Una Casa del cinema popolare e cinefila

Cinecittà dedica uno speciale tributo a Claudia Cardinale: in programma cinque film e un cortometraggio che vedono protagonista una delle attrici più amate del cinema italiano


Riapertura in grande stile per la Casa del Cinema che riparte da venerdì 5 maggio con la nuova programmazione gestita dalla Fondazione Cinema per Roma: 2.500 metri quadrati con tre sale di proiezione, un nuovo restyling e un nuovo logo. Novità anche per la ristorazione (è in corso una gara d’appalto per il bar e il ristorante che saranno più “integrati” con la programmazione, anche con menù a tema cinema, come spiega la direttrice generale Francesca Via).

Cinema d’autore e cinema popolare convivono nella visione di Malanga e Farinelli, che considerano Roma una città cinematografica per eccellenza. E dunque si inizia con un omaggio alla Capitale con la rassegna “Passeggiate romane”, in collaborazione con Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, film e cortometraggi che celebrano la città, i suoi personaggi, le sue storie.

Nella giornata inaugurale una diretta della trasmissione “Il cinema alla radio” di Radio 3, iniziativa promossa da Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, Radio Rai e Rai Radio 3. Ma anche il corner di The Hollywood Reporter Roma e le copie della rivista Ottoemezzo in bella vista. 

Carta Bianca a Martin Scorsese propone una selezione di titoli suoi e di altri registi in una rassegna realizzata in collaborazione con la Cineteca di Bologna, occasione offerta dal doppio incarico di Farinelli. Cinecittà – a cui è dedicata la sala grande di proiezione – dedica uno speciale tributo a Claudia Cardinale con cinque film e un cortometraggio che vedono protagonista una delle attrici più amate del cinema italiano.

In occasione del Festival di Cannes, una rassegna propone poi agli spettatori dodici grandi film vincitori della Palma d’Oro, sotto il label Cannes Cannes (e si replicherà a settembre con la Mostra di Venezia). Mentre a ottobre la Festa di Roma troverà qui un suo luogo naturale. 

Gianluca Farinelli sottolinea come la Casa sia parte di un “distretto del cinema” che ruota attorno a Via Veneto e che si arricchirà presto del Cinema Fiamma, in fase di ristrutturazione grazie alla Cineteca Nazionale, oltre a sentire una speciale vicinanza con il limitrofo Cinema dei Piccoli a Villa Borghese. Mentre l’arena estiva ripartirà a giugno con la programmazione all’aperto. E giugno si aprirà proprio nel ricordo di Alessandro D’Alatri con il folgorante Senza pelle (1994) che fece innamorare molti spettatori di questo autore schivo e gentile purtroppo prematuramente scomparso. Ci saranno poi omaggi ad Anna Magnani, Citto Maselli, Cecilia Mangini, Gian Maria Volontè, Gina Lollobrigida.

C’è la novità del biglietto a 5 euro (ma restano alcuni eventi gratuiti, tra cui l’omaggio a Claudia Cardinale, e ci saranno abbonamenti e sconti). Scelta quasi obbligata, visto l’impegno per la ristrutturazione. Ma Farinelli assicura: “La Casa del Cinema è la casa di tutti, cineasti, artisti, industria, critici e giornalisti. Porteremo qui il meglio di quello che accade nel cinema contemporaneo e ci saranno anche dibattiti e convegni, come è sempre stato”.

Sul programma molto pop, anche se con tante incursioni cinefile, risponde Paola Malanga: “Siamo figli di Umberto Eco che ci ha insegnato a mescolare alto e basso e trovare piacere in tutto questo. A volte ho bisogno di un film di Bergman, altre volte voglio vedere Un americano a Roma o il Monnezza. Noi mettiamo al centro lo spettatore e speriamo di contribuire a riportarlo in sala”.  

La Casa del Cinema a Villa Borghese è promossa da Roma Capitale, Regione Lazio, Cinecittà (in rappresentanza del Ministero della Cultura), Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Roma e Fondazione Musica per Roma. Partner istituzionale è SIAE. Le attività si svolgono in collaborazione con Rai Cinema, CSC – Centro Sperimentale di Cinematografia e Cineteca di Bologna. Gli sponsor tecnici sono APA – Agenzia Pubblicità Affissioni e Canon.

 

Cr. P.
05 Maggio 2023

Berlino 2024

‘Dahomey’, Mati Diop e l’arte che sconvolge il mondo: “Non sottovalutiamo il cinema”

Con questo mockumentary dedicato al rientro in Benin di 26 delle migliaia di opere depredate dall'imperialismo francese, la regista francese di origini senegalesi ha conquistato l'Orso d'oro della Berlinale 2024

Bruno Dumont
Berlino 2024

Premiato il cinema più radicale, tra venti di guerra e impegno

La giuria di Lupita Nyong'o ha vissuto discussioni animate, "ma nel rispetto delle opinioni di tutti e arrivando a una decisione unanime"

Berlino 2024

‘Dahomey’ di Mati Diop è l’Orso d’oro della Berlinale 2024

Sebastian Stan premiato per la miglior interpretazione per A different man. A Hong Sang-soo il gran premio della giuria (il secondo a distanza di soli due anni)

Berlino 2024

A ‘Memories of a burning body’ il premio del pubblico di Panorama

Gli spettatori hanno votato come miglior documentario No other land, del collettivo di registi israeliani e palestinesi Basel Adra, Hamdan Ballal, Yuval Abraham e Rachel Szor


Ultimi aggiornamenti