‘Pantafa’, con Kasia Smutniak la leggenda popolare diventa horror

Emanuele Scarigi alla regia di un racconto che ruota intorno alle paralisi ipnagogiche di una bambina, Greta Santi: il "genere" per raccontare il lato buio della femminilità


La leggenda popolare spesso porta con sé poesia ma anche mistero, e quello di Pantafa è molto oscuro, sinistro: storia di Nina (Greta Santi), bambina che da qualche tempo soffre di paralisi ipnagogiche, disturbo del sonno che può portare a stati allucinatori; la mamma Marta (Kasia Smutniak) ha pensato che un po’ di aria di montagna e di lontananza dalla frenesia cittadina possano giovare alla piccola, così il trasferimento a Malanotte, “nomen omen”. 

Chi è la Pantafa?”, domanda innocente la bambina. “Shhh, non la devi mai nominà”, le risponde la fornaia del paesino dell’Appennino centrale dove mamma e figlia sono appena giunte. 

“Questo è un film che racconta una parte femminile dell’universo: c’è una madre, c’è una figlia, una donna adulta che tramanda il proprio sapere a queste due femmine e c’è il lato oscuro, anche questo è una donna. Il racconto va a esplorare cose del subconscio femminile” per Kasia Smutniak. 

“Non avevo mai immaginato di approcciarmi all’horror ma ho incontrato un articolo sui disturbi del sonno e ho scoperto la Pantafa: abbiamo costruito un nostro immaginario sul folk italiano, poco sfruttato, e da qui siamo partiti”, spiega Emanuele Scaringi – al suo secondo lungometraggio, dopo La profezia dell’armadillo dalla novella grafica di Zerocalcare -, qui dietro la macchina da presa di questo film di genere, il cui tratto distintivo orrorifico comincia sin dalla prima notte nella casa montana, circondata dal nulla e piena dell’assenza di bambini. I sintomi di Nina peggiorano sin dal primo sonno notturno in quel luogo, la bambina è abbracciata nella morsa di un crescendo onirico da paura e una figura femminile spettrale le si siede sul petto, la immobilizza, le ruba il respiro. Ma il giorno non è migliore: sospette crisi di epilessia – come diagnostica il dottore (Giuseppe Cederna) -, telefonate che le annunciano la morte della mamma e mani nervose e artigliate che s’affacciano sotto gli armadi attanagliano le sue ore diurne, sempre sotto l’occhio vigile ma un po’ sfuggente della balia Orsa (Betti Pedrazzi) e quelli volitivi quanto teneri e rassicuranti della mamma, non fino a in fondo solo spettatrice degli eventi che chiamano in causa la sua bambina. 

“La questione non è il genere, che è un vestito: il tema mamma-bambina è complesso e l’horror ci sembrava il genere giusto per renderlo popolare; il genere che è solo un modo per raccontare. L’horror ti fa affrontare una parte buia di te e a me ha attratto particolarmente, rappresentata qui dalla figura mitologica della Pantafa”, continua il regista. 

“Ho costruito il personaggio senza giudicare il personaggio: prevaleva la psicologia dello stesso, era necessaria nel processo della storia. C’è questa mamma molto fragile, l’incapacità di avere un rapporto col mondo esterno, quindi anche di staccarsi dalla figlia: è un film anche sul distacco tra madre e figlia, non tutti sono in grado di affrontarlo senza paura”, secondo l’attrice.

“Emanuele è un regista capace di esplorare territori diversi. Condividiamo che il genere sia uno strumento per raccontare anche altro, quando non è solo esercizio di stile: quando è un mezzo per dare altre suggestioni mi sembra che sia un bene lavorare sullo stesso” dice il produttore, Domenico Procacci

E per Samanta Antonnicola: “normalmente Rai Cinema non produce o sostiene horror o genere ma questo film aveva il tema del territorio, del folklore, oltre al punto di vista del femminile, che ci ha molto attratto: al di là dell’horror questa donna subiva dei pregiudizi e poi aveva un lato oscuro che può essere ancora un tabù. E il film indaga con molta intelligenza”.

Nel cast anche Mauro Marino – Franco il proprietario della casa, Mario Squeglia – Andrea, nipote di Orsa, Francesco Colella – Cowboy: Pantafa – una produzione Fandango con Rai Cinema – uscirà al cinema nella primavera 2023

Il film sarà distribuito nelle sale da Fandango dal 30 marzo 2023

02 Dicembre 2022

Attori

Andrea Lattanzi: “A volte vorrei mollare, ma continuo a mettere anima e corpo nel mio lavoro”

Protagonista di Io e il secco, attualmente nelle sale, l'attore racconta a CinecittàNews le difficoltà del suo mestiere, fatto anche di sorprendenti soddisfazioni, come i complimenti ricevuti da Susan Sarandon per la sua interpretazione nel film

TFL 2024

Payal Kapadia e non solo, i premi targati TorinoFilmLab a Cannes

Il film indiano All We Imagine as Light, vincitore del Gran Prix a Cannes 2024, fa parte del lungo elenco dei TFL FILM

Seriamente

#SERIAMENTE: un simpatizzante, un gentiluomo e i cigni di Capote

Tantissimi divi di Hollywood approdano sul piccolo schermo, da Robert Downey Jr. ne Il simpatizzante, a Ewan McGregor in Un gentiluomo a Mosca, fino al cast corale di Feud - Capote vs the Swans

Cinema@Scuola

Il lago incantato trionfa al Queens World Film Festival di New York

Il film nato dall'omonimo progetto del Liceo Classico e Musicale Cavour di Torino conquista il premio Best Cinematography – Narrative Feature al festival newyorkese


Ultimi aggiornamenti