‘Splash’, uomini d’affari e sirene nella città che non dorme mai

La commedia romantica di Ron Howard, con un giovanissimo Tom Hanks che si innamora di una sirena, compie 40 anni


Splash – Una sirena a Manhattan è un classico senza tempo, una fetta di magia cinematografica degli anni ’80 che ancora resiste nei cuori di milioni di persone sin dalla sua uscita esattamente 40 anni fa. Apparve, infatti, nelle sale americane il 9 marzo del 1984 e fu subito un successo. Diretta da Ron Howard, Splash è una leggera e incantevole commedia romantica che racconta la storia di Allen, un giovanissimo Tom Hanks, uomo d’affari di New York City, che si innamora di una donna misteriosa di nome Madison, interpretata da Daryl Hannah. Tuttavia quella che sembra una banalissima storia romance nasconde una svolta imprevista: Madison è una sirena.

Punti di forza

Con la sua miscela di commedia, romanticismo e fantasia, Splash è rimasto un film amato nel corso degli anni, affascinando il pubblico con i suoi personaggi simpatici e un feeling positivo e rassicurante (tipico del genere negli sgargianti anni ’80),  una colonna sonora azzeccatissima, nella quale spicca la popolare canzone Love Came For Me interpretata da Rita Coolidge e che aggiunge un tocco magico ai momenti più romantici del film.

Anche la fotografia del veterano Donald Peterman, che veniva dal successo di Flashdance, è stata ampiamente apprezzata per aver catturato la bellezza dell’oceano e per le iconiche sequenze subacquee. Allo stesso tempo cattura perfettamente la vibrante energia e il fascino di New York, mostrando in tutto il loro splendori luoghi dell’immaginario collettivo come Central Park e la Statua della Libertà. Splash è una vera lettera d’amore alla città che non dorme mai.

Il pregio più altro del film di Howard è, però, la storia che non a caso fu candidata all’Oscar nella categoria per la migliore sceneggiatura originale a testimonianza dell’arguzia e nella bontà della scrittura dei suoi tre autori: Lowell Ganz, Babaloo Mandel, Bruce Jay Friedman e ricevette anche il prestigioso Saturn Award come miglior film fantasy.

Lo script sfidava i ruoli e gli stereotipi di genere tradizionali, portando sullo schermo un personaggio femminile forte, indipendente e inequivocabilmente diverso. Il tutto intessuto da momenti comici che intrattengono il pubblico sin dalle prime sequenze.

Anche l’implacabile guru della critica cinematografica americana, Roger Ebert, pur massacrando il film ammise nella sua recensione: “C’è un film divertente in agguato ai margini di Splash, e a volte si insinua sullo schermo e ci fa sorridere”.

Altro punto interessante del film riguarda gli effetti speciali che sicuramente ci appaiono naif se confrontati con la gloriosa “macchina digitale” di oggi  capace di creare mondi immaginari a prova di realtà, ma per l’epoca risultarono assolutamente innovativi. In particolare la coda di Madison che era un animatronic realizzato con innesti di siliconi e che funzionava con meccanismi di precisione che bene si integravano con i movimenti della Hannah. Uno sforzo produttivo non indifferente e che non badò a spese per dare realismo alle scene dalla sirena.

La sirena del successo

E Splash mostrò anche un certo coraggio da parte della Disney. Splash è stato infatti il primo film distribuito dalla casa di Zio Walt con una classificazione PG (Parental Guidance) cioè la cui visione da parte dei bambini è consigliata con la presenza dei genitori in contrapposizione ai tradizionali film per famiglie con classificazione G (General Audience) ovvero Film per tutti.

Questa scelta che portò alla nascita di una divisione più adulta della Disney chiamata Touchstone Pictures permise una trama e un umorismo leggermente più maturi rispetto al solito standard della casa di Topolino. E fu un successo.

Il film ha incassato più di 69 milioni di dollari al botteghino, diventando uno dei film di maggior incasso del periodo. Finì per ispirare un sequel televisivo intitolato Splash, Too  uscito dieci anni dopo e una serie televisiva andata in onda per due stagioni dal 1994 al 1997. Splash ha aperto la strada ad altri film a tema sirena, come La sirenetta, che è diventato un classico dell’animazione Disney. La sua influenza sul genere è innegabile, così come è fuor di dubbio che Splash ha lasciato un segno indelebile nella cultura pop, con riferimenti e omaggi al film che sono apparsi in vari programmi televisivi, film e persino video musicali nel corso degli anni.

Il successo del film fece molto bene anche al suo protagonista. Nonostante Tom Hanks fosse già apparso in film precedenti, infatti, fu Splah a catapultarlo veramente nella celebrità. La sua interpretazione di Allen Bauer ha messo in luce i suoi tempi comici e il suo fascino innocente e tenero.

Cinque curiosità

  • Il finale iniziale prevedeva che Madison rimanesse con Allen sulla terraferma, ma si scelse  di farla tornare nell’oceano. Questa decisione narrativa aggiunge sicuramente spessore e un tocco agrodolce alla storia.
  • Il personaggio di Freddie Bauer, interpretato da John Candy (di cui in questi giorni ricorrono i 30 anni dalla sua prematura scomparsa) è basato sull’amico d’infanzia del regista del film, Ron Howard.
  • Deryl Hannah doveva trascorrere fino a otto ore sulla sedia del trucco per consentire l’ applicazione della sua appendice da sirena composta da intricati strati di lattice sottile e da pelli e branchie dipinte a mano.
  • Ancora peggio quando cominciavano le riprese. Ammette la Hannah: “Preferivo essere lasciata in acqua o nella vasca. Ed è lì che restavo anche durante la pausa pranzo. Quando ero fuori dall’acqua era molto doloroso per me, ed ero indifesa perché non potevo muovermi. Ero come un delfino spiaggiato, sdraiato ovunque la gru mi mettesse sulla banchina o su una barella. Ero alla mercé di tutti”.
  • Per quanto esotiche, le riprese alle Bahamas – e in mare – presentavano alcune sfide pericolose. Per prima cosa, è stato difficile tenere lontani dal set i visitatori indesiderati. Come una tempesta piuttosto potente – erano proprio nel Triangolo delle Bermuda – e la presenza di un grosso squalo bianco.
10 Marzo 2024

80vogliadicinema

80vogliadicinema

‘Karate Kid’, da 40 anni togliamo e mettiamo la cera

Il film cult di John G. Avildsen con Ralph Maccio e Pat Morita uscì nelle sale il 22 giugno del 1984

80vogliadicinema

Sette curiosità per i 40 anni dei Gremlins

Il film cult diretto da Joe Dante è stato uno dei due film che hanno portato all'invenzione della importante classificazione di censura PG-13

80vogliadicinema

Alien: 45 anni fa il terrore emerse dallo spazio profondo

Il capolavoro horror d Ridley Scott festeggia i 45 anni dal suo ingresso nei cinema e nell’immaginario collettivo

80vogliadicinema

Bellavista parla così da 40 anni

Alla riscoperta di Così parlò Bellavista, il film cult del 1984 scritto e diretto da Luciano De Crescenzo


Ultimi aggiornamenti