‘Quo Vadis? Al cinema nel cuore di Roma’

Torna a Roma la rassegna di CSC – Cineteca Nazionale e Parco archeologico del Colosseo. Dall’8 al 17 luglio 2024 nel Tempio di Venere e Roma, ingresso libero, accesso da Piazza del Colosseo

‘Quo Vadis? Al cinema nel cuore di Roma’

La terza edizione di Quo Vadis? Al cinema nel cuore di Roma, dopo le rassegne Il fascino dell’antico in 10 grandi film e Un giro del mondo tra film e città, sarà dedicata alla Città Eterna vista attraverso lo sguardo di maestri del cinema, dal dopoguerra ai giorni nostri.

Roma cambia continuamente pelle, ma ogni mutazione urbanistica non cancella i segni del tempo: le costruzioni moderne si specchiano con naturalezza sui ruderi e sui fasti del passato, le epoche storiche e gli stili si sovrappongono gli uni agli altri, tutto viene conservato e consegnato ai posteri. Un museo a cielo aperto che la macchina da presa ha fedelmente riprodotto e rielaborato sotto lo sguardo di registi, spesso venuti da altre parte d’Italia, colpiti e storditi dal fascino ammaliante della Capitale, irresistibile soprattutto per i forestieri e gli stranieri, a fronte del proverbiale disincanto del romano de’ Roma. Ognuno si costruisce la sua città ideale, inseguendo tracce barocche, gotiche o rinascimentali, persino post-moderne nello scenario già apocalittico dell’EUR, acronimo, non a caso, di Esposizione Universale di Roma.

Il cinema si è premurato, uscendo dal suo luogo deputato alle riprese, Cinecittà, di preservare e reiterare l’immagine della città. Accanto alle cartoline che la immortalano, ecco susseguirsi scene cinematografiche emblematiche, come gli interni di Cinecittà in Bellissima di Luchino Visconti, il giro in Vespa di Audrey Hepburn e Gregory Peck in Vacanze romane di William Wyler, piazza del Popolo invasa dalle macchine nel finale di C’eravamo tanto amati, la pirotecnica festa sulla terrazza de La grande bellezza di Paolo Sorrentino. E poi quel senso ineluttabile di spaesamento periferico di Fortunata (e sua figlia) nell’omonimo film di Sergio Castellitto, il Tevere radioattivo di Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti, l’assalto ai quartieri residenziali dei malavitosi de L’odore della notte di Claudio Caligari. A tracciare una Roma on the road, a piedi o bordo di macchine che solcano l’oscurità della notte, irresistibilmente iconica.

“Iniziative come Quo Vadis?, risvegliano l’amore per il cinema nel pubblico di tutte le età e provenienze grazie alla magia di una location unica al mondo, il Tempio di Venere e Roma – che è l’unica metropoli del mondo antico a vivere nell’età contemporanea e sicuramente una delle città più filmate al mondo nelle sue uniche location”, dichiara il Presidente della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia Sergio Castellitto. “La terza edizione traccia un percorso affascinante, nel tempo e nello spazio, dalla Roma imperiale a quella della dolce vita, dalla Roma di Totò a quella di Jeeg Robot, da quella di Anna Magnani alla grande bellezza di Sorrentino, da quella di Scola al romanzo criminale di Caligari fino ad arrivare ad una Roma estrema e periferica, alle spalle di Jasmine Trinca, in Fortunata: sarà per me particolarmente emozionante, essendone l’autore, poterlo presentare e offrire nel museo a cielo aperto che è questa città”.

“Il fascino di Roma e la sua eternità anche quest’anno sono protagonisti della rassegna Quo Vadis che per la terza volta porta il cinema nella monumentale cornice del Tempio di Venere e Roma. La rassegna in programma punta a raccontare i mille volti di una città che continua a disvelare la sua immortalità sotto l’occhio della cinepresa, capace di cogliere la magia della Natura incurante del frastuono quotidiano, la potenza della Storia che riecheggia nella maestosità del Colosseo, le delicate e romantiche notti di Luna piena” – aggiunge Alfonsina Russo, Direttore del Parco archeologico del Colosseo. “È questo e molto altro quello che Roma può raccontare di sé e il Parco archeologico del Colosseo intende proseguire nella sua missione di offrire questo racconto non solo con la propria consueta offerta culturale ma anche attraverso il cinema e il linguaggio universale della fotografia, con lo scopo di attrarre sempre più nuovi pubblici”.

