Dal cinema alla TV, il mondo dello spettacolo ricorda Sandra Milo

Amici e colleghi salutano "Sandrocchia". I post sui social, gli scatti ritrovati e i ricordi commossi di chi ha condiviso indimenticabili momenti assieme all'attrice


Aveva 90 anni, compiuti nel 2023, eppure Sandra Milo era ancora al servizio dello spettacolo, sempre protesa verso telecamere e cineprese. La sua lunga carriera si ferma solo oggi, mentre un ultimo programma tv, Quelle brave ragazze, risale ad appena qualche mese fa. Queste prime ore sono per il ricordo, e online sono numerosissimi gli amici e colleghi che condividono i momenti trascorsi con “Sandrina” fino a pochi giorni fa. “Un onore immenso averti conosciuto e aver condiviso dei momenti al tuo fianco che mai dimenticherò”, scrive su X l’attrice Rocìo Munoz Morales. Molti rilanciano sulle proprie pagine selfie in compagnia dell’attrice, momenti di grande gioia trascorsi sui set dei programmi o nelle pause tra una scena e l’altra di un film. Non mancano gli scatti storici riproposti per saldare la memoria, legando per sempre l’attrice alle interpretazioni straordinarie in grandi film della storia del cinema; come 8 1/2  di Fellini, prediletto dagli utenti online per dire addio all’attrice. “Per sempre”, scrive l’autore Francesco Piccolo pubblicando un frame dal film di Fellini. Attori, registi, cantanti, presentatori tv e grandi autori: il saluto a “Sandrocchia” è unanime e conferma il solco profondo lasciato dall’attrice su tutto il mondo dello spettacolo italiano.

L’addio sui social

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Mara Venier (@mara_venier)

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Francesco Piccolo (@fra.ncescopiccolo)

 

Aneddoti e altri ricordi

Claudia Cardinale

“Un grande dispiacere la scomparsa di Sandra Milo. Avevamo tante cose in comune. Entrambe originarie dalla Sicilia e nate in Tunisia, portava lo stesso nome di mia madre: Greco. Forse eravamo parenti chissà…?”. Così Claudia Cardinale raggiunta a Parigi dall’Adnkronos. “Oggi perdo un pezzo della mia famiglia – dice commossa l’attrice, che con la Milo fu tra le muse del regista Federico Fellini – la mia famiglia del cinema. Sandra è stata una immagine di grande vitalità e così la voglio ricordare e sarà ricordata”, conclude.

Pierluigi Diaco

“Sandra è stata un’amica sincera e una compagna di viaggio preziosa. La ringrazio per avermi insegnato che qualsiasi momento negativo, perfino il più doloroso, poteva essere affrontato con sorriso e altruismo. Per il gruppo di lavoro di Io e te e Io e te di notte è stata fonte inesauribile di entusiasmo e idee, una fan degli altri, una donna sempre pronta a mettersi in gioco con umiltà e spirito di squadra. Sono contento che abbia ricevuto nel 2021 il premio che meritava, quel David di Donatello alla carriera che l’ha consacrata per ciò che era: una grande artista. La puntata di oggi di BellaMa’ sarà interamente dedicata a lei, con la riproposizione della sua ultima conduzione tv, avvenuta da noi lo scorso anno”. Così Pierluigi Diaco, collega e amico personale di Sandra Milo.

Giovanni Minoli

“Una grandissima, sia come persona che come attrice. Sandra era una donna unica, vera, sincera e totalmente anticonformista, diceva quello che pensava e faceva quello che voleva. E quando ha scoperto il suo ruolo a Mixer l’ha interpretato nel modo migliore”, ricorda Giovanni Minoli all’Adnkronos, che con Sandra Milo aveva collaborato all’epoca di Mixer su Rai2. “Già prima, con Piccoli fans fece un programma che oggi copiano tutti”, dice Minoli ricordando il programma tv, che Milo condusse dal 1984 al 1989 e che prevedeva l’esibizione canora di alcuni bambini che interpretavano canzoni dei loro beniamini. “Di svampito non aveva niente, aveva inventato un personaggio ma era una donna di un’intelligenza, di una concretezza e di una visione molto attenta”, conclude.

