28 febbraio 2024, la rassegna stampa

Le recensioni di 'Ancora un'estate' e 'Dune - Parte Due'. Le star del cinema viste da "Donna Moderna" e "Vanity Fair"


Ogni mattina CinecittàNews vi presenta un panorama delle notizie con cui i media seguono il mondo dell’audiovisivo.   

‘Mary Poppins’, un film per adulti

La notizia più ripresa della giornata è il divieto ai minori di 12 anni non accompagnati di vedere il classico film Disney Mary Poppins sancito in Gran Bretagna. Come spiega Luigi Ippolito su “Il Corriere della Sera”: la causa di tale classificazione sta nella “parola ‘ottentotti’, che viene pronunciata due volte nel corso della pellicola, in particolare dall’Ammiraglio quando si trova di fronte i due piccoli protagonisti col volto sporco di fuliggine”.

‘Ancora un’estate’, il ritorno di Catherine Breillat

In vista dell’uscita del 7 marzo nelle sale di Ancora un’estate di Catherine Breillat, Natalia Aspesi di “La Repubblica” esalta il lungometraggio che ci fa tornare “ai film di una volta, quando se ne vedevano delle belle in cui il finto pareva vero (e certe volte era persino vero!) senza neppure l’intimacy coordinator”. Il film vede il giovanissimo Samuel Kircher e la moglie di Emanuele Filiberto Clotilde Courau nei ruoli di un figliastro e una matrigna che iniziano una scandalosa relazione sessuale.

Prof da cinema

Fulvia Caprara su “La Stampa” dedica un approfondimento al ruolo dell’insegnante nel cinema: “Illuminante, autoritario, burbero, al cinema il mestiere dell’insegnante ispira ancora molti film da Paul Giamatti in The Holdovers a Jasmine Trinca nei panni di Montessori”.

‘Dune’ in versione Rolls-Royce

Teresa Marchesi di “Domani” ci offre la sua opinione controcorrente sul film del momento Dune – Parte Due, definito” la Rolls-Royce delle esperienze di cinema”, in quanto nonostante i costi monumentali “non è poi così epico e non sprizza adrenalina da ogni fotogramma”.

Lady Oscar

Su “Donna Moderna” troviamo un pezzo dall’ammiccante titolo Lady Oscar dedicato a tutte le candidate agli Academy Awards. “Tre film diretti da una donna su 10 candidati a “best picture”, – scrive Mattia Carzaniga – in 96 anni di storia dell’Academy non era mai successo”.

Quando le star si allineano

Vanity Fair” celebra i trent’anni della sua “Hollywood Issue” mettendo in copertina 11 delle più importanti star del momento. “Persone totalmente diverse tra loro, ma con qualcosa in comune: in questo momento di trasformazione stanno cogliendo l’attimo” scrive David Canfield nel pezzo tradotto dall’inglese. Si tratta di Bradley Cooper, Natalie Portman, Pedro Pascal, Colman Domingo, Jodie Comer, Lily Gladstone, Greta Lee, Charles Mellon, Da’Vine Joy Randolph, Jenna Ortega e Barry Keoghan.

Carlo D'Acquisto
28 Febbraio 2024

Rassegna stampa

good-morning-lunedi
Rassegna stampa

15 aprile 2024, la rassegna stampa

Le interviste a Kirsten Dunst e Massimo Ghini, la moda hollywoodiana dei biopic del rock, Virzì e il concorso di cortometraggi per ragazzi, i trent’anni di Hollywood Party, gli esiti dello scontro sulla governance Disney e le sue possibili conseguenze internazionali.

Rassegna stampa

Venerdì 12 aprile, la rassegna stampa

Il programma di Cannes e l'attesa per Sorrentino, Oppenheimer in Giappone, l'Italia di Ripley e il giovane Berlusconi su Netflix

Rassegna stampa

11 aprile 2024, la rassegna stampa

Il premio alla carriera a Milena Vukotic, Civil War e il presente degli Stati Uniti, i “non divi” italiani in guerra contro Netflix. Poi le interviste a Catherine Deneuve, Margherita Vicario e Giulio Base

Rassegna stampa

10 aprile 2024, la rassegna stampa

La battaglia degli attori contro Netflix, le interviste a George Miller, Luca Zingaretti, Pilar Fogliati, Massimo Ghini e alle interpreti di Gloria!


Ultimi aggiornamenti