‘Troppo Azzurro’, il difficile addio all’adolescenza

L'opera prima di Filippo Barbagalli sulla difficoltà di crescere. Con Brando Pacitto, Martina Gatti e Valerio Mastandrea


ROMA – L’opera prima di Filippo Barbagallo, Troppo Azzurro, si fa strada nella sezione freestyle della Festa del Cinema di Roma 2023 stupendo con un’affresco dell’eterna lotta tra adolescenza e desiderio di crescere.

La storia ruota attorno a Dario, un giovane venticinquenne interpretato dal regista, che vive ancora a casa dei suoi e trascorre le giornate con gli amici di sempre. Niente è mai cambiato dagli anni del liceo, anche se gli anni sono passati e le estati si sono succedute sempre uguali a loro stesse. Tranne questa. In un torrido agosto romano, Dario incontra due ragazze (Martina Gatti e Alice Benvenuti) che lo spingeranno oltre la propria zona di comfort, tra le braccia di una vita nuova.

Un viaggio accidentato, in cui Dario sperimenta l’amore e lascia andare l’adolescenza, culla sicura per fragilità irrisolte. Il tono autoironico e genuino fanno di Troppo Azzurro una felice scoperta che mostra il trasporto del suo giovane regista, sceneggiatore e interprete Filippo Barbagalli.

“Ho cercato di fare un film ironico e gentile – spiega il regista, che ha iniziato come assistente alla regia per Paola Randi (tito e gli alieni) e Valerio mastandrea (Ride) – Spero, qualcuno possa trovare qualcosa di sé, di un amico, di un conoscente o di un famigliare. Credo di averlo fatto perché avevo voglia di far funzionare in un film le cose che a volte, nella vita di tutti i giorni, non si incastrano bene”.

Nel cast anche Brando Pacitto Valerio Mastandrea, con cui Barbagallo sottolinea l’amicizia e la disponibilità: “nonostante fosse impegnatissimo, ha accettato. Ha capito che avevo paura, è stato per me un grandissimo aiuto”. Troppo Azzurro è una produzione di Elsinore Film, Wildside, società del gruppo Fremantle, e Vision Distribution, società del gruppo Sky.

Barbagallo ha iniziato a scrivere Troppo Azzurro mentre studiava sceneggiatura al Centro Sperimentale, diventandone capsula delle paure e delle ansie di quegli anni. “Un’età che a livello psicologico può durare anche parecchio” spiega tracciando un inevitabile parallelismo tra sé e il protagonista di cui ha deciso, non casualmente, di vestire i panni. Un esordio di cui è evidente la sincerità e l’impegno, mai superficiale nell’offrire uno squarcio nella quotidianità di anni fragilissimi.

24 Ottobre 2023

Roma 2023

Roma 2023

‘Anatomia di una caduta’, in una cornice noir la dinamica di una coppia

Il film Palma d'Oro a Cannes 2023 vince il Golden Globe 2024 come Miglior film straniero

Roma 2023

‘Suburraeterna’, parola al cast

Intervista a Carlotta Antonelli, Marlon Joubert e Aliosha Massine.

Roma 2023

‘Nuovo Olimpo’. Il cinema è ancora il luogo delle passioni?

Aurora Giovinazzo, Luisa Ranieri, Greta Scarano ed Alvise Rigo sono tra gli interpreti principali di Nuovo Olimpo diretto da Ferzan Ozpetek.

Roma 2023

Dal red carpet di Suburraeterna

Ed è così che termina le 18esima Festa del Cinema di Roma, con il red carpet della nuova serie Netflix che riguarda proprio la città di Roma, 'Suburræterna'.


Ultimi aggiornamenti