Le affiches di Cannes, locandine storiche: l’Italia con Fellini, Mastroianni, Mattotti e Cardinale

La prima data 1939 e quella di quest'anno omaggia Kurosawa: illustrazioni, scene di film e grandi omaggi, come quello al nostro autore riminese, che torna nella Storia di queste piccole opere d’arte 4 volte. Tra le curiosità: la locandina del 1980 è stata anche la stessa dell’anno successivo


CANNES – 1994 (e non solo) nel nome di Federico Fellini e 2014 con Marcello Mastroianni; l’anno 2000 per Lorenzo Mattotti da autore, e il 2017 con Claudia Cardinale protagonista. Quattro date per quattro maestri del cinema mondiale, italiano in primis, che accompagnano il proprio nome a quello di una tradizione, quella delle affiches di Cannes, le locandine storiche del Festival, una storia cominciata nel 1939, seppur la prima edizione della manifestazione sia del ’46. Sono tante e curiose le particolarità artistiche e narrative dietro a queste immagini – illustrazioni, scene di film e grandi omaggi – che nel tempo sono assurte a piccole opere d’arte, capaci in un “fermo immagine” di raccontare un tempo, un sentimento, un allure del cinema, e che quest’anno il Festival ha deciso di esporre – non tutte – nel Palais, nell’area antistante la sala conferenze, seppur queste chicche d’arte e di grafica avrebbero probabilmente meritato uno spazio – o, meglio, un allestimento – più prezioso; però s’apprezza e si “respira” il loro essere originali, non tutte intonse, non perfette, qualcuna più vissuta, dunque certamente pregne di una storia che va oltre la loro estetica.

Dicevamo, c’era una volta il 1939: correva l’anno del debutto del Festival, che però non si svolse mai a causa della Seconda Guerra mondiale. Inoltre, tra le locandine mancano quelle del ‘48 e del ’50, anni in cui Cannes non ci fu per questioni di bilancio. Poi, altra curiosità: la locandina del 1980 è la stessa dell’anno successivo, fu infatti scelta la medesima immagine, realizzata da Michel Landi (autore poi anche di quelle del 1992 e 1993).

Fellini, nella storia delle locandine di Cannes, torna tre volte (anzi quattro): la prima è nel 1982 con una affiche omaggio al Maestro riminese, nell’illustrazione evocativa della mastodontica e onirica imbarcazione de E la nave va; quella del ’94 – 47ma edizione“da un disegno di Federico Fellini”, come recita la didascalia; quella del 2003, sfondo grigio e scritta rosa shocking “Viva Il Cinema!”, creata da Jenny Holzer, nel decennale dalla scomparsa di FF.

E il nostro Paese, con l’arte dell’illustrazione, è parte anche del Festival di debutto del nuovo millennio: è, infatti, opera di Lorenzo Mattotti l’affiche del 2000 (53mo Festival di Cannes). E, ancora con il colore rosso a fare da fuoco cromatico, è il 2017 a scegliere una danzante Claudia Cardinale in bianco e nero per la 70ma edizione del Festival.

C’è ancora l’Italia, prima con L’Avventura di Antonioni, nella fotografia scelta per l’immagine del 62mo anno di kermesse (2009), di cui è autore Annick Durban, partendo proprio da un fotogramma del film del regista ferrarese; poi con Mastroianni, protagonista assoluto, in un primissimo piano da 8 ½ – quindi in cui torna anche Federico Fellini – il volto di Cannes 2014, ad opera di Gilles e Hervé Chigioni Frappier.

 

Uno dei nomi più ricorrenti nella Storia di queste locandine, tra gli autori più riconoscibili delle affiches, è quello di Ferracci, che ha firmato quelle del 1966, ’67, ’70, ’71.

 

Tra quelle che forse più toccano le corde emotive, capaci di evocare e usare il vigore della visione per restituire l’incantesimo del cinema, la locandine del 1962 (15ma edizione), autore A.M. Rodicq; quella del 40mo anniversario del Festival (1987), realizzata da Cueco; e altrettanto l’opera di Cannes 1990, di Castile Traquandi, che ha reso antropomorfo il simbolo della Palma; e – più recente – questo effetto riesce a lasciarlo impresso anche l’immagine di Cannes 2022, 75ma edizione, ispirata a The Truman Show de Peter Weir, con Jim Carrey protagonista.

 

Ed ecco correre l’anno 2024, in cui – come per quella di due edizioni precedenti – torna a essere centrale il colore blu, come il cielo e come il mare della Costa Azzurra, un celeste naturale che fa tutt’intorno da cornice all’immagine, fermo immagine da Rapsodia in agosto, omaggio esplicito a Akira Kurosawa, seppur non sia la prima volta che Cannes s’inchina al maestro giapponese, perché già la locandina del 36mo Festival (1983) era dedicata a lui.

 

14 Maggio 2024

Cannes 2024

Cannes 2024

Il cinema indie americano di Sean Baker conquista Cannes

Le dichiarazioni dei premiati di Cannes 77, dall'autore della Palma d'oro Anora fino al regista dissidente iraniano Mohammad Rasoulof, passando per il Grand Tour di co-produzione italiana di Gomes

Cannes 2024

L’attrice transgender Karla Sofia Gascón: ‘Emilia Pérez, un film contro gli stereotipi’

Quello diretto da Jacques Audiard è stato l’unico titolo a ricevere un doppio premio. L’attrice spagnola ha dichiarato: "ho capito che molta gente potrà cominciare a essere guardata in faccia, persone come me, denigrate, insultate”

Cannes 2024

Per Favino “in un mondo che distrugge il senso di comunità, questa Giuria è un’esperienza da cui prendere esempio”

La presidente Greta Gerwig e i colleghi commentano il palmarès. L’intero parterre, alla fine della tradizionale conferenza di chiusura, s'inchina alla locandina, omaggiando Akira Kurosawa

Cannes 2024

Cannes 77, Palma d’oro per ‘Anora’ di Sean Baker

La storia di una spogliarellista newyorkese che si sposa con il figlio di un oligarca russo: regia di Sean Baker, interpretato da Mikey Madison


Ultimi aggiornamenti