Radio France: “Gli studi di Cinecittà sono in piena rinascita”

Il reportage andato in onda sulla radio pubblica d’oltralpe con le interviste a Maccanico, Balducci e Perugini e al regista Saverio Costanzo


Dopo le recenti prime pagine del New York Times e di El Pais, gli articoli sul Guardian, il Sunday Times e la Vanguardia e da ultimo, a dicembre scorso, la copertina di Le Monde, anche Radio France ha dedicato un lungo reportage agli studi di via Tuscolana.

“Gli studi di Cinecittà sono in piena rinascita” è il titolo del servizio di Bruno Duvic, corredato dalle interviste all’AD Nicola Maccanico, ai responsabili delle scenografie e delle falegnamerie degli Studi Simona Balducci e Paolo Perugini e al regista Saverio Costanzo.

“In declino dagli anni ’80, oggi gli Studi sfornano produzioni a tutto spiano sia per il cinema che per la tv, grazie al boom delle piattaforme streaming”, racconta il corrispondente dell’emittente in Italia, che sottolinea come “il fior fiore di Hollywood sta tornando a Cinecittà, davanti o dietro la cinepresa”, riferendosi a Anthony Hopkins, Angelina Jolie oppure Adam Driver…

Per Those About to Die, la serie di Roland Emmerich con Anthony Hopkins, “hanno fatto riprese per dieci mesi, il regista era molto veloce”, dice Simona Balducci, responsabile delle scenografie degli Studi. “Avevamo appena costruito un set che già ne serviva un altro per il giorno successivo. “Dopo la pandemia le produzioni hanno capito che era più comodo fare le riprese in un posto solo, spiega. “Hanno riscoperto i vantaggi degli studi.”

“Cinecittà ha una crescita a due cifre nel 2023 e un tasso di occupazione degli studi vicino all’80%” spiega poi l’AD Maccanico, che cita anche l’accordo con Freemantle per l’utilizzo di sei set e i fondi europei ottenuti per costruirne cinque nuovi e rinnovarne altri quattro. “Una nuova età dell’oro, perché nel nostro Paese c’è una fiscalità vantaggiosa, un sistema di credito d’imposta che ci permette di essere concorrenziali sui principali mercati europei e mondiali e poi, soprattutto, c’è stata l’esplosione del mercato audiovisivo.”

La vecchia immagine di Cinecittà sta svanendo, ne è testimone il Teatro 18, studio di punta per le riprese in realtà virtuale” (nella foto in alto), scrive Duvic. “Ma ciò che attira qui i team di produzione è il misto di tecnologia e artigianato. I falegnami, i pittori, i fabbri e altri professionisti presenti sul sito giovano molto alla sua fama”.

“Ciò che fa la differenza di questo posto sono persone come Paolo Perugini, che dirige la falegnameria degli Studi: hanno un know-how molto raro”, racconta il giornalista di Radio France. “Gli artigiani di Cinecittà hanno l’arte di rendere vere le cose finte”, spiega Perugini “Dal 1992, non riesco a contare i film a cui ho partecipato, ho contatti con i più grandi architetti e scenografi dello spettacolo. “Ci sono poche persone che sanno fare il mio lavoro”.

“Il film Finalmente l’alba, che esce nelle sale italiane mercoledì 14 febbraio, è girato principalmente negli studi romani e rende omaggio alla loro storia”, aggiunge Duvic, che nota quanto “per il regista romano doc Saverio Costanzo le comparse siano fondamentali”.

Cinecittà, siamo noi”, afferma Costanzo. “Roma ha un sole particolare e a Cinecittà risplende in maniera unica. “Quando dico ‘Cinecittà, siamo noi’, intendo che siamo stati noi ad aver fatto il cinema italiano con le nostre facce, i nostri corpi. La sovrapposizione di queste facce è come un mosaico che dà l’immagine del paese”.

 

Il servizio integrale di Bruno Duvic è disponibile sul sito web di Radio France, a questo link:

https://www.francetvinfo.fr/culture/cinema/ils-ont-redecouvert-les-avantages-du-studio-a-rome-la-studios-de-cinema-de-la-cinecitta-en-pleine-renaissance_6358042.html

redazione
13 Febbraio 2024

Cinecittà

Cinecittà

Di Gregorio va in pensione dopo oltre 40 anni

Il suo impegno principale nelle pubbliche relazioni di Cinecittà: Giancarlo Di Gregorio è stato alla guida della Comunicazione istituzionale e delle Attività giornalistiche degli Studios, occupandosi poi della gestione di Cinecittà si Mostra e del MIAC. Negli Anni ‘90 ha ideato gli Italian Pavilion, "la casa del cinema italiano" presso i grandi Festival internazionali

Cinecittà

A Cinecittà si Mostra i costumi di David Bowie, Eva Green e Kasia Smutniak

Dal 29 marzo l’esposizione permanente di Via Tuscolana rinnova la selezione di abiti di scena originali con pezzi provenienti da serie come Penny Dreadful, Domina e Il mio west, ma anche dai recentissimi film Napoleon e Finalmente l’alba

Cinecittà

‘C’è ancora domani’ anche a Londra, Paola Cortellesi commuove il pubblico britannico

Cinque minuti di applausi alla fine dell’anteprima all'Istituto di Cultura francese nell’ambito della rassegna Cinema Made in Italy, organizzata con l'Istituto di Cultura italiano e Cinecittà.

Cinecittà

Maccanico: “Confermata la solidità dello sviluppo industriale di Cinecittà”

L'amministratore delegato di Cinecittà S.p.A. commenta il bilancio 2023 della società, approvato con un utile netto di 1,3 milioni di euro


Ultimi aggiornamenti