10 curiosità sulla saga distopica più “Furiosa” di sempre: Mad Max

Dopo l'anteprima a Cannes e in attesa dell'arrivo in sala dal 22 maggio, ecco la storia del franchise firmato George Miller


Furiosa ha infiammato gli animi a Cannes. E già si parla di un nuovo capolavoro per questo prequel di Fury Road, quinto film della saga che vede protagonista Anya Taylor-Joy e Chris Hemsworth: un film dal ruggito assordante, pieno degli stessi veicoli improbabili e di inseguimenti senza fiato attraverso l’entroterra distopico, raccontato attraverso una lente forse più emotiva, sicuramente ancora più matura.

Il franchise di Mad Max è più vivo e ardente che mai. La serie di film firmati dal genio leggendario di George Miller è una delle più iconiche e chiaramente una delle più influenti saghe d’azione della storia del cinema. Il world building della terra desolata post-apocalittica nel deserto australiano ha dato il via a innumerevoli imitazioni nei decenni successivi. La trilogia originale di Miller è cresciuta costantemente in popolarità ad ogni puntata, e le sue sequenze d’azione artigianali e la sua dedizione alla costruzione del mondo hanno presto fatto conoscere la saga di Max Rockatansky al di là dell’Australia e a un pubblico internazionale.

Dopo la conclusione della serie originale nel 1985, Miller ha lavorato per decenni e ha superato numerosi intoppi di produzione per realizzare il quarto capitolo, acclamato dalla critica: Mad Max Fury Road. Immediatamente il franchise, nato nel 1979, ha visto una rinascita di popolarità e un pubblico completamente nuovo. Anche se potresti pensare di sapere tutto sul franchise, potrebbero esserci alcune cose che ti sono sfuggite. Vediamole insieme.

Dottore per amore (del suo film)

Mad Max non avuto milioni di dollari di finanziamenti alle spalle, come si può pensare In effetti, il suo budget era ridicolo se si considera ciò che è diventato nell’immaginario collettivo: soli $ 350.000.

Il regista George Miller era così determinato che ha trascorso il suo tempo libero lavorando come medico in un pronto soccorso per ottenere fondi extra in modo che il film vedesse la luce. Ciò è tornato utile poiché la troupe aveva finito i soldi alla fine del film, il che ha portato Miller a montare il film a casa da solo e a pagare alcuni membri della troupe in casse di birra

Interceptor per caso

Il ruolo più importante per la carriera di Mel Gibson, che grazie a Interceptor decollò come star, forse non sarebbe arrivato se il suo amico non gli avesse chiesto un passaggio all’audizione. A causa dei lividi visibili di Gibson causati da una partita di rugby, la prima idea era di dargli un ruolo marginale tra i cattivi.  Il casting director gli ha quindi chiesto di tornare a ferite guarite. A quel punto Miller ha voluto lui come protagonista, nonostante Gibson avesse poca esperienza di recitazione e praticamente avesse messo su il provino all’ultimo momento.

Motociclisti allo sbaraglio

A causa del budget limitato, Miller non poteva permettersi di assumere stuntman addestrati per guidare le motociclette in Mad Max e in particolare per la band di Toecutter. Ciò lo ha portato ad assumere un intero club motociclistico chiamato “I Vigilantes”, che si è rivelato perfetto alla prova dello schermo. Si diceva che uno dei membri del club, Dale Bensch, fosse rimasto ucciso durante l’acrobazia sul ponte ma, in realtà, stava benissimo.

Tina: una villain positiva

La rockstar Tina Turner è stata scelta per Mad Max – Oltre la sfera del Tuono , battendo attrici più esperte come Jane Fonda e Lindsay Wagner. Miller ha affermato che il motivo principale per cui hanno scelto lei è la sua personalità positiva a cui tutti la associano. Lui voleva la stessa energia per Aunty Entity e questo ha creato un’atmosfera molto diversa per il villain della storia: qualcosa di assolutamente inaspettato nel film.

Il silenzio dei guerrieri

Anche se Miller non è mai stato un grande fan dei dialoghi, preferendo sempre l’azione, Il guerriero della strada è davvero estremo. Gibson ha solo 16 righe di dialogo nell’intero film per una durata di 95 minuti. Ciò è stato portato all’attenzione dei fan di Fury Road che si sono lamentati del fatto che Tom Hardy fosse sottoutilizzato come attore a causa della sua mancanza di dialoghi durante il film.

