Adam Jendoubi, muore a 23 anni l’attore de ‘La paranza dei bambini’

"Morire nell'età dell'esordio alla vita genera disperazione" ha scritto sui social Roberto Saviano, autore del libro da cui è stato tratto il film. L'attore era stato vittima di un arresto cardiaco durante Capodanno


L’attore protagonista del film La paranza dei bambini, Adam Jenboudi, è morto all’età di 23 anni dopo nove giorni di agonia all’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia a Napoli. Era stato vittima di un arresto cardiaco all’alba di Capodanno. Dopo aver perso conoscenza era caduto a terra provocandosi anche gravi lesioni al volto. L’annuncio della scomparsa è stato dato con un post sui social dal fratello Habib, anche lui attore e modello. Su Instagram ha spiegato che la famiglia ha autorizzato l’espianto degli organi, seguendo le volontà del giovane.

In base a quanto è stato ricostruito. in un primo momento si era pensato che Adam Jendoubi fosse stato vittima di un incidente stradale: il 23enne era ferito al volto e il suo corpo riverso a terra e privo di sensi era stato trovato per strada, lungo il viale delle Terme; invece sarebbe stato vittima di un arresto cardiaco con il quadro clinico che è peggiorato via via nel reparto di terapia intensiva.

“Sangue mio, spero che hai finito di soffrire – scrive sui social il fratello Habib Jendoubi – Hai dimostrato di essere un leone fino alla fine, uomo vero con valori e principi scegliendo già a 18 anni che il giorno della tua morte avresti voluto donare gli organi e così hai fatto. Vita mia, nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta e tu vivi e vivrai sempre in me. Resta in Power, vita mia, buon viaggio”.

Il giovane attore è stato ricordato sui social da Roberto Saviano con queste parole: “Na botta rint’ ‘o core ho sentito quando mi hanno avvertito che Adam era grave dopo essersi sentito male la notte di Capodanno. In un primo momento sembrava che Adam avesse avuto un incidente con il motorino ma l’ospedale ha poi confermato: arresto cardiaco grave. Adam Jendoubi si è spento a 23 anni. Morire nell’età dell’esordio alla vita genera disperazione: tutto sbagliato, tutto insensato, è impossibile trovare consolazione. L’avevo incontrato a Napoli anni fa, ancora adolescente, era appena uscito il video della canzone di Liberato dove interpretava il ruolo di protagonista e stava vivendo la prima curiosità delle persone che lo riconoscevano in strada. Espressivo, dinamico, intenso, non è facile in un video senza una sola parola pronunciata, permettere al proprio profilo di emergere così chiaramente. Sentimentale e a tratti guascone, il regista voleva che si caratterizzasse così e Adam nel quotidiano era così. Adam aveva il viso della nuova Napoli: metà polacco, metà tunisino e completamente partenopeo. ‘Ecco perchè sei così bello – gli avevo detto – sommi più culture ed è sempre così, bellezza nasce da ciò che si mischia, si intreccia, si confonde perché dispone la vita in forme nuove e inaspettate’. Mi guardò perplesso e decise di rispondere con un sorriso a tutto quel blaterare che non aveva capito dove andasse a parare, io imperterrito continuai: ‘Hai dentro di te tre culture e quante lingue parli?’. ‘Io parlo il forcellano’ rispose e finimmo nel chiasso delle risate. Adam l’avevamo scelto per il ruolo di Aucelluzzo nel film ‘La paranza dei bambini’, fare l’attore era sua aspirazione vera. E ora? E ora non c’è altro atto possibile che ricordare, resteranno come traccia della sua vita i video, il film, le foto e la memoria di chi è cresciuto con lui a Forcella. Resterà la storia di un ragazzo figlio di due migranti, di due culture distanti e che Napoli ha saputo rendere prossime come sempre fa questa città che tutto avvicina dando cittadinanza universale a chiunque la attraversa e vive. E resteranno i suoi organi che continueranno a respirare in altre vite. Addio Adam, addio ragazzo”.

10 Gennaio 2024

farewell

farewell

È morto l’attore e produttore Gaetano Di Vaio

Vittima di un grave incidente motociclistico giovedì scorso a Qualiano, in provincia di Napoli, le sue condizioni erano da subito apparse disperate. Il ricordo di Valeria Golino

farewell

È morta Susan Backlinie, la prima vittima de ‘Lo squalo’ di Spielberg

Nel cult movie degli anni '80 interpreta la nuotatrice che si tuffa nuda al largo di Amity Island

farewell

Addio a Mark Damon, protagonista degli spaghetti western

L'attore aveva 91 anni. Dopo circa un ventennio come interprete, spesso sui set di Cinecittà, si dedicò alla produzione cinematografica

farewell

Roger Corman, addio al regista e produttore re dei B-movie

Con quasi 500 film all’attivo il cineasta ha supportato il lavoro di tanti importanti registi. Polemiche per un post di Paul Schrader, che ne critica il lavoro


Ultimi aggiornamenti