A24 produrrà il film di ‘Death Stranding’

Kojima Productions e A24 collaboreranno per portare sul grande schermo Death Stranding', il primo videogioco ideato da Hideo Kojima dopo la sua separazione dalla Konami.

Death Stranding

L’annuncio è stato fatto direttamente da Kojima, un appassionato sostenitore di A24. Lo studio newyorkese si è affermato negli ultimi anni come uno dei marchi più prestigiosi nell’ambito del cinema contemporaneo, grazie a opere di genere come Hereditary, The Witch, Midsommar, The Green Knight e Everything Everywhere All at Once, che hanno riscosso successo agli Oscar.

Così ha scritto: “A24 è venuta al mondo circa 10 anni fa, la loro presenza è unica all’interno dell’industria, non c’è nessuno come loro. I film che realizzano sono di alta qualità e molto innovativi. Sono stato molto affascinato dalle loro creazioni, e hanno persino ispirato il mio lavoro. Il loro approccio innovativo al racconto si allinea con quello che Kojima Productions ha fatto negli ultimi 8 anni. Ora, faremo insieme un film di Death Stranding. Là fuori ci sono molti “film tratti da videogiochi”, ma ciò che stiamo creando non è solo una trasposizione diretta del gioco. L’intento è di avere un pubblico che non sia composto solo da fan del gioco, perché il nostro film sarà per chiunque ami il cinema. Stiamo creando un universo di Death Stranding mai visto prima, realizzabile solo attraverso il medium cinematografico”.

Il gioco stesso ha visto le straordinarie performance di attori come Norman Reedus, Mads Mikkelsen, Léa Seydoux, Guillermo del Toro e Margaret Qualley grazie alla motion capture, ma al momento non è chiaro se il cast sarà confermato per questa versione live-action. Non sono stati divulgati il nome del regista e dello sceneggiatore, a meno che Kojima non decida di occuparsene personalmente.

La trama dè ambientata in un futuro prossimo, dove il mondo è sconvolto da esplosioni misteriose che scatenano eventi soprannaturali denominati Death Stranding. Con creature ultraterrene che infestano il paesaggio e la minaccia di un’imminente estinzione di massa, il protagonista Sam Porter Bridges è chiamato a attraversare un territorio desolato e devastato per cercare di salvare l’umanità dall’annientamento imminente.

Nel frattempo, è in corso lo sviluppo di un sequel del gioco per Playstation 5.

Andrea Guglielmino
15 Dicembre 2023

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo mockumentary dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"

Berlino 2024

‘Dahomey’ di Mati Diop è l’Orso d’oro della Berlinale 2024

Sebastian Stan premiato per la miglior interpretazione per A different man. A Hong Sang-soo il gran premio della giuria (il secondo a distanza di soli due anni)

Berlino 2024

A ‘Memories of a burning body’ il premio del pubblico di Panorama

Gli spettatori hanno votato come miglior documentario No other land, del collettivo di registi israeliani e palestinesi Basel Adra, Hamdan Ballal, Yuval Abraham e Rachel Szor


Ultimi aggiornamenti