Chiara Rapaccini si dissocia dal ‘Premio Monicelli’ a Verdone

Scrive a 'Il Tirreno': "Salvo il rispetto e l'ammirazione per l'opera di Verdone, non rappresenta il pensiero e il cinema di Mario, commedia umana, società e politica sofferta"


Chiara Rapaccini, per trent’anni compagna di Mario Monicelli, non concorda con le scelte del premio che porta il nome del suo compagno di vita: “Leggo che a Grosseto verrà festeggiato il mio compagno di una vita, Mario Monicelli, e il suo centenario – scrive in una lettera al quotidiano ‘Il Tirreno’ –  con una cerimonia in cui sarà premiato con il Premio Monicelli, Carlo Verdone. Salvo il rispetto e l’ammirazione per l’opera di Verdone, vorrei tornare a sottolineare come Brizzi, Scamarcio, Veronesi e Verdone non rappresentino se non in piccola parte, il pensiero e soprattutto il cinema di Mario, sempre al confine tra commedia umana, società e politica sofferta. Sono stata più volte interpellata per suggerire a Mario Sesti, organizzatore e direttore del Premio Monicelli, modalità e nomi per dare lustro e popolarità al Premio grossetano. Ho chiesto che si tenesse conto del Monicelli pensatore rivoluzionario, attuale e, quel che più conta, amato dai giovani, più che all’autore di commedia tout court. Vorrei ricordare come Mario sia l’autore di film come La grande Guerra, Vogliamo i colonnelli, Un borghese piccolo piccolo e I compagni, opera, quest’ultima, attualissima in un momento di grave crisi italiana in cui la spaccatura tra classe dirigente e classe lavoratrice è evidente e tremenda. Mario sarebbe stato attivo in questo malaugurato momento storico e avrebbe fatto sentire il suo dissenso. Il mio compagno e io abbiamo amato la Maremma e vi abbiamo vissuto felicemente per anni, ma ora ho l’impressione non gradevole che il suo nome e il ‘cappello’ di ‘anno monicelliano’, venga usato per scopi un po’ ‘nazional popolari”, afferma ancora Rapaccini sottolineando di “dissociarsi ufficialmente dal Premio Monicelli di Grosseto”.

Leggi la replica del curatore Mario Sesti

23 Febbraio 2015

Premi

Premi

Premio Carlo Bixio, aperte le iscrizioni per il 2024

Al via la 12ma edizione del concorso APA, RTI e RAI per l’innovazione nel campo della fiction televisiva, dedicato ai giovani talenti di età compresa tra i 18 e i 35 anni

Premi

La Pellicola d’oro 2024: Simona Balducci tra i candidati

Annunciati anche i premi speciali alla carriera a gli attori Michele Placido, Elena Sofia Ricci e al regista Sergio Martino. Tra i candidati Simona Balducci, responsabile delle reparto Costruzioni Sceniche di Cinecittà

Premi

Mimmo Paladino firma il Premio d’Artista Mattador 2024

La premiazione della 15ma edizione del Premio Internazionale per la Sceneggiatura MATTADOR si svolgerà il 17 luglio al Teatro La Fenice di Venezia

Premi

A Carmen Sepede il Premio Flaiano speciale per il Teatro

Premiata la giornalista molisana, autrice de Il mio nome è Tempesta. Il delitto Matteotti. Lo spettacolo sta girando l'Italia e nel 2022 ha vinto il "Premio Matteotti" della Presidenza del Consiglio dei Ministri


Ultimi aggiornamenti