IL PROGRAMMA

Tutti i film sono in versione originale con sottotitoli italiani; i film italiani in versione originale con sottotitoli inglesi.

Gli incontri saranno moderati da Claudio De Pasqualis

 

Lunedì 8 luglio

20.30 Incontro con Mario Tozzi

a seguire L’impero della natura di Luca Lancise e Marco Gentili (2023, 100’)

 

Martedì 9 luglio

20.30 Incontro con Flavio De Bernardinis

a seguire Gladiator di Ridley Scott (Il gladiatore, 2000, 155’)

 

Mercoledì 10 luglio

20.30 Incontro con Simone Annichiarico e Masolino d’Amico

a seguire Bellissima di Luchino Visconti (1951, 116’)

 

Giovedì 11 luglio

20.30 Incontro con Andrea Minuz

a seguire Roman Holiday di William Wyler (Vacanze romane, 1953, 118’)

 

Venerdì 12 luglio

20.30 Incontro con Sergio Castellitto

a seguire Fortunata di Sergio Castellitto (2017, 103’)

 

Sabato 13 luglio

20.30 Incontro con Silvia Scola e Giovanna Ralli

a seguire C’eravamo tanto amati di Ettore Scola (1974, 124’)

 

Domenica 14 luglio

20.30 Incontro con Paolo Musu

a seguire Totò cerca casa di Mario Monicelli e Steno (1949, 79’)

 

Lunedì 15 luglio

20.30 Incontro con Nicola Guaglianone

a seguire Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti (2015, 118’)

 

Martedì 16 luglio

20.30 Incontro con Simone Isola e Giorgio Tirabassi

a seguire L’odore della notte di Claudio Caligari (1998, 96’)

 

Mercoledì 17 luglio

20.30 Incontro con Iaia Forte e Galatea Ranzi

a seguire La grande bellezza di Paolo Sorrentino (2013, 141’)

 

 

QUO VADIS? Al cinema nel cuore di Roma

Roma, 8-17 luglio 2024
Tempio di Venere e Roma

Ingresso libero fino a esaurimento posti – prenotazione consigliata su https://bit.ly/quovadis_2024

Accesso da Piazza del Colosseo dalle ore 20.00

I film saranno introdotti da esperti alle ore 20.30

Le proiezioni inizieranno alle ore 21.00

Tutti i film sono in versione originale con sottotitoli in italiano
(o inglese per i film in v.o. italiana)

 

Ulteriori informazioni sono sdisponibili sul sito del Centro Sperimentale di Cinematografia

autore
02 Luglio 2024

Centro Sperimentale

Centro Sperimentale

Michel Khleifi alla ‘Diaspora degli Artisti in Guerra’: “aiutate il mio popolo”

L’appello del regista fondatore del cinema palestinese di fronte alla sala gremita del Centro Sperimentale di Cinematografia, al termine dell’incontro sul suo film La Mémoire fertile

Centro Sperimentale

David Grossman: “Descrivere il conflitto con parole nuove”

Più di 500 persone, molti giovani e giovanissimi, allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia, hanno seguito gli incontri della Diaspora degli Artisti in Guerra. Tra questi un serrato dialogo tra Margaret Mazzantini e lo scrittore israeliano

Centro Sperimentale

‘Diaspora degli artisti in guerra’, al CSC tre giorni di incontri, proiezioni e masterclass

Il Presidente della Fondazione Sergio Castellitto presenta con Edoardo Albinati l’iniziativa che dal 19 al 21 giugno 2024 aprirà le porte del Centro Sperimentale ad artisti, cineasti, scrittori provenienti dai luoghi attraversati dalla guerra

Centro Sperimentale

CSC, Mario Sesti nuovo Responsabile della Comunicazione

Il giornalista e direttore artistico si aggiunge alla nuova squadra composta dal Presidente Sergio Castellitto e dal Conservatore Steve Della Casa


Ultimi aggiornamenti