Addio a Thomas Heise, nei suoi documentari le contraddizioni della Germania

Figlio del filosofo Wolfgang Heise, il regista è morto precocemente a 68 anni, dopo una breve e grave malattia. Ha documentato il passaggio dalla DDR alla riunificazione, catturando l'attenzione della critica nazionale e internazionale


Il regista tedesco Thomas Heise, autore di documentari che hanno messo in luce le contraddizioni della Germania, è morto all’età di 68 anni a Berlino il 29 maggio, per un devastante tumore. Lo ha reso noto la sua famiglia.

Nato il 22 agosto 1955 a Berlino Est, nell’allora Repubblica Democratica Tedesca, era figlio del filosofo marxista della Germania Est Wolfgang Heise (1925-1987), il “Voltaire della Ddr”, un intellettuale sia ufficiale, vicino al regime comunista, che sovversivo, a cui l’ultimo grande film del regista, il monumentale Heimat è uno spazio nel tempo (2019), ha reso omaggio, insieme alla madre, l’accademica Rosemarie Heise, alla loro famiglia e ai suoi illustri amici, gli scrittori Christa Wolf e Heiner Müller.

Heiner Müller ha avuto un ruolo importante nella formazione di Thomas Heise, prima di apparire in molti dei suoi film, tra cui Material (2009), considerato il suo capolavoro: montato a partire da filmati girati dallo stesso Heise trent’anni prima, ricostruisce la sua versione della sequenza storica che ha segnato tutta la vita e il lavoro del regista, ovvero la caduta del Muro di Berlino nel novembre 1989 e la riunificazione tedesca.

Iscritto alla Hochschule für Film und Fernsehen ‘Konrad Wolf’ (1978-83) e discepolo di Heiner Müller, Thomas Heise ha realizzato diversi documentari sulla cultura e sull’apparato burocratico della Germania Est (sin dagli anni Settanta); questi, però, sono stati oggetto di censura fino alla caduta del Muro (si ricordano in particolare Wozu Denn Über Diese Leute Einen Film  del 1980 e Volkspolizei, del 1985).

Tra i registi tedeschi più importanti degli ultimi anni, Heise ha documentato il passaggio dalla Repubblica Democratica Tedesca alla riunificazione, catturando l’attenzione della critica nazionale e internazionale (a partire dal 1989). Grazie a un’attenta analisi politica, sociologica e storiografica, Heise ha messo in luce la complessità e la contraddittorietà di un paese ancora in fase di trasformazione. Tra i lavori più importanti, Vaterland (2002), Mein Bruder – We’ll Meet Again (2005), Kinder – Wie die Zeit Vergeht (2007), Sonnensystem (2011), Die Lage (2012).

 

gp
,
31 Maggio 2024

farewell

farewell

Borgonzoni: “Addio a Donald Sutherland, interprete indimenticabile”

"I lavori al fianco di registi italiani come Federico Fellini o Bernardo Bertolucci saranno per sempre impressi nella nostra memoria" ha dichiarato il Sottosegretario alla Cultura

farewell

Addio a Donald Sutherland, da ‘Casanova’ di Fellini a ‘Novecento’ di Bertolucci

Il leggendario attore Oscar onorario che ha recitato in decine e decine di film, da Quella sporca dozzina a Mash, fino alla saga Hunger Games, è morto a Miami all’età di 88 anni

farewell

Chiara Sbarigia: “Anouk Aimée, memorabile il suo rapporto con l’Italia”

La presidente di Cinecittà Chiara Sbarigia sulla scomparsa dell'attrice Anouk Aimée. "Memorabile il suo rapporto con il nostro Paese e con Cinecittà, dove ha avuto più volte la possibilità di recitare e ha lasciato un'impronta indimenticabile"

farewell

Borgonzoni: “Anouk Aimée un faro di ispirazione per le generazioni future”

"Un esempio di come sia possibile coniugare grazia e profondità nell'arte dell'interpretazione cinematografica" ha dichiarato il Sottosegretario alla Cultura


Ultimi aggiornamenti