Ted Lasso, Succession, Signora Maisel: le regole del finale perfetto

Nel giro di meno di una settimana tre serie amatissime sono riuscite nella rara impresa di regalare al loro pubblico tre memorabili finali: scopriamo, senza spoiler, come ci sono risucite


Nel giro di meno di una settimana tre delle più amate e premiate serie tv degli ultimi anni hanno regalato al loro pubblico altrettanti memorabili finali. Per prima è stata La Fantastica Signora Maisel, la comedy ideata da Amy Sherman-Palladino che ha tracciato l’arco della carriera di una comica capace di imporsi nel maschilista show business statunitense degli anni ’60, poi è stato il turno di Succession, la grottesca e tragica epopea incentrata sull’eredità del magnate della comunicazione Logan Roy, infine, è toccato alla brillante commedia a tema calcistico Ted Lasso dire addio ai propri fan dopo solo tre stagioni.

Tutti e tre gli episodi (e le intere stagioni) finali sembrano avere convinto i critici e soprattutto gli appassionati, che, come al solito, si stringono attorno al vuoto lasciato da serie che li hanno accompagnati per anni. Dopo decine e decine di ore di visione è inevitabile affezionarsi a personaggi e situazioni, per questo nessuna esperienza artistica è così simile a quella del lutto come la fine di una serie che abbiamo amato, e le aspettative che riponiamo sul finale di storie così lunghe e complesse sono così alte che raramente ci soddisfano. Insomma, in un’epoca in cui le serie vengono cancellate al primo tentennamento, i bei finali sono merce rara e quindi ci stupiamo ancora di più per il fatto di averne visti ben tre nel giro di poche ore l’uno dall’altro.

Lasciando da parte i dettagli di questi nuovi ultimi episodi, per non incappare in inevitabili spoiler, ma andando indietro nella storia della serialità, si può tracciare una linea di confine che distingue i finali ben riusciti da quelli più controversi, rendendosi conto che tutte e tre le serie appena concluse rispettano alcune regole fondamentali. La prima è anche la più semplice: finire al momento giusto. Fin troppe volte, inseguendo lo spettro del facile profitto, si sono stiracchiate storie fin oltre il buon senso, spolpando fino all’osso anche i prodotti migliori, snaturando i concept iniziali e perdendo inevitabilmente di brillantezza. Se una serie ha smesso di essere interessante è probabile che il suo finale sia qualcosa di simile a un’eutanasia: ovvero quando si spengono le macchine per smettere di soffrire. Un esempio è il medical drama Grey’s Anatomy, giunto stancamente alla sua 19ma e ultima stagione. Tra poche settimane, quando sarà trasmesso l’episodio conclusivo, scopriremo se riuscirà a essere l’eccezione che conferma la regola.

Un elemento che può essere decisivo per salvare i finali di serie che hanno “sbrodolato” è il fattore emotività. È il caso di sit-com popolari come Friends, Scrubs e, soprattutto, The Big Bang Theory, che arrivate allo stremo della loro energia vitale, hanno comunque trovato la forza di chiudere con episodi e scene estremamente coinvolgenti da un punto di vista emotivo, che hanno permesso agli spettatori di dimenticare eventuali passaggi a vuoto delle ultime stagioni. L’addio all’appartamento in Friends, la sfilata finale di J.D. per abbandonare per sempre l’ospedale in Scrubs e il discorso per il Nobel di Sheldon in The Big Bang Theory sono esattamente ciò che un appassionato di sit-com vuole per dire addio con una lacrima ai personaggi e le location che hanno fatto parte della sua quotidianità per tantissimi anni.

C’è poi il fattore cruciale, soprattutto in serie drammatiche come la premiatissima Succession: ovvero la coerenza. Se Breaking Bad, Sons of Anarchy, Mad Men, Mr. Robot e, per ultima, Better Call Saul hanno saputo mettere il punto alle loro narrazioni efficacemente è perché sono state coerenti con loro stesse. Alla fine dei loro travagliati percorsi, i protagonisti si sono trovati esattamente dove potevi immaginarteli fin dall’inizio. Perché niente è più soddisfacente della sensazione di avere chiuso, con precisione giottesca, un cerchio, soprattutto quando il suo lungo raggio ci ha accompagnato per tante stagioni.

Carlo D'Acquisto
02 Giugno 2023

Serie

Serie

Salvatore Esposito è il nuovo ‘Piedone’, “un poliziotto sospeso pieno di umanità”

Siamo stati sul set a Napoli della nuova serie Sky Original, omaggio all'iconico personaggio di Bud Spencer. La regia è di Alessio Maria Federici, nel cast Silvia D'Amico e Fabio Balsamo

Serie

‘Le indagini di Lolita Lobosco’. Terza stagione per la vicequestore Luisa Ranieri

Cosa succede in questa nuova stagione? A raccontarlo è la sua protagonista

Daniele Pecci e Luisa Ranieri
Serie

‘Lolita Lobosco’, terza stagione, la new entry è Daniele Pecci

Luisa Ranieri è di nuovo protagonista della serie Rai sulla vicequestore nata dalla penna di Gabriella Genisi. E presto la vedremo nel Modigliani di Johnny Depp

Serie

“La mia ‘Antonia’, così imperfetta e senza superpoteri”

Chiara Martegiani è la protagonista e l'ideatrice della nuova serie dramedy Antonia, dal 4 marzo in esclusiva su Prime Video


Ultimi aggiornamenti