9 luglio 2024, la rassegna stampa

Le interviste a Willem Dafoe, Marco Bellocchio, Mariska Hargitay e Claudio Amendola. Poi il documentario sulla generazione della ‘St Elmo’s Fire’ e quello sui mastri birrai che hanno salvato la fabbrica di Messina

9 luglio 2024, la rassegna stampa

Ogni mattina CinecittàNews vi presenta un panorama delle notizie con cui i media seguono il mondo dell’audiovisivo

 

WILLEM DAFOE: HO IMPARATO L’ITALIANO CON LE CANZONI DI BATTIATO

“Prima di girare L’ultima tentazione di Cristo, Scorsese mi disse di vedere Il Vangelo secondo Matteo di Pasolini: io l’ho visto e rivisto, poi per il Pasolini di Ferrara mi sono immerso nei suoi film”, racconta l’attore ad Aldo Cazzullo sul ‘Corriere della Sera’. E sul suo nuovo ruolo di Direttore della Biennale Teatro (riportato da tutte le testate): “Sono un attore e guardo agli attori, al corpo dell’attore. Il cuore pulsante del teatro è il corpo: è questo a renderlo unico. E il fatto che si recita in tempo reale, davanti a un pubblico. Immagino un teatro gremito di pubblico, persone davanti agli attori, e sento tutti quei cuori pulsanti. Ed è particolarmente importante oggi”.

MARCO BELLOCCHIO: IL CINEMA È UN’ARTE TERAPEUTICA

“Da regista sono costretto a confrontarmi con gli altri. A volte riesco a scappare o a nascondermi, ma quando hai a che fare con gli attori è difficile. Il set ti obbliga ad avere il coraggio di affrontare l’altro”. Così il regista in un’intervista a Hakim Zejjari su ‘Domani’, in occasione del ritorno in sala del suo Sbatti il mostro in prima pagina in versione4K, restaurato dalla Cineteca di Bologna. “È un film sul controllo della verità. Oggi ci sono le fake news, allora la manipolazione era molto artigianale”. Mi fa molto piacere che chi lo vede oggi riconosce qualcosa che stiamo vivendo oggi in modo totalizzante: il controllo sempre più minaccioso della verità attraverso la tecnologia”.

CLAUDIO AMENDOLA: HO SEMPRE SAPUTO CHE SAREI TORNATO GIULIO CESARONI

“Stiamo completando la sceneggiatura, ma vi posso assicurare che i nuovi episodi saranno pieni di sentimento e risate”, racconta a Raffaella Ponzo su ‘DipiùTV’ il protagonista de I Cesaroni, una delle serie TV più amate, in onda per sei stagioni su Canale 5, dal 2006 al 2014. Nella nuova stagione, che si girerà a novembre prossimo, ci sarà anche Antonello Fassari, ma ancora non si sa bene come sarà il resto del cast dieci anni dopo.

MARISKA HARGITAY: LAW & ORDER NON È SOLO UNA SERIE, MA UNA COMUNITÀ

“Per battere la cultura patriarcale va sfruttata ogni occasione”, spiega ad Adriana Marmiroli su ‘La Stampa’ l’attrice, fresca del Premio Flaiano per la serie (su Sky e Prime) di cui è protagonista ininterrottamente dal 1999. Il suo personaggio, la detective Benson, combatte da 25 abusi sessuali e domestici, di genere e sui minori. “È indispensabile portare alla luce ovunque, anche in Italia, la gravità della situazione, mostrare cosa significa sopravvivere a questi crimini, cosa fare per andare avanti e superare quella cultura così pervasiva”

BRATS, UN DOCUMENTARIO SVELA IL NON DETTO DEGLI ANNI ’80

Su ‘La Stampa’ Simona Siri da New York parla del “BratPack”, il gruppo di ‘ragazzacci’ il cui nome rese omaggio al “Rat Pack” della Hollywood degli anni d’oro, raccontato nell’imperdibile documentario Brats da uno di loro, Andrew McCarthy, presentato all’ultimo Tribeca e ora visibile su Disney +. L’attore e regista s ricontatta i colleghi che non vede dagli Anni ‘80 per sfatare qualche mito… Da Demi Moore a Emilio Estevez, fino a Tom Cruise, Sean Penn, Timothy Hutton, Matt Dillon, Nicolas Cage e Michael J Fox.

I QUINDICI, IL RISCATTO E RINASCITA DEI MASTRI BIRRAI DI MESSINA IN UN DOCUFILM

Sul ‘Corriere della Sera’ un trafiletto annuncia l’anteprima nazionale de I Quindici, il docufilm che sarà proiettato il 18 luglio all’Horcynus Festival di Messina. Diretto da Alessandro Turchi e prodotto da Ecosmedia, è la storia dei 15 mastri birrai che hanno dato vita alla cooperativa ‘Birrificio Messina’, raccogliendo l’eredità della storica azienda che chiuse i battenti nel 2013”.

autore
09 Luglio 2024

Rassegna stampa

Rassegna stampa

16 luglio 2024, la rassegna stampa  

Anthony Hopkins sugli artigiani italiani, Valeria Golino e le critiche negative, Abel Ferrara a lavoro su un nuovo film con Willem Dafoe e Asia Argento, Federico Zampaglione contro la censura del suo horror e il nuovo film di Martin Scorsese su Gesù

good-morning-lunedi
Rassegna stampa

15 luglio 2024, la rassegna stampa  

Amos Gitai e la guerra che sopprime i diritti. Generazione Beverly Hills, ’è spenta Shannen Doherty. Bella Thorne dirige la violenza che ha vissuto. Jasmine Trinca è Maria Montessori. Vinicio Marchioni e gli uomini perbene

Rassegna stampa

12 luglio 2024, la rassegna stampa

Benigni: la mia mamma, la mia personale Madonna universale! Shelley Duvall, addio all’urlo di Shining. Pilar Fogliati: “in me convivono Apollo e Dioniso”. Mastroianni, il racconto di un secolo. Saint Laurent a Locarno. Vivendi guarda a Londra per quotare Canal+

Rassegna stampa

11 luglio 2024, la rassegna stampa 

Tornatore giurato a Venezia. Boldi: “Cipollino non ha eredi”. Monica Guerritore debutta alla regia con Anna Magnani. Barbara Ronchi e la capacità di ascolto. Le passeggiate romane di Dante Ferretti. Buon compleanno Lino Banfi. Scarlett Johansson in missione spaziale.


Ultimi aggiornamenti