Drew Barrymore con gli sceneggiatori, non condurrà gli MTV Awards

Ai primi effetti dello sciopero del Sindacato degli Sceneggiatori a Hollywood si aggiunge il sostegno di personalità dello spettacolo, pronte a incrociare le braccia assieme agli autori


L’attrice statunitense Drew Barrymore avrebbe dovuto condurre l’edizione 2023 degli MTV Movie & TV Awards, attesi a Los Angeles domenica 7 maggio. In una nota, Barrymore ha fatto sapere di essere solidale con lo sciopero degli sceneggiatori della WGA, che dall’1 maggio protestano contro gli Studios, e che perciò non prenderà parte all’evento MTV.

“Ho ascoltato gli sceneggiatori e, per rispettarli davvero, rinuncerò a presentare gli MTV Movie & TV Awards dal vivo in sostegno al loro sciopero”, recita la nota distribuita oggi alla stampa. “Tutto quello che celebriamo e ammiriamo nei film e nella televisione nasce dalla loro creatività. Fino a quando non si raggiungerà un accordo, scelgo di aspettare. Ringrazio MTV, che è stato uno dei migliori partner con cui abbia mai lavorato e non vedo l’ora di far parte di questa gala il prossimo anno, quando potrò davvero rendere omaggio a tutto ciò che MTV ha creato”. 

Gli effetti dello sciopero indetto dal Sindacato degli Sceneggiatori a Hollywood sono già visibili dentro e fuori le produzioni di film, serie e show televisivi. Molti i set già fermi in assenza di sceneggiatori, mentre nelle prossime giornate si scopriranno i possibili risvolti per premi, eventi e festival, con personalità dello spettacolo che potrebbero seguire l’esempio di Barrymore per farsi megafono delle richieste della WGA.

A.C.
05 Maggio 2023

Hollywood

Hollywood

Hollywood, un altro sciopero all’orizzonte?

Al grido di “tanti mestieri, una sola lotta”, in 2000 sono già scesi in piazza domenica 3 marzo a Los Angeles. I sindacati dei tecnici chiedono ai produttori di rinegoziare il loro contratto che scade il 31 luglio.

Picchetto di attori in sciopero
Hollywood

Sciopero, attori di Hollywood ratificano accordo con gli Studios

Il documento sancisce ufficialmente la fine della più lunga battaglia sindacale della storia di Hollywood. Aumentati i compensi minimi e "arginata" l'AI

Hollywood

Maccanico: “Fine sciopero notizia delle notizie per l’audiovisivo”

Nicola Maccanico, AD di Cinecittà, commenta così a SkyTg24 la fine dello sciopero di Hollywood

Michael Keaton nei panni del mitico Beetlejuice
Hollywood

I sequel di ‘Deadpool’, ‘Beetlejuice’e ‘Il Gladiatore’ tra i primi a ripartire dopo lo sciopero

Il periodo di protesta da parte degli attori è giunto finalmente al termine, e a Hollywood si sta preparando per la ripresa delle produzioni cinematografiche che erano state interrotte lo scorso estate, a partire da quelle a cui mancavano meno giorni di lavorazione. Beetlejuice esempio lampante: bisogna girare ancora un solo giorno


Ultimi aggiornamenti