Nicola Maccanico alla BBC e “Il grande rimbalzo di Cinecittà dopo gli scioperi”

L'ad di Cinecittà è intervenuto nel podcast giornaliero Business Daily di BBC, commentando le conseguenze degli scioperi di Hollywood sul mercato cinematografico


“Negli anni ’60 Cinecittà è diventata famosa in tutto il mondo, perché alcuni dei più grandi blockbuster dell’epoca sono stati girati qui, come Ben Hur, Quo Vadis, Cleopatra. Per questo motivo Cinecittà non fornisce soltanto strutture per la produzione cinematografica, ma è anche un brand italiano”. Così Nicola Maccanico introduce Cinecittà a Izzy Greenfield, presentatrice e produttrice del podcast Business Daily di BBC. La giornalista, dialogando con l’Amministratore Delegato, ha descritto gli studi di via Tuscolana come la “grande speranza del cinema italiano”. La puntata di ieri del podcast giornaliero è stata dedicata alle conseguenze sul mercato cinematografico mondiale degli scioperi di Hollywood, che avrebbero potuto compromettere la stagione dei premi.

“Il problema è stato che per quattro mesi non abbiamo avuto nessuna grande produzione attiva a Cinecittà. – spiega Maccanico – D’altro canto siamo stati fortunati per due ragioni: la prima è che i primi sette mesi del 2023 sono stati incredibili, nello stesso periodo avevamo Joe Wright che girava M – Il figlio del secolo, la serie Sky su Mussolini, Roland Emmerich che girava Those about to die, una serie Peacock sull’antica Roma, e Luca Guadagnino, che girava Queer, film con Daniel Craig come protagonista. È stato così importante avere questi grandi registi qui a Cinecittà che, nonostante quella pausa di quattro mesi, abbiamo avuto importanti risultati economici. Il secondo aspetto importante è che non è stata interrotta nessuna produzione, non ne abbiamo aggiunta nessuna di nuova, ma siamo riusciti a terminare tutti i lavori in corso. Siamo riusciti a compensare con l’aggiunta di piccole produzioni e qualche pubblicità, anche se è ovviamente molto diverso quando puoi lavorare con le grandi produzioni. Alla fine di questi scioperi abbiamo avuto ottime notizie. È accaduto quello che speravamo: un grande rimbalzo. I motori sono subito ripartiti e le grandi produzioni sono subito tornate a cercare opportunità”.

“Il trend del 2024 è già molto positivo. – continua Maccanico – Lo sciopero, in un certo senso, è stato una pausa, che non ha cambiato quello che stavamo realizzando prima. Siamo in un’era dorata, un momento molto positivo per l’Italia e per il mercato produttivo. Un accordo era nell’interesse di tutti. Lo sciopero è stata un’opportunità per tutti i contendenti sul campo, che ne sono usciti tutti più forti”.

Infine, l’ad risponde a una domanda sulle prospettive future del mercato. “Credo che in futuro Cinecittà sarà in grado, ancora più di quanto lo sia oggi, di costruire collaborazioni a lungo termine e ospitare grandi produzioni internazionali. Grazie alla metratura dei nostri studi, ogni produzione può immaginarsi dentro Cinecittà. Dobbiamo solo essere in grado di convincerli, ma siamo in grado di ospitare ogni tipo di produzione”.

redazione
08 Marzo 2024

Cinecittà

Cinecittà

L.O.V.E. reMADE in Cinecittà, l’omaggio a Maurizio Cattelan

In occasione del Design Pride, la ‘copia scenografica’ di L.O.V.E., il celebre “dito medio” di Maurizio Cattelan, ideata e realizzata dagli Studios, partirà da Piazza Affari per arrivare fino all'Arco della Pace

Cinecittà

Di Gregorio va in pensione dopo oltre 40 anni

Il suo impegno principale nelle pubbliche relazioni di Cinecittà: Giancarlo Di Gregorio è stato alla guida della Comunicazione istituzionale e delle Attività giornalistiche degli Studios, occupandosi poi della gestione di Cinecittà si Mostra e del MIAC. Negli Anni ‘90 ha ideato gli Italian Pavilion, "la casa del cinema italiano" presso i grandi Festival internazionali

Cinecittà

A Cinecittà si Mostra i costumi di David Bowie, Eva Green e Kasia Smutniak

Dal 29 marzo l’esposizione permanente di Via Tuscolana rinnova la selezione di abiti di scena originali con pezzi provenienti da serie come Penny Dreadful, Domina e Il mio west, ma anche dai recentissimi film Napoleon e Finalmente l’alba

Cinecittà

‘C’è ancora domani’ anche a Londra, Paola Cortellesi commuove il pubblico britannico

Cinque minuti di applausi alla fine dell’anteprima all'Istituto di Cultura francese nell’ambito della rassegna Cinema Made in Italy, organizzata con l'Istituto di Cultura italiano e Cinecittà.


Ultimi aggiornamenti