‘Palm Trees and Power Lines’ vince il Torino Film Festival

Il film scritto e diretto da Jamie Dack si aggiudica il premio per il Miglior film e per la Miglior sceneggiatura. Il miglior documentario internazionale è Riotsville, USA, mentre l'attrice Greta Sant


Si è svolta la cerimonia di premiazione del 40mo Torino Film Festival, un’edizione davvero speciale che ha colorato le strade e le piazze del capoluogo piemontese con le caratteristiche locandine realizzate dall’artista Ugo Nespolo. “Vorrei fare solo due considerazioni – dichiara il direttore artistico Steve Della Casa – quella oggettiva è che volevamo riempire le sale e le sale le abbiamo riempite. Quella soggettiva è che non so se ho fatto un festival bello, però ho fatto il festival che volevo fare. Volevo un festival in cui ci fossero persone competenti a giudicare i film, che non fossero scelte per la fama; volevo un festival in cui ci fossero delle notevoli star internazionali ma che non venissero qui solo a fare passerella bensì a incontrare il pubblico, e infatti tutti quelli che sono venuti, anche i più rari, come Malcolm McDowell, Paolo Sorrentino e Toni Servillo, tutti sono stati generosi”. 

A vincere il Concorso Lungometraggi Internazionali è il film Palm Trees and Power Lines di Jamie Dack. Una storia d’amore tra una diciassettenne e un uomo due volte più grande di lei. Il rapporto tra i due, interpretati da Krystin Ver Linden e Bradley Rust Gray, diventa rapidamente un insolito gioco di potere. “Ci sentiamo tutti onorati e grati – dichiara la regista e sceneggiatrice statunitense – Vorrei ringraziare tutti, in particolare i miei attori. Se avete visto il film sapete che si sono dedicati a fondo ai propri personaggi fidandosi di me e lavorare con loro è stata una delle esperienze più speciali della mia vita”.

Nel Concorso Documentari Internazionali si impone Riotsville, USA di Sierra Pettengill, mentre il Concorso Documentari Italiani va a Corpo dei Giorni del collettivo Santabelva: “Bisogna investire nel documentario e nella fiction indipendente, perché è una forma di espressione che riesce a distanziarsi dalle logiche di mercato, di promozione e a parlare con grande libertà. Speriamo che questa vittoria non sia un cerchio che si chiude, ma l’inizio di una riflessione”.

Il Concorso Cortometraggi Italiani va a Sirens di Ilaria Di Carlo, mentre il vincitore della sezione Crazies è Huesera di Michelle Garza. La sezione vede eccellere anche un’attrice italiana, ovvero Greta Santi, che riceve una menzione per la sua interpretazione in Pantafa.

Qui di seguito tutti i premi:

Concorso Lungometraggi Internazionali Miglior film a Palm Trees and Power Lines di Jamie Dack; Premio speciale della giuria a Rodeo di Lola Quivoron; Miglior attrice a Julie Ledrou per il film Rodeo di Lola Quivoron; Miglior attore a Jojo Bapteise Whiting e Ladainian Crazy Thunder per il film War Pony di Riley Keough e Gina Gammell; Miglior sceneggiatura a Palm Trees and Power Lines di Jamie Dack;  Menzione speciale a Nagisa di Takeshi Kogahara.

Concorso Documentari Internazionali: Miglior film I Wonderfull a Riotsville, USA di Sierra Pettengill; Premio speciale della giuria a Where is this Street? Or with no before and after di João Pedro Rodrigues e João Rui Guerra da Mata; Menzione a Corsini interpreta a Blomberg Y Maciel di Mariano Llinás e Elsewhere starts here and it’s happening di Darik Janik.

Concorso Documentari Italiani: Miglior film Corpo dei Giorni di Santabelva; Premio speciale della giuria a N’en Parlons Plus di Cecile Khindria, Vittorio Moroni;

Spazio Italia | Concorso Cortometraggi Italiani: Miglior cortometraggio a Sirens di Ilaria Di Carlo; Premio speciale della giuria a Old Tricks di Edoardo Pasquini, Viktor Ivanov; Menzione speciale a Ritirata di Gianmarco Di Traglia.

Crazies | Concorso Miglior film a Huesera di Michelle Garza Cervera; Menzione a Greta Santi per la sua interpretazione in Pantafa.

Premi Collaterali: Premio Rai Cinema Channel Miglior film Concorso Cortometraggi Italiani Old Tricks di Edoardo Pasquini e Viktor Ivanov;  Premio Achille Valdata- Giuria dei lettori di “Torinosette” Miglior film Concorso Lungometraggi Internazionali Pamfir di Dmytro Sukholytkyy-Sobchuk;  Premio Occhiali Di Gandhi Assegnato dal Centro Studi “Sereno Regis” (Torino) al film che meglio interpreta la visione gandhiana del mondo a Manodopera – Interdit aux chiens et aux italiens di Alain Ughetto;  Premio Interfedi – Premio per il rispetto delle minoranze e per la laicità, attribuito dalla Giuria Interfedi I sogni abitano gli alberi di Marco Della Fonte;  Premio Scuola Holden Miglior sceneggiatura Concorso Lungometraggi Internazionali War Pony di Riley Keough e Gina Gammell.

03 Dicembre 2022

TFF 2022

TFF 2022

‘I Pionieri’, laboratorio d’amicizia nel campo scout post-comunista

L'opera prima di Luca Scivoletto, in sala dal 13 aprile, è un viaggio nella generazione cresciuta dopo la caduta del muro di Berlino. Un film per ragazzi infarcito di una sottile ed efficace satira politica. Fandango ha pubblicato il trailer ufficiale

TFF 2022

Torino Film Festival, quasi 50mila presenze per la 40ma edizione

Il festival diretto da Steve Della Casa ha pubblicato i numeri di una 40ma edizione da record che ha portato a diversi sold out, come quello per EO e per Empire of Light, e a un incasso complessivo di 151.632 euro

TFF 2022

Franco Bixio: “le musiche di ‘Lotta Continua’ per rivivere la storia”

Il compositore e CEO del Gruppo Editoriale Bixio cura la colonna sonora del doc diretto da Tony Saccucci e prodotto da Verdiana Bixio per Publispei con Luce Cinecittà. Le musiche sono tutte state composte negli anni ‘70 guarda video

TFF 2022

‘Empire of Light’: Mendes scrive e dirige, Colman accende la luce

Il regista premio Oscar Sam Mendes racconta una tenera, per quanto improbabile, storia d'amore sullo sfondo dell'Inghilterra degli anni '80 in cui è cresciuto. Protagonisti la diva Olivia Colman e il giovane Micheal Ward


Ultimi aggiornamenti