Alfred Bauer fu nazista. Studio storico conferma

Uno studio ha confermato le anticipazioni dei media sul coinvolgimento del fondatore della Berlinale Alfred Bauer, figura chiave della propaganda nazionalsocialista e fervente seguace di Hitler


Uno studio storico ha confermato le anticipazioni dei media sul coinvolgimento nazista del fondatore della Berlinale Alfred Bauer, figura chiave della propaganda nazionalsocialista. Dopo la seconda guerra mondiale, Bauer mentì deliberatamente su questi aspetti. Il festival ha commissionato una ricerca al Leibniz Institute for Contemporary History da cui si evince che “il ruolo di Bauer nella propaganda nazista è stato più significativo di quanto si sapesse e venne sistematicamente occultato dallo stesso Bauer dopo il 1945”.

Il fondatore del festival, morto nel 1986, fu consulente del Reichsfilmintendanz, un ufficio creato dal ministro della Propaganda Goebbels per orientare la politica cinematografica e verificare che i film tedeschi fossero in linea con l’ideologia razzista e antisemita di Adolf Hitler. Lo studio, condotto da Tobias Hof, ha rivelato che Bauer è stato un nazista devoto alla causa. Ha aderito a varie organizzazioni nazionalsocialiste fin del 1933 e nel 1937 si è iscritto ufficialmente al Partito. Dopo la guerra, Bauer continuò ad occuparsi di cinema e venne chiamato alla direzione del neonato festival nel 1951 rimanendovi fino al 1976. In questa veste si pose sempre come sostenitore di valori quali l’apertura e la tolleranza e dopo la sua morte gli venne dedicato un premio destinato alle opere che “aprono nuove prospettive nell’arte cinematografica”, dal 2020 il premio è stato trasformato in un Orso d’argento.

01 Ottobre 2020

Berlino 2020

Berlino 2020

Berlinale Generation vola in Giappone

Una selezione di cinque film provenienti dall’ultima edizione del festival saranno presentati al pubblico giapponese in occasione del Nara International Film Festival, dal 18 al 22 settembre: Los Lobos di Samuel Kishi Leopo, The Earth Is Blue as an Orange di Iryna Tsilyk, My Name Is Baghdad di Caru Alves de Souza, Voices in the Wind di Nobuhiro Suwa e Cocoon di Leonie Krippendorf.

Berlino 2020

Italia Paese in Focus all’European Film Market 2021

Alla presenza del ministro Dario Franceschini, della sua omologa tedesca Monika Grütters, dell’Executive Director della Berlinale Mariette Rissenbeek e del direttore delle Relazioni Internazionali di Anica e coordinatore dei Desks Audiovisivi di ICE-Agenzia Roberto Stabile, è stato siglato a Berlino l’accordo che prevede la partecipazione dell’Italia come Paese in Focus alla prossima edizione dell’European Film Market

Berlino 2020

Berlino 71: 11/21 febbraio 2021

Bilancio positivo per la 70esima Berlinale con circa 22.000 professionisti dell'industria da 133 paesi e 330.000 biglietti venduti. Il 71° Festival di Berlino avrà luogo dall'11 al 21 febbraio 2021

Berlino 2020

Undine nel listino Europictures

Europictures ha acquisito al Festival di Berlino Undine di Christian Petzold con Paula Beer, Franz Rogowski, Premio Fipresci e Orso d’argento per la migliore attrice, prossimamente al cinema


Ultimi aggiornamenti