Venezia 81, selezionati i 7 film di ‘Final Cut’

La 12esima edizione del programma industry che sostiene la post-produzione di film provenienti dai paesi africani e da cinque paesi del Medio Oriente: Giordania, Iraq, Libano, Palestina e Siria

Venezia 81, selezionati i 7 film di ‘Final Cut’

Sono stati selezionati i sette film che parteciperanno alla 12ma edizione di Final Cut in Venice, il programma industry che dal 2013 sostiene la post-produzione di film provenienti dai paesi africani e da cinque paesi del Medio Oriente: Giordania, Iraq, Libano, Palestina e Siria, nell’ambito del Venice Production Bridge della 81ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia, diretta da Alberto Barbera.

Il programma si propone di offrire l’opportunità di presentare film, ancora in fase di produzione, a professionisti dell’ambito cinematografico, al fine di facilitarne la post-produzione e promuoverne l’accesso al mercato.

La 12esima edizione di Final Cut in Venice consisterà in tre giornate di lavoro (dal 1 al 3 settembre 2024) al Lido di Venezia, durante il Venice Production Bridge e la 81esima Mostra del Cinema, in cui le copie lavoro dei sette film selezionati verranno proposte a produttori, acquirenti, distributori, società di produzione e programmatori di festival.

I primi due giorni del workshop (1 e 2 settembre) saranno dedicati alle proiezioni dei sette film, mentre una speciale sessione di incontri one-to-one verrà organizzata tra i progetti selezionati e i professionisti con un accredito Gold e Trade al Venice Production Bridge il 3 settembre. Nell’ambito del Vpb Focus on Wallonia-Brussels è stato selezionato un progetto.

Dei sette film in post-produzione selezionati, quattro sono film di finzione: Aisha Can’t Fly Away (Aisha la tastaea al tayran) di Morad Mostafa (Egitto, Tunisia, Arabia Saudita, Qatar, Francia); In This Darkness I See You di Nadim Tabet (Libano, Francia, Qatar, Arabia Saudita); My Father’s Scent’ di Mohamed Siam (Egitto, Norvegia, Arabia Saudita, Qatar, Francia) e The Prophet (O Profeta) di Ique Langa (Mozambico, Sudafrica).

Due di docu-finzione: Ancestral Visions of the Future di Lemohang Jeremiah Mosese (Francia, Germania, Lesotho) e Your Daughter di Sara Shazli (Egitto). E uno nella sezione documentari: Those Who Watch Over (Ceux qui veillent) di Karima Saidi (Belgio, Francia, Qatar) – Focus on Wallonia – Brussels.

Final Cut in Venice si concluderà con l’attribuzione di premi in servizi (kind) o denaro (cash), finalizzati al sostegno economico dei film nella fase di post-produzione. Per l’ottavo anno, la Biennale di Venezia offrirà un premio del valore di 5.000 euro al miglior film in post-produzione.

Il Premio la Biennale di Venezia sarà attribuito da una giuria composta da tre membri indicati dal direttore della Mostra. Gli altri premi offerti dai supporter saranno invece attribuiti a insindacabile giudizio del direttore della Mostra, coadiuvato dagli stessi e dai responsabili delle istituzioni coinvolte. (gp)

autore
11 Luglio 2024

Venezia 81

Venezia 81

Venezia 81, ultimata la selezione per ‘Orizzonti Corti’

13 cortometraggi da 16 diversi Paesi, in anteprima mondiale, concorreranno al Premio Orizzonti per il Miglior Cortometraggio

Venezia 81

Venezia 81, Giuseppe Tornatore in Giuria

Annunciata la Giuria del Concorso internazionale presieduta da Isabelle Huppert. Insieme al regista siciliano, troviamo cineasti del calibro di James Gray, Andrew Haigh e Agnieszka Holland

Venezia 81

Venezia Classici: Renato De Maria guida la giuria degli studenti

Capolavori restaurati di Antonioni, De Sica, Nanni Moretti, Lina Wertmüller, Nicolas Winding Refn. Il regista Renato De Maria chiamato a presiedere la giuria di studenti di cinema

Venezia 81

Giornate degli Autori 2024, Francesca Gastone firma il manifesto

I lavori che preferisco sono quelli che non forniscono risposte certe ma innescano domande” ha dichiarato l'illustratrice francese


Ultimi aggiornamenti