Tinto Brass: “A Cannes un Caligola che non sento mio”

"Prendo le distanze dalla versione di Caligola che sarà proiettata al Festival di Cannes", così il regista Tinto Brass sul suo film del '79


CANNES – “Prendo le distanze dalla versione del film Caligola che sarà proiettata al Festival di Cannes. Dopo numerose e infruttuose trattative che si sono susseguite nel corso degli anni, prima con la Penthouse e poi con altre figure poco chiare, per montare il materiale da me girato e che era stato rinvenuto negli archivi della Penthouse, è stata realizzata una versione alla quale non ho preso parte e che sono convinto non rispecchierà la mia visione artistica”, lo afferma il novantenne Tinto Brass facendo riferimento al suo film del 1979, scritto da Gore Vidal, che passa nella sezione Classic del festival in una versione straordinaria della durata di due ore e cinquantatré minuti.

“Come noto – rivela il regista all’Ansa – il montaggio conferisce al film il mio stile personalissimo e se non posso montare il mio film non ne riconosco e non ne ho riconosciuto la paternità. Di Caligola esistono numerose versioni montate da altri, tra cui quella di Bob Guccione, ma nessuna corrisponde al mio progetto originario. Il pubblico di Cannes sarà quindi tratto in inganno dall’uso arbitrario del mio nome. Per ora non aggiungo altro. Della questione si stanno occupando i miei avvocati”.

Gli fa eco la moglie Caterina Varzi: “È un film che ci ha dato sempre diversi problemi. Ci sono state tante trattative con la Penthouse dove è stato rinvenuto questo materiale e montato non da lui. L’avvocato Michele Lo Foco ha sostenuto il fatto che non si potesse e dovesse sfruttare il suo nome, ma non c’è stato nulla da fare”.

E Caterina Varzi prosegue: “Ma quello che sta succedendo ultimamente è davvero strano, mi stanno arrivando delle strane e incomprensibili telefonate dalla Francia di persone che mi parlano di questa operazione. Non solo mi arrivano anche e-mail dello stesso tenore. Una cosa che mi ha fatto pensare che ci sia forse una volontà da parte di questi sconosciuti di fare così per provocare una reazione da parte di Tinto che susciti una polemica che crei interesse mediatico verso questa nuova versione di Caligola che passa in questa 76/ma edizione del Festival di Cannes”.

Il film, con la sceneggiatura di Vidal (Ben-Hur), ha il montaggio di Nino Baragli, che ha lavorato con Pier Paolo Pasolini e Sergio Leone e le scenografie e ai costumi il due volte premio Oscar Danilo Donati, storico collaboratore di Pasolini, Fellini. Nel cast Malcolm McDowell e i premi Oscar Peter O’Toole (Lawrence d’Arabia) e una giovanissima Helen Mirren.  

Cr. P.
16 Maggio 2023

Cannes 2023

Cannes 2023

Cucinotta: “Sto lavorando alla regia del mio primo lungometraggio”

L’intervista all’attrice, produttrice, e già regista, per Il meglio di te di Fabrizio Maria Cortese: protagonista con Vincent Riotta, aveva accompagnato a Cannes il teaser del film, dal titolo del brano di Giusy Ferreri, in sala dal 9 novembre

Cannes 2023

Da 1 a 5, le pagelle dei critici da Cannes 2023

Ecco i voti assegnati da alcuni critici italiani e internazionali ai film in concorso a Cannes 2023. Un articolo in aggiornamento per seguire da vicino la kermesse e conoscere in anteprima le opinioni sui titoli più attesi

Cannes 2023

Cannes76, il palmarès non parla italiano: la Palma torna in Francia

La parola alla Palma d’oro Justine Triet, a Tran Anh Hùng Miglior Regista, al giapponese Kōji Yakusho, Miglior Interpretazione Maschile per Perfect Days di Wim Wenders

Cannes 2023

Ruben Östlund: “Lunga vita ad Anatomy of a Fall!”

Il regista Ruben Östlund ha parlato in occasione della conferenza di chiusura del 76mo Festival di Cannes in cui la Giuria da lui presieduta ha assegnato la Palma d'Oro ad Anatomy of a Fall di Justine Triet


Ultimi aggiornamenti