Di tuoni e mosche

Il terzo film della serie di Mad Max , Oltre la sfera del tuono, non doveva venire alla luce.  Miller non era entusiasta di un terzo film, poi ha ceduto. Quando si è seduto con il suo team di scrittori, Terry Hayes ha parlato di un concetto:  le persone senza conoscenze sono più facili preda della Fede. Il Signore delle mosche elabora una teoria di questo tipo, mostrando come un gruppo di bambini bloccati su un’isola lotti per il potere: tutti credono in una sola cosa e finiscono per uccidersi a vicenda pur di ottenere la supremazia, perdendo di vista la possibilità di lasciare l’isola.

Heath road

Come molti fan del franchise sapranno, Fury Road ha trascorso decenni nel cosiddetto “Inferno dello sviluppo” (cioè nella gestazione della pre-produzione) poiché Miller aveva ideato per la prima volta il film nel 1998. Nel 2001, i piani per le riprese avevano cominciato ad emergere, ma furono rapidamente accantonati a causa dell’11 settembre e  il crollo del dollaro americano. Se la produzione fosse continuata, Max Rocktansky sarebbe stato interpretato da Heath Ledger (la prima scelta, poi come sappiamo deceduto) e non da Tom Hardy.

Un femminista di nome George Miller

Fury Road in realtà parla più di Furiosa che di Max, un rinfrescante cambio di ritmo per il franchise a predominanza maschile. Dopo aver visto e sentito parlare Eve Ensler, l’autrice di I monologhi della vagina,  Miller le ha chiesto di unirsi alla troupe per una settimana per condividere la sua esperienza e fornire alcune informazioni sul film. Quando Ensler ha parlato del tempo trascorso come consulente per il film, ha detto: “Questo film affronta i problemi della violenza sulle donne frontalmente. Penso che George Miller sia una femminista, e ha realizzato un film d’azione femminista”.

No screenplay…sì party!

Una delle scene più straordinarie dell’action movie contemporaneo, quella dell’inseguimento in Fury Road non è stata facile. Piuttosto che seguire una sceneggiatura, l’intera scena è stata allestita utilizzando gli storyboard. Ciò ha portato il cast e la troupe a trascorrere più di quattro mesi sulla scena mentre tentavano di mettere insieme il tutto. Anche se questo ha infastidito alcuni membri del cast, la visione di Miller alla fine è stata messa insieme ed è diventata una delle migliori scene di inseguimento mai viste sul grande schermo.

Troppo verde questo deserto

Dopo anni di rinvii che hanno ostacolato la produzione di Fury Road , nel 2010, quando tutto era pronto, si è verificato un altro ostacolo: l’Australia è stata colpita da un violento temporale che ha cambiato il deserto e ha aggiunto un po’ di vegetazione lussureggiante all’arida terra desolata che lo circondava. Miller aspettò un anno intero per vedere se il deserto si sarebbe nuovamente prosciugato. Determinato ad iniziare le riprese, Miller ha trasferito la sua troupe in Namibia, dove alla fine le riprese sono finalmente cominciate.

18 Maggio 2024

Uscite

Uscite

A un mese da Deadpool & Wolverine la carrellata di film Marvel da vedere

Guida al primo e unico film Marvel previsto nelle sale quest’anno, già in odore di primato al box office

Uscite

‘Gli Indesiderabili’, il trailer del nuovo film di Ladj Ly

Dopo il grande successo de I Miserabili, il regista francese torna in sala dall'11 luglio con un film sulla comunità periferica parigina

Uscite

‘La memoria dell’assassino’: Michael Keaton nell’ultimo atto di un serial killer

Keaton dirige e interpreta John Knox, un anziano assassino alle prese con una malattia mentale degenerativa che deve portare a termine il suo ultimo incarico da killer: salvare suo figlio. Dal 4 luglio in sala

Uscite

‘Matrimonio con sorpresa’, in arrivo la commedia di Julien Hervé

Il film con Didier Bourbon Christian Clavier uscirà nei cinema italiani dall'11 luglio con Europictures, che ha rivelato il trailer


Ultimi aggiornamenti