Al via Ca’ Foscari Short, che analizza la crisi da una prospettiva femminile

Si sta per alzare il sipario sulla tredicesima edizione, al via mercoledì 22 marzo, con una ricca serie di cortometraggi, ospiti e programmi speciali


Si sta per alzare il sipario sulla tredicesima edizione del Ca’ Foscari Short Film Festival, al via mercoledì 22 marzo, con una ricca serie di cortometraggi, ospiti e programmi speciali che accompagneranno gli spettatori dell’Auditorium Santa Margherita e delle altre cinque sedi veneziane fino alla cerimonia di chiusura di sabato.

Il primo festival in Europa interamente concepito, organizzato e gestito da un’università, con il coordinamento del direttore artistico e organizzativo Roberta Novielli, offre infatti anche quest’anno una selezione di qualità nelle trenta opere che costituiscono il Concorso Internazionale, con cortometraggi di studenti di università e scuole di cinema da 28 paesi, e si prepara a ospitare a Venezia personalità come il regista israeliano Amos Gitai, la Palma d’oro Hirokazu Kore-eda, il padre dell’animazione italiana Bruno Bozzetto e il nuovo talento dell’horror Rob Savage.

Prima, però, spazio a chi regista lo vuole diventare e sta muovendo i primi passi nel mondo del cinema: a loro è dedicata la pre-apertura del festival, oggi alle 17.00 in Auditorium, con la cerimonia di consegna dei diplomi agli studenti del Master in Fine Arts in Filmmaking di Ca’ Foscari. L’evento sarà impreziosito da una lectio magistralis del critico cinematografico Paolo Lughi e dalla proiezione di Antea, il cortometraggio realizzato collettivamente dagli studenti del corso.

Domani si inizierà con un altro programma speciale dedicato ad aspiranti registi che studiano a Venezia. In questo caso i protagonisti saranno i 25 studenti internazionali che hanno frequentato la quarta edizione della summer school della Venice International Unviersity la quale si prefigge di combinare teoria e pratica cinematografica applicandoli alle rappresentazioni di Venezia, con la proiezione dei sei cortometraggi realizzati dagli studenti durante questa esperienza. Si volerà poi dall’altra parte del mondo con il primo dei programmi speciali che da anni accompagnano il festival e che fanno ormai parte della sua identità, ovvero East Asia Now, che condurrà gli spettatori in un viaggio alla scoperta delle ultime tendenze provenienti dall’Asia Orientale.

Quest’anno i tre cortometraggi selezionati ragionano sul tema della crisi da una prospettiva femminile, ma lo fanno partendo da presupposti molto diversi fra loro: si va infatti dall’animazione di The Sea on the Day When the Magic Returns di Han Jiwon (Corea del Sud) al surrealismo di Bird Woman di Oohara Tokio (Giappone), passando per i meccanismi metanarrativi di Aunt Lotus & Her Dream Bicycle di Kew Lin da Singapore.

Nel pomeriggio uno dei grandi ospiti del festival, Rob Savage, che terrà una masterclass in compagnia del docente e critico cinematografico John Bleasdale . Rob, infatti, nonostante abbia da poco compiuto trent’anni, ha già all’attivo tre lungometraggi – oltre a corti, serie tv e pubblicità – tra cui il recente Dashcam (2021) che aggiorna ai tempi dei social il sottogenere del found footage, ed è tra i registi più promettenti del panorama dell’horror contemporaneo come testimonia la collaborazione da poco annunciata con il guru del genere Sam Raimi e con un prossimo film in uscita, The Boogeyman, tratto direttamente da uno dei padri dell’horror letterario, Stephen King.

Durante la masterclass saranno proiettati anche alcuni dei corti del regista, tra cui il pluripremiato Dawn of the Deaf.

 A chiudere la prima giornata ci sarà l’appuntamento con le prime sei opere del Concorso Internazionale, dove quest’anno risaltano in particolar modo le tematiche legate ai migranti e alla loro condizione, come nell’iraniano Bloody Gravel di Hojat Hosseini, dove una coppia cerca di passare la frontiera tra Afghanistan e Iran per poter vivere il proprio amore.

Ma la selezione è molto variegata, come testimoniano le altre opere in programma domani, si va infatti dall’animazione francese di Tear Off al documentario spagnolo su due sorelle anarchiche As duas en punto, dal black humor tipicamente inglese di Not for Sale al post-apocalittico polacco Rozkwit Zimowy, per concludere con Runaway, sui difficili compromessi che deve accettare una famiglia georgiana in Russia. Saranno queste le opere che apriranno un concorso che conferma lo Short come osservatorio d’eccezione del cinema giovane, con una giuria di prestigio composta da Mika Johnson, artista multimediale specializzato in realtà virtuale, Robb Pratt, storico animatore della Disney, e Roberto Citran che dagli anni ottanta frequenta abitualmente il grande e il piccolo schermo nostrano.

I tre saranno chiamati ad assegnare i premi principali, offerti anche quest’anno da Promovetro, a cui si va ad aggiungere un’opera d’arte in vetro dell’artista Cosima Montavoci, protagonista del progetto Mollified insieme a Lorenzo Passi.

Ang
21 Marzo 2023

Ca' Foscari Short

Ca' Foscari Short

Ca’ Foscari Short Film Festival, il manifesto della 14ma edizione

Una Venezia al chiaro di luna nel poster firmato da Manuele Fior. Il programma della manifestazione sarà svelato il 4 marzo

Ca' Foscari Short

Al Ca’ Foscari Short FF vincono diritti umani e animazione

Il vincitore del Concorso Internazionale è Invisible border di Mark Gerstorfer. La Menzione Speciale "WeShort", che premia la migliore sperimentazione nei linguaggi cinematografici,va a Fly high, un'animazione italiana prodotta dal CSC del Piemonte

Ca' Foscari Short

Koreeda: “Col mio cinema vado oltre la famiglia tradizionale”

Il cineasta giapponese, Palma d’oro a Cannes nel 2018 per Un affare di famiglia, è stato in collegamento con il festival veneziano Ca' Foscari per parlare della sua autobiografia, appena uscita in Italia e ha affrontato diversi temi, dalla denatalità alla libertà di informazione

Ca' Foscari Short

Rob Savage al Ca’ Foscari: “i corti come potente strumento per emergere”

Il prodigio dell’horror contemporaneo ha chiuso la prima giornata del Ca' Foscari Short Film Festival, in cui sono stati proiettati i primi sei corti in Concorso. East Asia Now ha offerto uno sguardo sulle ultime tendenze del cinema giovane asiatico


Ultimi aggiornamenti