Adam Driver: “Chi se ne frega se ho interpretato due italiani”

L'attore che ha interpretato recentemente Maurizio Gucci ed Enzo Ferrari ha risposto alla polemica alimentata da Pierfrancesco Favino


“Tante persone mi hanno chiesto ‘Come mai tutti questi italiani…’ Io ho risposto che è stato un caso. Per me Ridley Scott e Michael Mann sono due migliori registi viventi. Chi se ne frega se ho interpretato due italiani uno dopo l’altro?” così Adam Driver ha commentato la polemica accesa da Pierfrancesco Favino all’ultima Mostra del Cinema di Venezia in relazione ai ruoli di personaggi italiani interpretati da divi hollywoodiani. L’attore che ha vestito i panni recentemente di Maurizio Gucci in House of Gucci e Enzo Ferrari in Ferrari ne ha parlato nel podcast SmartLess, condotto dagli attori Jason Bateman, Sean Hayes e Will Arnett.

Driver ha ammesso di non essere particolarmente “strategico” nelle scelte relative alla sua carriera e di essere rimasto sorpreso dalla reazione dei media. “In fin dei conti ho interpretato solo due italiani, due! Ma la stampa non è un luogo in cui ci si concentra sulle sfumature. Tutto questo non ha niente a che fare con l’Italia, anche se il paese mi piace. Questa scelta ha a che fare con Ridley Scott e Michael Mann e con i progetti. L’Italia non è la prima cosa che mi è venuta in mente quando ho accettato.”

La polemica non sembra dunque avere scalfito le convinzioni dell’attore, che però alla domanda se accetterà in futuro altri ruoli di italiani risponde nettamente: “Probabilmente no!”.

redazione
03 Gennaio 2024

Attori

Attori

‘Gloria!’, Sara Mafodda: “A 9 anni scrissi una lettera a Morricone”

Tra le protagoniste del debutto alla regia di Margherita Vicario, l'attrice ha raccontato a CinecittàNews l'incredibile avventura di 'Gloria!', dal set alla prima in Concorso a Berlino

Attori

Ludovica Bizzaglia: “Sul set provo un senso di appartenenza che mi fa stare bene”

L'attrice romana, 27 anni, ci parla del suo ruolo in Flaminia, opera prima di Michela Giraud, attualmente nelle sale, e dell'importanza per lei di fare questo mestiere, nonostante le complessità

Attori

Artisti 7607 cita in giudizio Netflix, la risposta della piattaforma

La società che gestisce i diritti di attori come Neri Marcorè, Elio Germano e Valerio Mastandrea ha accusato Netflix di offrire compensi irrisori

Attori

Jonathan Majors, arriva la sentenza: non andrà in carcere

L'attore, che rischiava un anno di detenzione, dovrà soltanto partecipare per un anno a un programma contro la violenza domestica


Ultimi aggiornamenti