carlo Verdone, Lucio Villari.

____________________________________________

Era Roma racconta il taglio di tempo tra il 1963 – con la nascita del Gruppo ’63 – e il 1979 – anno del Festival dei Poeti di Castelporziano – in cui per una magica, felice congiura la Capitale d’Italia riuscì a riunire come un magnete una mai più ripetuta concentrazione di arti e artisti indipendenti, alternativi, underground, libertari. Accomunati dall’impulso a mescolarsi tra loro, e, attraverso la politica, a intrecciarsi con la vita, per cambiare l’esistenza. Sono gli anni che vanno dal cosidetto ‘boom’ al cosidetto ‘riflusso’, in mezzo a cui passa il Sessantotto. Sono anni in cui Roma vibra ancora del big bang de ‘La dolce vita’ di Fellini, e Ennio Flaiano ci passeggia perplesso e commosso. In cui Bernardo Bertolucci gioca al cinema con il Living Theatre, mentre i più lucidi film della contestazione sono realizzati da un pittore, Mario Schifano, e da un uomo di teatro, Carmelo Bene. La pittura brilla di nomi mitologici: Schifano, Tano Festa, Franco Angeli, Cesare Tacchi, Renato Mambor, ma la forma-quadro sta morendo. Il Gruppo ’63 di Angelo Guglielmi, Alberto Arbasino, Nanni Balestrini, lavora per far evadere la parola dalla forma libro, dalla forma romanzo, quasi dalla forma scritta, esaltandola. Il teatro esplode nelle cantine, sotto i colpi e i corpi di Carmelo Bene, Manuela Kustermann e Roberto Benigni. Il cinema è l’underground del suo profeta Alberto Grifi, che prima mette la pellicola al fuoco di una verifica incerta, e poi scopre il video. Oppure è l’arena di Massenzio, dove in migliaia si radunano davanti a uno schermo, per evadere dalla cappa degli anni di piombo. La poesia addirittura diventa un festival per una folla di persone di tutti i ceti sociali e di tutte le età: aristocratici, ribelli, borghesi, dropout, accorsi per sentire Allen Ginsberg, Gregory Corso, William Borroughs, Eugenj Evtusenko. Il cinema italiano vive la sua stagione più vivace: Fellini, Pasolini, Ferreri, Bellocchio, Bertolucci, i Taviani, Silvano Agosti, Maselli, Scola sono alcuni degli alfieri che da Roma al mondo non propongono film per sognare, ma sognano con i film una società diversa. Nasce la mitologia di alcuni luoghi: via Veneto, il caffè Rosati eletto a ufficio di pittori, produttori, attori; il Beat ’72, la Galleria l’Attico… Una proliferazione di isole creative, mentre Cinecittà continua a esportare nel mondo l’immagine di una città dei sogni all’interno di una città reale. In quegli anni Roma è un luogo dove passare necessariamente se si vuole vedere il mondo. Attraverso strepitosi filmati d’archivio e brani di film (dell’Archivio Luce Cinecittà, del CSC, di Surf Film), e decine di testimonianze dei protagonisti raccolte negli anni, Era Roma è un precipitato di un tempo tumultuoso e incredibile, in cui le arti vollero mescolarsi alla vita, e tentare di fare della realtà un’opera d’arte. Un’esperienza che ha lasciato commoventi utopie e tristi fallimenti, una scia di capolavori e un’energia che ancora illumina. Un film su un tempo per chi c’era, e per chi neppure immagina sia esistito. Una cartografia di nostalgie e ansie di futuro, di scoperte inesauribili. Il film di una città (e di un paese), che da sempre rappresenta, con i suoi problemi e i suoi splendori, un’utopia quotidiana.

Era Roma – al Cinema Farnese (Piazza Campo de’ Fiori, 56) – mercoledì 20 settembre alle 19.00 con una speciale proiezione introdotta dal regista

Regia: Mario Canale

Consulenza e collaborazione: Felice Farina, Annarosa Morri, Luca Ronchi, Marcello Villari

Montaggio: Paolo Mancini

Musiche: Piero Ciampi, Le Stelle di Mario Schifano, Alvin Curran, Philippe Sarde

Voci Narranti: Alessandra Vanzi, Pietro Bontempo (voce di Ennio Flaiano)

Hanno anche contribuito: Luigi Barzini, Gianni Battistoni, Barbara Bouchet, Harold Bradley, Gianni Carmignani, Cosimo Cinieri, Galliano Juso, Achille Perilli, Sandro Petraglia, Carla Vasio

Archivi filmici: Luce Cinecittà, Surf Film, Centro Sperimentale di Cinematografia, ManaFilm

Produzione esecutiva: Mario Canale per Archivio Orme, Giulia Mancini per ManaFilm

Una produzione Surf Film, Luce Cinecittà, Archivio Orme

Distribuito da Luce Cinecittà

 

19 Settembre 2023

Eventi

Eventi

‘Aspettando il Tour’, il ciclismo nei grandi classici del cinema

Dal 25 al 29 giugno 2024 a Firenze, in Piazza Ognissanti e in Piazzale degli Uffizi, l'evento di France Odeon per festeggiare la partenza del Tour de France.

Eventi

Sergio Múñiz e Bewow Edu “Insieme”, nel nuovo progetto multimediale didattico per le scuole italiane

L’attore e cantante spagnolo si unisce al progetto didattico multimediale e multimateria su importanti tematiche sociali come il bullismo, il confronto generazionale e la depressione giovanile

Eventi

‘Technicolor Madness’, tre incontri con Damien Chazelle al Cinema Troisi

Ogni martedì dall’11 al 25 giugno, alle 21.30, la nuova carte blanche a cura del regista Premio Oscar

Eventi

Sofia Coppola a Roma per il McKim Medal Gala

L’evento annuale ha consentito di raccogliere 848.000 euro a sostegno degli artisti e studiosi dell’American Academy in Rome


Ultimi aggiornamenti