Orietta Berti

“Sandra era una donna molto intelligente, molto sensibile ma anche molto forte. Non ha avuto una vita facile, non ha mai trovato l’uomo giusto accanto a sé per cui ha dovuto allevare da sola i suoi figli. Stravedeva per loro e per il suo nipotino, li chiamava tutti i giorni, era davvero una mamma d’oro” la ricorda, parlando con l’Adnkronos, Orietta Berti, che con lei ha condiviso la prima stagione del programma Sky Quelle brave ragazze. “Io e Sandra ci conoscevamo anche prima di Le brave ragazze – racconta – ma in quei giorni di viaggio con lei che fosse non l’ho mai vista di cattivo umore. Era sempre la prima che andava al trucco e parrucco, era sempre pimpante e sempre con i tacchi a spillo. Io e Mara (Maionchi, ndr.) le dicevamo – continua scoppiando in una risata – guarda che non sappiamo che strade dobbiamo percorrere oggi, mettiti le scarpe con il carro armato’ e lei ci rispondeva: ‘No mai nella mia vita”’. “Non l’ho mai vista fare pettegolezzi nei confronti dei suoi colleghi – prosegue la Berti – era sempre gentile e garbata con tutti. Sandra metteva allegria, a volte sembrava una bambina di 10 anni ma quando doveva dire delle cose serie dava sempre delle pillole di saggezza, era davvero unica. Non bisogna dimenticare che è stata una grande attrice ma non si è mai data delle arie, era sempre alla mano con tutti. Io la ammiravo anche per questo, era una brava donna. Ricordo che era una gran lavoratrice, se aveva un giorno libero nel suo calendario lo voleva riempire”. ”Stamattina – conclude la Berti – mi ha chiamata la Maionchi e mi ha detto: ‘Siamo state fortunate a incontrare Sandra perché è stata una amica divertente e sincera’, a volte è difficile trovare amiche sincere nel nostro ambiente. Ci faceva ridere ci raccontava aneddoti che noi non possiamo svelare, è stato bello poterla conoscere”.

Mara Maionchi

“Sandra era una donna gentile, simpatica e intelligente. Sarà impossibile dimenticarla. Aveva ancora, nonostante la sua età, degli atteggiamenti molto ingenui e questa è una cosa molto bella perché in genere la vita te li spegni, era molto piacevole stare con lei” ha detto all’Adnkronos Mara Maionchi, che con lei ha condiviso la prima stagione del programma Sky Quelle brave ragazze. “E’ stata una donna che è passata nel grande cinema – prosegue la produttrice discografica – era un persona davvero speciale, non chiacchierava mai, non faceva pettegolezzi, era sempre ben messa nei confronti del prossimo, era unica. Non ho mai conosciuto una persona così. Quando ho avuto l’idea del programma su Sky la prima donna a cui ho pensato era lei perché mi piaceva, era sempre serena, elegante, esattamente il contrario di quello che sono io. Sembrava immortale, sono davvero molto dispiaciuta”. E racconta un aneddoto che le è rimasto impresso nella memoria di quando fecero le foto per il programma Quelle brave ragazze: “Io mi metto sempre in pose improbabili invece lei diventava subito una star – ricorda la Maionchi – le piaceva tanto stare in posa per le foto, non lo faceva in maniera spacciata ma in maniera soft per cui era delizioso vederla. La ricorderò per sempre”, conclude.

 

Alessandro Cavaggioni
29 Gennaio 2024

farewell

farewell

È morto Richard Horowitz, compositore de ‘Il tè nel deserto’

Per la colonna sonora del film di Bertolucci, realizzata insieme a Ryuichi Sakamoto, il musicista vinse un Golden Globe

farewell

Addio alla regista Eleanor Coppola, moglie di Francis

La regista e sceneggiatrice aveva 87 anni. La figlia Sofia Coppola le ha dedicato il suo ultimo film, Priscilla

farewell

È morto O.J. Simpson, il divo più controverso di sempre

La star della NFL ed attore 76enne, protagonista di uno dei più celebri processi della storia statunitense, combatteva da anni una battaglia contro il cancro

farewell

Addio a Paola Gassman, una vita per il teatro. Rari ma significativi i ruoli in tv

Sui social il saluto del fratello Alessandro Gassman. L’attrice, figlia di Vittorio Gassman, è morta a 78 anni. Una lunga carriera sul palcoscenico, a differenza del padre si disinteressò quasi del tutto del cinema e della televisione.


Ultimi aggiornamenti