26 luglio 2023, la rassegna stampa

Fari puntati sull'80ma edizione della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, Intervista a Pannofino, Gifuni e Lodovini, la nuova legge sulla pirateria e la Barbie mania ancora vincente


VENEZIA80, IL PROGRAMMA DELLA MOSTRA

All’indomani della presentazione del programma ufficiale della Mostra del Cinema di Venezia, l’attenzione della stampa si rivolge ai film e agli autori selezionati. “Non sarà una mostra autarchica”, ha dichiarato il direttore artistico Alberto Barbera, anche se sono in molti a considerare notevole il numero di italiani in competizione (ben sei). “La mostra resisterà alle ricadute dello sciopero che in Usa paralizza i set e le uscite”. Mann, Fincher, Allen, Polanski, Anderson, Coppola alcuni degli autori più attesi, in dubbio la presenza delle star, che potrebbero arrivare al Lido solo per le (tante) produzioni indipendenti. “Rischio abbuffata” titola sul Corriere della Sera Paolo Mereghetti.

LA CARICA DEGLI ITALIANI

Sei i titoli italiani in competizione all’80ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. “Mai ce n’erano stati così tanti in competizione a Venezia”, scrive su Il Tempo Giulia Bianconi. Barbera ha infatti presentato i film spiegando come “in una stagione di cinema italiano eccezionale come questa, lasciarne fuori qualcuno sarebbe stato doloroso”. L’opera seconda di Pietro CastellittoEnea, ritrae “una sorta di grande bruttezza ammantata di ipocrisia”, Saverio Costanzo in Finalmente l’alba racconta “il mondo crudele del cinema negli anni Cinquanta a Cinecittà”, dove è anche stato girato con Lily James protagonista, c’è poi il nuovo film d’apertura firmato De AngelisComandante, con Pierfrancesco Favino nel ruolo del comandante della Regia Marina Salvatore Todaro, Matteo Garrone porta “l’odissea contemporanea di due migranti da Dakar all’Europa” con Io Capitano, Sollima passa alla distopia romana con Adagio e infine Lubo di Giorgio Diritti

ITALIA A VENEZIA: AUMENTANO I BUDGET

Alberto Barbera ha parlato di “grande qualità” del cinema italiano selezionato in competizione, segno di uno sforzo produttivo indagato oggi da un articolo de Il MessaggeroFinalmente l’alba di Saverio Costanzo, ambientato e girato negli Studi di Cinecittà, è costato ad esempio ben 28 milioni, mentre 17 sono i milioni di euro richiesti per Comandante di De Angelis, con Favino protagonista. 8 milioni è il budget che accomuna l’ultima opera di Garrone, Io capitano, ed Enea di Pietro Castellitto. “Dimostra l’ambizione di coinvolgere il grande pubblico e insieme uscire dai confini nazionali”. 

MARCO D’AMORE: “RICORDO LE DIFFICOLTÀ DELL’INIZIO”

Al Magna Grecia Film Festival nel ruolo di presidente del Concorso, l’attore interprete di Gomorra si racconta a Roberta Scorranese del Corriere della Sera. “Vorrei rimanere uno spettatore”, racconta d’Amore, “non solo al cinema ma anche nella vita”. Tra gli aneddoti riproposti, l’incontro con l’amico e collega Toni Servillo all’ultimo anno di Liceo: “un maestro inconsapevole, come devono essere i veri maestri”. Attesa al festival in programma dal 29 luglio al 5 agosto anche Susan Sarandon, Matteo Garrone, Levante, Pupi Avati.

ALBANESE AI GIOVANI GIFFONERS: “ESPLORATE IL MONDO”

Uno degli incontri più attesi del Giffoni Film Festival quello con l’attore e comico Antonio Albanese, che si è rivolto alla platea di giovanissimi esortando alla curiosità e alla scoperta. Su Il Giornale, il racconto della masterclass a cura di Laura Rio. “Dovete frequentare i centri sociali come i circoli di intellettuali, l’operaio come il grande banchiere. Io a volte mi faccio invitare in serate orribili, dove c’è della gente così antipatica che si vede appena entri e vorresti scappare via, ma sono fonti di ispirazione pazzesca”. E conclude: “non abbiate paura di essere giudicati, la comicità mi dà ancora energia”.

