È morta Susan Backlinie, la prima vittima de ‘Lo squalo’ di Spielberg

Nel cult movie degli anni '80 interpreta la nuotatrice che si tuffa nuda al largo di Amity Island


L’attrice statunitense Susan Backlinie, che da giovane nuotatrice al largo di Amity Island divenne la prima vittima del terrificante pescecane nel film Lo squalo di Steven Spielberg, è morta sabato 11 maggio nella sua casa di Ventura, in California, all’età di 77 anni. L’annuncio della scomparsa è stato dato suo agente per le convention dei fan de Lo squalo, Matthew Templeton, sul sito ‘The Daily Jaws’.

Backlinie era una nuotatrice di livello nazionale e una subacquea professionista che si era esibita come sirena in una serie di show acquatici e aveva lavorato come addestratrice di animali, quando all’età di 28 anni, era stata ingaggiata per interpretare Chrissie, che si tuffa nuda, in Lo squalo (1975).

Lo squalo segnò la sua prima apparizione al cinema, dove poi si è divisa tra attrice e controfigura. Backlinie tornò in acqua nuda e al buio per Spielberg in 1941 – Allarme a Hollywood (1979), solo che questa volta incontrò un sottomarino giapponese. Backlinie è apparsa anche in Panico nello stadio (1976), A Stranger in the Forest (1976), Future Animals (1977) – anche in questo caso era un’addestratrice di animali – , Giallo in casa Muppet (1981) e in un episodio del 1982 di Professione pericolo, prima di ritirarsi dal lavoro di stuntwoman.

 

13 Maggio 2024

farewell

farewell

Muore Morgan Spurlock, documentarista candidato agli Oscar con ‘Super size me’

Nel 2004 aveva documentato le conseguenze fisiche e psicologiche derivate dall'essersi nutrito tutti i giorni per un mese da McDonald's

farewell

È morto l’attore e produttore Gaetano Di Vaio

Vittima di un grave incidente motociclistico giovedì scorso a Qualiano, in provincia di Napoli, le sue condizioni erano da subito apparse disperate. Il ricordo di Valeria Golino

farewell

Addio a Mark Damon, protagonista degli spaghetti western

L'attore aveva 91 anni. Dopo circa un ventennio come interprete, spesso sui set di Cinecittà, si dedicò alla produzione cinematografica

farewell

Roger Corman, addio al regista e produttore re dei B-movie

Con quasi 500 film all’attivo il cineasta ha supportato il lavoro di tanti importanti registi. Polemiche per un post di Paul Schrader, che ne critica il lavoro


Ultimi aggiornamenti