Bif&st, Laudadio esce di scena per dedicarsi al centenario di Camilleri

Dopo 15 edizioni Felice Laudadio lascia la direzione del Festival da lui ideato e fondato nel 2009


Dopo 15 edizioni Felice Laudadio lascia la direzione del Bif&st, il Bari International Film&Tv Festival da lui ideato e fondato nel 2009 e svoltosi anno dopo anno con crescente successo. Lo ha annunciato lo stesso fondatore nella giornata finale del Bif&st 2024: “Sono stato chiamato a dirigere un altro prestigioso evento internazionale da me ideato e ho inoltre accolto l’affettuoso e amichevole invito delle figlie di Andrea Camilleri – che ringrazio per l’onore – a far parte del Comitato scientifico già al lavoro per organizzare le celebrazioni del centenario del grande scrittore che si svolgeranno in Italia e nel mondo nel 2025 e proseguiranno anche nel 2026. Un lavoro che mi impegnerà per anni.

“Esco di scena lasciando il Bif&st in eccellente salute dal punto di vista culturale ed economico. Ringrazio per primo l’enorme pubblico che fino ad oggi, e ancor più quest’anno, l’ha seguito ed amato e naturalmente i miei pochi ed esperti collaboratori che fra mille difficoltà hanno con me eroicamente costruito, da Roma e da Bari, questa manifestazione divenuta simbolo della primavera culturale pugliese avviata dall’allora presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e dalla sua assessora alla Cultura Silvia Godelli, proseguita dal presidente Michele Emiliano e dal sindaco di Bari Antonio Decaro e prodotta dall’Apulia Film Commission cui pure va il mio grazie nella persona dell’attuale presidente Anna Maria Tosto.

“Questo festival è stato costruito anno dopo anno da una piccola squadra di formidabili e creativi organizzatori culturali senza i quali il Bif&st non sarebbe neppure mai nato. Esattamente come accade per un film: un regista non potrebbe mai realizzarlo senza sceneggiatori, direttori della fotografia e di produzione, attori e tecnici. La squadra del Bif&st, grazie alla sua irripetibile esperienza, può tranquillamente continuare ad organizzarlo anche con un altro direttore, ma non viceversa. Sono pronto a passare le consegne al mio successore che dovrà necessariamente essere prescelto fra chi ha già alle spalle solide esperienze di operatore culturale in grandi manifestazioni internazionali di prestigio come il Bif&st è diventato in oltre 15 anni di attività senza sbagliare una sola edizione, e anzi rafforzandosi un anno dopo l’altro. Al mio successore vorrei dare solo due consigli, ma anche altri se me li richiederà. Il primo: festeggiare a Bari nel marzo 2025 con una grande retrospettiva il centenario di Andrea Camilleri. Il secondo: prima di accettare l’incarico ottenere dal committente garanzie scritte sui tempi – e certezze sul budget disponibile – almeno 11 mesi prima che il Bif&st cominci, cosa che a me, a noi, non è stato mai possibile ottenere negli ultimi 5 anni. Dunque grazie a tutti: io ho dato molto a questa città, a questa regione, ma in cambio ho ricevuto moltissimo: in stimoli, in stima, affetto e fiducia. Esco anch’io di scena, come in questa foto insieme a Andrea Camilleri”.

23 Marzo 2024

Bif&st 2024

Bif&st 2024

I rapporti intergenerazionali, l’età, la convivenza in ‘La tartaruga’

Fabrizio Nardocci illustra la sua opera seconda, nella quale nella forma della commedia amara inserisce diverse tematiche: i rapporti intergenerazionali, l'età, le dinamiche della convivenza. Da giovedì 6 giugno al cinema

Bif&st 2024

‘Animali randagi’. La libertà di scelta

Maria Tilli descrive la sua opera prima, "Animali randagi" lo sono in maniera diversa i personaggi del suo film, al centro la libertà di scelta

Bif&st 2024

Bif&st, doppietta di premi per ‘Il mio posto è qui’ di Cristiano Bortone

Il podio della sezione Italiafilmfest/Nuovo Cinema Italiano, con una Menzione Speciale per la Fotografia di Zamora - opera prima di Neri Marcorè - curata dal dop Duccio Cimatti

Bif&st 2024

‘Il mio posto è qui’. Mancanza di diritti nella Italia del secondo dopoguerra

Cristiano Bortone e Daniela Porto svelano come sia il loro rapporto di coppia anche sul set. Dal libro della seconda l'omonimo film, mancanza di diritti ed emarginazione nella Italia del secondo dopoguerra


Ultimi aggiornamenti