FABRIZIO GIFUNI SUL CSC

“La questione tra politica, istituzioni e mondo dell’arte è aperta da sempre – prosegue l’attore – ritengo fondamentale sostenere gli studenti”, così l’attore David di Donatello e Nastro d’Argento 2023 Fabrizio Gifuni. “Ritengo intollerabile, ingiusto e molto traumatico quello che è stato fatto in questi giorni nei confronti del Centro Sperimentale di Cinematografia”.

PANNOFINO E LE STELLE DI DORA: “ONORE FAR CONOSCERE DALLA CHIESA”

È Pannofino la voce de Le stelle di Dora, presentato al Giffoni53 in questi giorni e dedicato al ricordo del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. “Penso che sia giusto ricordare eroi veri come lui e non celebrarne di falsi”. 

LODOVINI: “SUL SET SONO AL SICURO”

All’Andaras Film Festival Valentina Lodovini ha vestito i panni della giurata d’eccezione di una rassegna di di cortometraggi dedicata al viaggio. Dal 31 agosto invece sarà nelle sale con Conversazioni con altre donne di Filippo Conz, di cui ha parlato con Luca Uccello per Leggo, tra anticipazioni del prossimo set – Le cose sporche di Alessandro Tonda – e gli inizi di carriera. “‘Benvenuti al Sud’ mi ha dato la popolarità. Ha permesso a tutti di conoscermi. A quel film voglio tanto bene per tutto l’amore che mi ha restituito e mi restituisce tuttora”.

ATTACCO ALLA PIRATERIA

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge che conferirà all’Agcom il potere di ordinare ai prestatori di servizi, inclusi i prestatori di accesso alla rete, di disabilitare l’accesso a contenuti illeciti mediante il blocco della risoluzione DNS. La legge si occupa di contenuti live, prime visioni di film e serie tv, programmi di intrattenimento e contenuti audiovisivi: ricevuta notifica di un illecito, i prestatori e fornitori di servizi devono eseguire il provvedimento dell’Autorità entro 30 minuti per oscurare la trasmissione.

È ANCORA BARBIE MANIA

Franceschini, Mastrobuoni Romagnoli su La Repubblica la chiamano “tendenza Barbie” e descrivono sale piene di bambine, spettatrici di un film non pensato per loro. “Alla fine Barbie regala sorrisi malinconici e dubbi. Ha un messaggio così esplicito da risultare didascalico. Resterà? Forse nella lista dei film sopravvalutati perché si temeva di non essersi adattati al fremito del nuovo. Se però conta il presente, allora conta”.

autore
26 Luglio 2023

Rassegna stampa

Rassegna stampa

Martedì 23 luglio, la rassegna stampa

La casa di Pasolini diventerà un posto sicuro per i giovani, le vittorie dei ragazzi del Piccolo America: oggi sono una fondazione e promuovono l'audiovisivo, Anywhere Anytime è l'unico film in gara alla Settimana Internazionale della Critica alla prossima Mostra del Cinema di Venezia, lacrime e rammarico al Giffoni per la nuova serie con Claudia Pandolfi

good-morning-lunedi
Rassegna stampa

22 luglio 2024, la rassegna stampa

La scomparsa di Salvatore Piscicelli, le interviste a Celeste Dalla Porta e Federico Zampaglione e l'elogio della serie La donna del Lago. Poi il primo romanzo di fantascienza di Keanu Reeves e la Virtual Production ‘smart’ di STS

Rassegna stampa

Venerdì 19 luglio, la rassegna stampa

Nicolas Cage e le scuse in un video per la sua assenza a Taormina, intervista a Patricia Kelly la moglie dell'uomo che cantava sotto la pioggia, Tim Robbins e la musica che salva la vita, Marco Pontecorvo e il suo segreto per raccontare con delicatezza storie sconvolgenti

Rassegna stampa

18 luglio 2024, la rassegna stampa

I nuovi vertici di Cinecittà, le interviste a Lone Scherfig, Sergio Castellitto, Silvia D’Amico, David Cage e ai Fratelli D’Innocenzo


Ultimi aggiornamenti